L’Eurobasket si arrende all’overtime, Chiusi corsara

0

Atlante Eurobasket Roma – Umana Chiusi 86-93 (20-17, 15-20, 23-16, 21-26, 7-14)

Atlante Eurobasket Roma: Kyndahl Hill 24 (8/13, 0/0), Simone Pepe 24 (2/6, 4/14), Jeffrey Carroll jr 18 (3/6, 4/9), Lorenzo Baldasso 8 (0/4, 2/8), Matteo Schina 7 (1/3, 1/3), Kenneth Viglianisi 5 (1/2, 0/3), Gabriele Signorino 0 (0/0, 0/0), Leonardo Pavone 0 (0/0, 0/0), Eugenio Fanti 0 (0/0, 0/0), Scott Ulaneo 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 23 / 28 – Rimbalzi: 39 9 + 30 (Kyndahl Hill 15) – Assist: 16 (Matteo Schina 7)

Umana Chiusi: Lester Medford 24 (5/17, 2/7), Jeremiah Wilson 20 (7/11, 2/4), Bernardo Musso 20 (1/4, 4/7), Luca Pollone 10 (2/4, 2/4), Martino Criconia 8 (1/3, 2/5), Francesco Fratto 7 (1/3, 1/1), Luca Possamai 4 (2/6, 0/0), Andrea Ancellotti 0 (0/1, 0/1), Francesco Vecchi 0 (0/0, 0/0), Matteo Ciancaleoni 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 16 / 19 – Rimbalzi: 44 12 + 32 (Jeremiah Wilson 16) – Assist: 19 (Lester Medford 10)

Penultima gara della prima fase di campionato per l’Atlante Eurobasket Roma, che ospita una delle rivelazioni del Girone Rosso come l’Umana Chiusi; contro i toscani (privi di Biancotto), il match è difficile per i capitolini ancora alle prese con varie defezioni (Fanti e Ulaneo, oltre ai soliti Cicchetti e Santini), ma la squadra romana dà battaglia cedendo solo dopo un tempo supplementare.

Nelle prime battute di gara le due squadre mettono in mostra le proprie peculiarità, con gli ospiti a volersi avvicinare a canestro e i padroni di casa a voler giocare maggiormente in transizione, con il punteggio che resta equilibrato (5-6 dopo tre minuti di gioco). Con le due compagini in pareggio, è la combinazione Schina-Hill con uno spettacolare alley-oop a dare spinta ai padroni di casa, che poi si ritrovano avanti con l’appoggio di Pepe per 12-10 a tre minuti dalla fine del primo quarto. Dall’altra parte è Wilson a fare la voce grossa, con 11 punti personali sui 17 totali dell’Umana Chiusi nella prima frazione, che si chiude con la solita tripla fuori equilibrio di Simone Pepe sul 20-17 per l’Atlante Eurobasket Roma.
I toscani approfittando della rotazione ridotta dei capitolini ripartono con energia, con un 0-8 nei primi due minuti del secondo quarto che li porta avanti per 20-25; i laziali però spinti dalla grinta di Schina non permettono la fuga, tornano attaccati due minuti dopo (24-25). Pepe e Wilson proseguono nella loro partita nella partita fra i migliori marcatori delle due compagini, con il ritmo ad abbassarsi e la gara a rimanere equilibrata (28 pari a tre minuti e mezzo dall’intervallo). Alla tripla di Pollone risponde Carroll da sotto, nuovamente togliendo l’inerzia all’Umana Chiusi; anzi, i due liberi di Matteo Schina portano avanti l’Atlante Eurobasket Roma per 33-32 a 100 secondi dall’intervallo. Alla tripla di Medford replica un Hill molto presente sotto le plance, prima dell’appoggio a fil di sirena di Fratto da sotto per il 35-37 a favore degli ospiti con cui le due squadre vanno al riposo.
E’ una tripla di Matteo Schina ad aprire il terzo quarto, con un gioco da 3 punti di Hill a dare maggiore spinta ai capitolini, avanti per 41-39 a due minuti e mezzo dal ritorno sul parquet. L’agonismo in campo continua ad alzarsi e i capitolini piazzano il break: 5 punti in fila di Jeffrey Carroll Jr., altri 3 di Simone Pepe e i ragazzi di coach Pilot provano la fuga sul +8 a sei minuti dalla fine della terza frazione (49-41). Con un floater di Hill arriva il primo vantaggio in doppia cifra della gara, a favore dei romani, interrotti nella loro fiammata offensiva dall’appoggio da sotto di Wilson del 51-43 a tre minuti dalla sirena conclusiva del quarto. Il jumper di Medford e la schiacciata di Possamai provano a dare carica ai toscani, che aggiungendo la tripla di Wilson tornano a -2 (55-53) a 30 secondi dalla chiusura del quarto. Segue però quella di Jeffrey Carroll Jr: 58-53 è il punteggio sul tabellone quando manca solo l’ultima frazione.
Criconia dopo un minuto e mezzo dell’ultimo quarto segna la tripla che rimette un possesso fra le due squadre (59-56), col match più in bilico che mai; un’altra magia di Pepe da tre punti, seguita da una seconda tripla di Jeffrey Carroll Jr., riporta l’inerzia dalla parte dell’Atlante Eurobasket Roma spingendola nuovamente sul +9 (67-68) a sette minuti dalla chiusura della gara. I due liberi di Musso e la tripla di Medford, dopo il pallone recuperato dal pressing dell’Umana Chiusi, riportano in un amen i toscani sul -4; ma i viaggi in lunetta di Hill e Pepe permettono ai romani di tornare sul +7 (70-63) a cinque minuti e mezzo dalla sirena finale. Cinque punti consecutivi di Medford ricuciono lo strappo prima che 90 secondi dopo Viglianisi in lunetta interrompa il parziale toscano: il tabellone a poco meno di di quattro minuti dal termine recita 72-68 per l’Atlante Eurobasket Roma. Ancora Medford piazza un gioco da 3 punti, con la tripla di Musso a completare il sorpasso toscano sul 72-74 a due minuti dalla chiusura del match. Dal layup di Pepe arriva il pareggio un minuto dopo, ma ancora Musso colpisce dalla distanza: 74-77 a 47 secondi dal termine. La partita sembra chiusa, ma con il fallo sistematico l’Atlante Eurobasket Roma mantiene vive le sue possibilità di pareggiare, che arrivano con la tripla di Lorenzo Baldasso: è supplementare!

La tripla di Musso e il sottomano di Pollone danno subito 5 punti di vantaggio all’Umana Chiusi, con il parziale toscano interrotto dal gioco da 3 punti di Kyndahl Hill (82-84) dopo due minuti di overtime. Ancora Pollone colpisce dalla distanza e il vantaggio ospite diventa di 5 punti 60 secondi dopo (82-87). Le due squadre con le energie agli sgoccioli non trovano quasi più il canestro, se non con due liberi di Medford a 20 secondi dal termine del tempo supplementare. Un appoggio di Hill, altri due viaggi di Medford e Musso in lunetta e un layup di Schina non cambiano la sostanza: un’Atlante Eurobasket Roma stoica non ha le energie sufficienti per ribaltare il risultato, sconfitta per 86-93.

UFF. STAMPA EUROBASKET ROMA