Serie A2 Silver: Latina Basket fa sua la prima gara contro una indomita Ravenna

0

Non è stato sufficiente il buio sceso sul parquet di via dei mille ed un arbitraggio non all’altezza della gara per fermare la corazzata nerazzurra che, sotto la guida del piglio volitivo di coach Garelli, conquista la vittoria sulla Basket Ravenna Piero Manetti.
Il PalaBianchini, al buio, ritarda l’inizio della gara contro i giallorossi della Acmar. Le squadre erano giá scese in campo per la presentazione e per l’inno quando, improvvisamente, le luci si sono spente. Un guasto tecnico costringe lo slittamento della gara contro Ravenna di ben 45 minuti, sotto gli occhi di un palazzetto gremito come mai si era visto negli ultimi anni.
Piû di 700 le presenze che hanno resistito al buio ed al caldo, per arrivare alla palla a due delle 18 e 45.
Lo starting five, Ike Ihedioha, Kyle Austin, Carlo Cantone, Greg Somojyi e Mike Nardi.
Il giallorosso Cicognani (efficace tanto in difesa quanto in attacco) é il primo a realizzare ma Ike Ihedioha, immediatamente, mette a segno dai 6 e 75. I primi 5 minuti scorrono con un sostanziale equilibrio, due triple di Ike e una incisiva presenza in campo di Greg Somojy che sottolineano il 14 a 11 a metá del primo quarto. Con la tripla di Cantone tutto il quintetto è a referto ed al TimeOut chiesto da Ravenna il punteggio é 17 ad 11. Ravenna coinvolge quasi esclusivamente gli americani assieme a Cicognani, autore di una bella schiacciata al 3″ minuto di gioco. Diego Banti, sulla sirena realizza i due punti che chiudono il tempo 23 a 16.
Un parziale di 0-4 per Ravenna viene interrotto ad un minuto e mezzo da Diego Banti. La situazione si assesta in paritá 25 dopo il canestro di Foiera. Ma é sempre Banti, su assist di Nardi, che insacca il canestro del nuovo vantaggio Latina. Raschi, solo sotto il canestro, intercetta una palla che riporta la paritá. Garelli chiama il timeout. Il vantaggio Ravenna, il primo della gara, a 4 e 54 dal termine, firmato Singletary, dura poco e i nerazzurri riprendono la paritá con un altro tiro da due di Banti, il vero “anchorman” del quarto di gioco. Si scivola cosí verso la fine del tempo, con Ravenna che tenta piú volte il sorpasso. Ci riesce. Singletary mette dentro 5 punti importantissimi. La difesa nerazzurra é debole e consente il distacco degli ospiti. Si va all’intervallo lungo sul 33 a 41 dopo un tiro sulla sirena di Rivali.
Si rientra in campo. Holloway e Austin segnano le prime due realizzazioni. Rivali segna il vantaggio +10 per Ravenna ma una schiacciata di Austin e due realizzazioni quasi immediate di Greg Somojyi e Carlo Cantone, recuperano lo svantaggio. Al timeout chiesto da Ravenna a 6 e 41 dal termine, il punteggio é 41 a 45. La gara si anima, Ravenna si fa pericolosa e Latina commette qualche errore di troppo. I giallorossi riescono a mantenere le distanze. Sul timeout di Garelli a 3 e 44 dalla fine, Latina soffre sul 43 a 52. Al rientro due belle triple di Ike Ihedioha ed una di Austin riportano Latina a -1 a 1 e 30 dal termine del quarto. Ma Singletary ed un paio di falli inopportuni chiudono il quarto 51 a 55 per gli ospiti.
Ultimo quarto. Latina è confusa e pressata e non riesce a portare a termine nessuna azione fruttuosa, nonostante diversi recuperi. Per due minuti non si segna. Poi Riccardo Santolamazza interrompe l’incantesimo e insacca i due punti del 53 a 55. Ike Ihedioha, il vero protagonista di questa ultima frazione di gioco, recupera, serve un assist ad Austin che segna da due e subito dopo recupera e serve a Santolamazza la palla della tripla. Finalmente arriva il vantaggio dei nerazzurri: a 5 e 28 dal termine siamo sul 58 a 55. Prosegue la cavalcata nerazzurra. Ad un minuto e 12 dal termine la situazione é 71 a 62 con il vantaggio netto per i padroni di casa. Ma Garelli viene gravato di un fallo tecnico per invasione del campo da gioco. L’imprevisto non porta grandi danni  grazie anche agli uomini di coach Martino, stanchi dopo la dura prova contro i pontini. Un timeout a tre secondi interrompe l’esultanza corale del pubblico che vuole onorare questa vittoria. Nonostante i due punti “in extreemis” di Rivali, si festeggia!
La prima in casa termina 73 a 67.
Sofferta e bellissima vittoria meritatissima al termine di una gara incredibile.
Ravenna ha fronteggiato i nerazzurri in maniera molto grintosa. L’ultimo quarto si è inceppato l’ingranaggio di Coach Martino che teneva i suoi equilibri sui due americani Holloway e Singletary. Ravenna paga la stanchezza degli uomini cardine come Rivali che, in ogni caso, ha sempre qualcosa da regalare alla squadra. Una menzione speciale per Raschi e Cicognani che giocano una grande partita e, con scioltezza risolvono sempre le situazioni.
Latina si è messa il mostra con il bel vestito: Banti prezioso, Santolamazza pronto a guidare i suoi in campo, Ihedioha inarrestabile, Nardi ed Austin con la mano calda e Greg Somojyi, una montagna che appoggia i punti nella rete senza sforzi.
Unico neo un arbitraggio giovane ed inesperto che ha messo a dura prova la pazienza del pubblico, degli addetti ai lavori e del Coach Garelli, gravato di una penalità inutile ed inesistente. Un errore che poteva costare caro e che, forse grazie anche alla nuova regola Fiba, non ha influito troppo sull’esito finale della gara.
Due gli appuntamenti fuori casa in programma: il 15 ottobre  a Chieti ed il 19 ottobre a Scafati. Si tornerà a giocare in casa con Legnano il 26 ottobre.
Benacquista Latina Basket vs Basket Ravenna Piero Manetti 73 a 67
Latina Basket: Mathlouthi n.e, Banti 10, Santolamazza 7, Nardi 11, Ihedioha 15, Uglietti, Cantone 7, Austin 17, Di Ianni n.e, Somogyi 6.Coach Garelli
Basket Ravenna: Holloway 9, Amoni, Cicognani 6, Rivali 10, Raschi 15, Grassi, Zannini, Foiera 5, Battaglia n.e., Singletary 22, Biancoli n.e.. Coach Martino.
Arbitri: Federico Brindisi di Torino, Alessandro Perciavalle di Grugnasco (TO), Andrea Bongiorni di Pisa
Il tabellino completo

Fotogallery a cura di Fabrizio Di Falco