Vittoria di supplementare per la Fileni Jesi, anche Imola al tappeto

0

In una partita che ha regalato una quantità innumerevole di gioie ma anche di dolori a tutti i presenti al PalaTriccoli di Jesi, la Fileni Jesi riesce a portare a casa dopo un tempo supplementare una vittoria che vale oro in ottica salvezza contro una diretta rivale, qual’è l’Aget Imola. Una partita che ha visto le due squadre affrontarsi a viso aperto, in tutta la loro sfacciataggine offensiva e parecchi problemi invece in difesa, ma anche stavolta devono essere segnalati numerosi errori dagli uomini in grigio da entrambe le parti che hanno fatto irritare, per usare un eufemismo, le due panchine. 1° quarto che vede scendere in campo le due formazioni con i soliti quintetti, e Jesi parte non proprio benissimo, complice un McConnell abbastanza confusionario (prima volta seriamente in difficoltà quest’anno) che perde qualche palla di troppo e favorisce i contropiedi imolesi; Hoover si prende la squadra sulle spalle e con così tanta esperienza a disposizione, Jesi non può fare a meno del soldato di ghiaccio: mette la bomba che smuove il tabellino aurorino e serve Santiangeli per due bombe consecutive che portano avanti la squadra 13-11 al 4° minuto. Imola non ci sta ed affidandosi alla vere di due uomini come Whiting e Prato (la carta d’identità dice 36 e 33, ma in campo è un’altra cosa) risalgono la china, piazzando un parziale che li porta a 5 lunghezze di vantaggio. Jesi termina il 1° quarto in vantaggio 25-20 grazie ad un ottimo Dolic dalla panchina che firma 7 punti e un pimpante Santiangeli a quota 7; per Imola bene Prato con 8 e Whiting a 5 punti. Il secondo parziale di gioco prosegue sulla falsariga del primo, vedendo le due squadre darsi battaglia ad armi pari, ma a 4 minuti dal riposo prolungato, una nuvola nera incombe sopra ai cieli jesini: Maggioli commette il suo quarto fallo personale (veramente molto discutibile) ed è costretto giocoforza ad abbandonare il campo. All’intervallo, le due squadre vanno negli spogliatoi con sole 3 lunghezze che le separano: 41-38. All’inizio del terzo quarto, Jesi sembra ancora un po’ scossa ed Imola ne approfitta mettendo la freccia e portandosi sul +3 grazie ad un ottimo Prato che non ha mai fatto mancare il suo apporto offensivo alla causa emiliana ed ad un propositivo Kotti, che ha dato parecchio filo da torcere alla difesa jesina. I padroni di casa provano a rialzarsi, e ancora una volta lo fanno grazie alla strana accoppiata Santiangeli-Dolic (a fine partita i loro punti saranno rispettivamente 15 e 12) e riescono a tenere a galla la loro squadra, finendo il terzo parziale con 2 punti di vantaggio per 55-53. L’ultimo quarto, quello decisivo per le sorti dell’incontro, vede il ritorno in campo del capitano Maggioli, gravato di 4 penalità e con un tabellino veramente soglio, cosa parecchio insolita… Fatto sta che dopo due canestri di Kotti, Maggioli sforna una perla dalle sue dolci mani per ristabilire la parità, ma Imola mette continuamente il muso avanti. A 4 minuti dal termine, Erik Daniels è costretto ad abbandonare il terreno di gioco per un infortunio al malconcio ginocchio destro. Durante l’ultimo minuto, sul risultato di 67 pari, Whiting si carica le responsabilità su di se e porta in vantaggio la squadra imolese a 9 secondi dal termine, ma non basta: dall’altra parte, con un’ottima esecuzione di uno schema preparato da coach Cioppi durante il timeout, Brooks segna da sotto mandando quindi le due squadre all’overtime. Supplementare che vede Jesi sempre in vantaggio, e gran parte del merito della vittoria per 78-74 va al veterano Ryan Hoover (16, 4/7 da 3) al solito McConnell (12 + 11 -undici- rimbalzi), che dopo un avvio col freno a mano tirato si è ripreso guidando la squadra alla vittoria, anche se con qualche sbavatura nel finale, ed a Santiangeli (15, 4/6 da 3), . Per Imola bene Prato (16 + 5 rimbalzi) per tutto l’arco dei 45′ e Whiting (12 + 6 rimbalzi), che però rovina la sua prestazione con uno 0/5 dall’arco; attenta prestazione di Kotti che firma 16 punti ed una buona difesa su Maggioli. Prestazione da 5 scarso in pagella per Bruttini e Cournooh. Jesi allunga la sua striscia di vittorie tra le mura amiche del PalaTriccoli mettendo K.O. un’avversaria che già in precedenza aveva eliminato dalla Coppa Italia, qual’è Imola, e la stessa potrà rivelarsi una diretta concorrente per conquistarsi una tranquilla salvezza.

Fileni Jesi-Aget Imola 78-74 d.t.s.

Fileni:Hoover 16, Santiangeli 15, Brooks 13

Aget: Kotti e Prato 16, Whiting 12