Maggioli+Hoover e la Fileni Jesi sconfigge Scafati

0

Nell’8° giornata del girone di ritorno del campionato di LegaDue Eurobet edizione 2012/2013 la Fileni BPA Jesi si prepara ad ospitare tra le mura amiche del PalaTriccoli di Jesi la bestia nera Givova Scafati, con la quale negli ultimi 4 campionati ha sempre perso, escludendo le gare giocate in Coppa Italia.

 Una gara importante per gli uomini di coach Pecchia dopo la batosta subita a Capo D’Orlando, con l’obiettivo di ripartire e di riacquisire la fiducia di tutti i tifosi della città marchigiana che andava un po’ scemando; i playoff non sono così facili da raggiungere per la compagine aurorina, ma bisogna continuare ad onorare la maglia e come dice il proverbio “tentar non nuoce”.

Scafati viene da un brutto periodo dove sta iniziando a subire sconfitte anche all’MPrime PalaMangano che lo scorso anno sotto la guida di coach Griccioli era diventato un fortino inespugnabile.
Ora il timone della squadra è stato affidato a Demis Cavina, che va a sostituire l’ex Aurora Jesi Maurizio Bartocci, firmando così il terzo cambio di panchina nella stagione della squadra campana dopo l’inizio con Di Carlo.

Per Jesi incerto Sanders fino all’ultimo per l’ennesimo problema alll’ormai maledetta caviglia, infortunatasi ancora una volta nel match di Capo D’Orlando: il ragazzo texano non si è allenato per tutta la settimana e solo stamattina si è deciso che il giocatore, comunque centellinando le sue energie, sarebbe potuto essere a disposizione di coach Pecchia.

Scafati non rileva alcun problema fisico in particolare, solamente Tavernari che per un affaticamento parte dalla panchina ma sarà certamente della partita.

Il match inizia con un primo quarto a punteggio molto basso; dopo 2′ Griffin va in gita per la prima volta sopra al ferro con una bimane col fallo di Slay regalando da subito grandi numeri ai numerosi spettatori accorsi quest’oggi al palazzo.
Mays e Slay per Scafati fanno pentole e coperchi, dall’altra parte c’è Maggioli che sta faticando molto e dopo 5′ sta tirando dal campo con 1/5, ma per gli arancioni c’è Hoover che sta gestendo molto bene l’assenza almeno dall’inizio del play titolare Sanders.
Solo alla fine le due squadre iniziano a fare canestro e, grazie ai contributi di Slay da una parte e Maggioli dall’altra riescono a raggiungere alla sirena di fine primi 10′ con il punteggio di 11-13.

Secondo quarto più pimpante con Ghiacci sugli scudi per la squadra ospite che firma 8 punti nei secondi 10 minuti, sempre fischiato in maniera assordante dai tifosi jesini che di precedenti con il giocatore bolognese ne hanno, eccome se ne hanno.
Stesso bottino nel quarto per Maggioli che sembra essersi scaldato, ed ora sarà difficile per i lunghi scafatesi opporgli resistenza.
Continua ad insegnare playmaking Hoover che serve con molta facilità chiunque si trovi libero dei suoi compagni, che però perdono troppe palle che Scafati potrebbe sfruttare meglio, infatti anche gli ospiti commettono numerosi errori nei pressi del ferro con Baldassarre che non è incisivo come si è soliti vederlo.
Griffin con la sua verticalità strappa numerosi rimbalzi che prova a convertire in contropiedi ma la sua frettolosità lo porta ad incespicarsi ed a perdere troppi palloni.
Scafati dunque resta avanti e riesce a chiudere l’intervallo sul 32-33.

Nel terzo periodo un parziale di 9-0 nei primi 5′ degli jesini: Santiangeli si anima e con 5 punti entusiasma il palazzetto che è più caldo del solito, Griffin assorbe i contatti e segna da sotto e Maggioli dalla lunetta è glaciale, Cavina è costretto a rifugiarsi in timeout per provare a fermare questo momento di esaltazione dei padroni di casa.
Mays torna a segnare e lo fa dalla lunga distanza, Slay gli fa compagnia e dalla linea della carità da il “la” ad un parziale della Givova di 2-16 in 3 minuti e Scafati torna col fiato sul collo degli jesini, pronta addirittura per il sorpasso.
Sorpasso che avviene dopo poco tempo grazie ad un’azione di 5 punti (bomba di Tavernari e contemporaneamente fallo su Ghiacci che fa 2/2 ai liberi con Jesi in bonus); torna a segnare la Fileni con Hoover e Valentini ma Scafati è in striscia ed a fine quarto è ancora tutto in gioco con grande equilibrio, 56-57.

Ultimo quarto che vede gli jesini molto sicuri dei loro mezzi ma ancora qualche palla persa di troppo, però il pubblico è caldissimo e spinge al massimo i propri beniamini vedendo Scafati leggermente in difficoltà.
Gli ospiti per 4 minuti non segnano più e Jesi recupera 6 lunghezze di svantaggio. Ancora Ghiacci prova a portare in fuga i propri compagni ma Maggioli dice di no e con 8 punti consecutivi porta i suoi sul 67-69 a 2 minuti dal termine, con Sanders che firma il canestro del pareggio dopo pochi secondi.
4 tiri liberi, 2 di Maggioli e 2 di Hoover, portano la Fileni BPA Jesi a vincere la partita per 73-72, inframezzati dalla bomba dal parcheggio del palasport di Mays che aveva momentaneamente portato in vantaggio gli scafatesi di coach Cavina, ma poi con 8 secondi sul cronomentro non sono riusciti a segnare la tripla della vittoria con Tavernari.

Importantissima vittoria di Jesi con Pecchia che a fine partita va ad esultare con i tifosi con atteggiamento di liberazione da un grosso peso e gli scafatesi che si riuniscono per l’urlo di rito con facce affrante, visto che ancora non riescono ad uscire da questo pessimo periodo, nemmeno con l’avvento di Cavina in panchina.
Per Jesi è ancora in salita la strada verso i playoff ma il coach continua ad infondere grande determinazione nei suoi ragazzi e nel pubblico che sempre li supporta, sperando in una grande impresa.
Scafati è quinta in classifica, ma deve riuscire a tornare alla vittoria nella prossima giornata per sperare di mantenere la sua posizione che adesso come adesso è a grande rischio.

TABELLINI

FILENI BPA JESIGIVOVA SCAFATI 73-72

FILENI BPA JESI: Colonnelli n.e., Maggioli 26, Battisti n.e., Hoover 18, Valentini 4, Bargnesi n.e., Gaspardo, Zanelli, Griffin 13, Sanders 2, Santiangeli 7, Dolic 3. Coach: Pecchia

GIVOVA SCAFATI: Mays 14, Bushati 10, Matrone n.e., Tavernari 11, Baldassarre 7, Izzo n.e., Sorrentino 4, Rosignoli, Corga n.e., Ghiacci 17, Slay 9. Coach: Cavina

PARZIALI: 11-13; 32-33; 56-57; 73-72

MVP BASKETINSIDE: MICHELE MAGGIOLI (FILENI BPA JESI) 24 punti (8/17 da 2, 0/1 da 3, 10/10 ai liberi), 7 rimbalzi (3 off.), 3 falli fatti, 9 falli subiti, 3 palle perse, 26 di valutazione.