QF G4 – Devoe torna protagonista, Verona sbanca Milano e chiude i conti

0
CREDITS SCALIGERA VERONA

Wegreenit Urania Milano – Tezenis Verona 80-89 (12-16, 18-26, 26-16, 18-16, 6-15)

Wegreenit Urania Milano: Giddy Potts 13 (2/5, 3/5), Matteo Montano 13 (1/1, 2/7), Andrea Amato 12 (3/11, 2/14), Ion Lupusor 10 (1/1, 1/4), Aristide Landi 9 (1/4, 2/5), Giovanni Severini 8 (2/3, 1/5), Giorgio Piunti 7 (3/5, 0/0), Gerald Beverly 4 (2/3, 0/1), Davide Bonacini 4 (2/3, 0/1), Matteo Cavallero 0 (0/0, 0/0), Theo Anchisi 0 (0/0, 0/0), Samuele Solimeno 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 13 / 23 – Rimbalzi: 26 8 + 18 (Giovanni Severini Giorgio Piunti 5) – Assist: 19 (Andrea Amato 9)

Tezenis Verona: Ivan Buva 23 (9/15, 1/2), Gabe Devoe 20 (5/6, 2/5), Francesco Stefanelli 13 (0/2, 2/4), Liam Udom 10 (3/5, 1/3), Ethan Esposito 9 (3/6, 0/5), Giulio Gazzotti 5 (1/2, 1/1), Saverio Bartoli 5 (1/2, 1/2), Lorenzo Penna 4 (0/0, 0/1), Nemanja Gajic 0 (0/0, 0/0), Vittorio Bartoli 0 (0/0, 0/1), Mouhammed falilou Mbacke 0 (0/0, 0/0)

Tiri liberi: 21 / 30 – Rimbalzi: 47 8 + 39 (Ivan BuvaGabe DevoeLiam Udom 10) – Assist: 21 (Lorenzo Penna 7)

La Tezenis sbanca l’Allianz Cloud, vince 80-89 Gara 4 e conquista l’accesso in semifinale. Match molto combattuto che ha visto i gialloblù condurre per larghi tratti, per poi subire il rientro dell’Urania, brava a rimanere nel match con i suoi leader Potts e Amato. Nel finale punto a punto nessuno riesce a spuntarla e si va all’overtime. Negli ultimi 5 minuti di gara la Tezenis si affida alle giocate di Devoe e scava il break decisivo. In semifinale Penna e compagni sfideranno la vincente di Trapani-Piacenza.

CRONACA

Coach Ramagli recupera Devoe e sceglie il quintetto con Penna, Devoe, Udom, Esposito e Buva. Risponde Coach Villa con Amato, Potts, Severini, Lupusor e Beverly. Apre il match Potts con la prima tripla della sua serata, replica Buva con due canestri in fila per il primo vantaggio gialloblù. I primi 3 cesti della partita gialloblù sono del centro croato, lo segue Esposito con il 2+1 ed è 5-9 Verona dopo 3’ di gioco. Ancora il numero 25 prova a scavare il primo break importante del match con bomba e schiacciata, Milano respira con la bomba di Lupusor ma Coach Villa chiama comunque timeout sull’8-14 del quinto minuto di gioco. Lupusor è l’uomo più efficiente dell’Urania, lo dimostra con la giocata del -4 Milano quando entriamo nella seconda parte del primo quarto. Buva, già in doppia cifra, serve Gazzotti per il comodo appoggio rovesciato ma l’Urania, appoggiandosi a Piunti dentro l’area conclude il periodo accorciando nel punteggio. Dopo 10 minuti di gara Verona conduce 12-16.

Landi si iscrive a referto con la bomba che apre il secondo quarto, lucido Saverio Bartoli nelle azioni successive a mettere in ritmo sé stesso ed i compagni, break gialloblù di 8-0 che obbliga Coach Villa al secondo timeout del primo tempo sul 15-26. In uscita dal minuto di pausa Udom fa +13; nel momento più difficile dell’attacco Urania si mettono in partita Montano e Bonacini, sono i due esterni di casa i protagonisti del contro break Wegreenit. Timeout Ramagli sul 23-29 e 4’53” sul cronometro. Devoe sblocca il tabellino personale dalla lunetta, Buva è un riferimento importante dentro il pitturato e Verona scappa ancora sul +11 che diventa +13 con il layup volante di Esposito. Negli ultimi possessi del primo tempo Milano si affida a Montano per restare nel match, si va al riposo lungo sul 30-42 Tezenis.

Si riparte con i quintetti iniziali, esce meglio l’Urania dai blocchi di partenza con Potts ed Amato. Timeout Ramagli dopo solamente 2 minuti del quarto sul 37-43. Ancora Potts per il -3, replica Gazzotti con la stessa moneta per il 40-46. Milano trova energia dai suoi esterni che mettono in moto l’atletismo di Beverly, schiacciata del lungo USA e bomba di Amato per il -4. Nel momento più difficile del match gialloblù, si sblocca definitivamente Gabe Devoe con una gran schiacciata nel traffico ed un jumper dal centro area. 4-0 Tezenis e timeout Urania sul 45-53 del 27’. Sono due triple di Montano a far esplodere l’Allianz Cloud ed a riportare l’Urania a contatto 54-56; Stefanelli ed ancora Montano fissano il punteggio di fine terzo quarto, 56-58 Verona.

Piunti impatta a quota 58, la gara sale di quota con le triple di Stefanelli ed Amato, perfetta parità sul 61-61 a 8 minuti dal termine. Landi regala ai suoi il vantaggio, Udom appoggia dal pitturato ma non si ferma l’inerzia positiva dei padroni di casa; tripla con fallo di Severini che porta Milano al massimo vantaggio sul +5, 68-63. L’Urania entra presto in bonus ma la Tezenis non riesce a trovare buone soluzioni offensive, quando mancano 4 minuti al termine Coach Ramagli chiama timeout per riorganizzare il suo attacco sul 68-64. Buva fa -2, Penna dalla lunetta pareggia ma Potts riporta i suoi a +2. Si entra negli ultimi 3 minuti di gara con la bomba di Udom ed il canestro di Beverly. Verona torna in vantaggio con l’appoggio di Buva a 1’30” dal termine, Potts fa 0/4 dalla lunetta ma Verona non concretizza i possibili possessi che avrebbero chiuso la partita. Timeout Villa sul 72-73 e 28” da giocare. Milano non segna, Verona fa 1-2 con Devoe ma Amato impatta a quota 74 con la mano destra. L’ultimo possesso di Verona questa volta non va a buon fine. Overtime all’Allianz Cloud.

Buva fa 1 su 2 ai liberi in apertura di supplementare, Lupusor lo imita ed è ancora parità. Devoe supera 75-77, Beverly non realizza dalla lunetta e la coppia Buva – Devoe scava il break. Timeout Villa che vede i suoi subire l’inerzia gialloblù. In uscita dalla mini-pausa Milano è stremata, non realizza ed è ancora Devoe a sigillare la qualificazione di Verona in semifinale. La Tezenis vince 80-89 e conclude la serie sul 3-1.

UFF.STAMPA TEZENIS VERONA