Eric Lombardi dopo Treviglio-Biella: “Mi hanno chiamato negher”. La scuse del Blu Basket

Eric Lombardi dopo Treviglio-Biella: “Mi hanno chiamato negher”. La scuse del Blu Basket

Al centro quanto sarebbe accaduto l’altra sera sul campo di Bergamo, durante il match del campionato di basket A2 tra Treviglio e Biella.

di La Redazione

Un episodio “frutto di due cretini”. Così il club manager di Edilnol Biella Marco Atripaldi stamattina su La Stampa di Torino ha commentato quanto sarebbe accaduto l’altra sera sul campo di Bergamo, durante il match del campionato di basket A2 tra Treviglio e Biella. Una brutta vicenda di insulti razzisti che vede protagonista il biellese Eric Lombardi.

E’ lo stesso Lombardi a raccontare la vicenda su Instagram, su una storia postata ieri sera.

“Ad alcuni tifosi del Treviglio che mi hanno urlato la parola ‘negher’ e allo stesso tempo mi davano del Mario Balotelli, ricordo che hanno un giocatore in squadra di colore. Dispiaciuto per questo avvenimento, ringrazio i tifosi di Treviglio che non hanno utilizzato insulti razzisti e pensato a sostenere la propria squadra”.

Gli insulti sembrerebbero fortunatamente essere stati un episodio isolato, e riferiti soltanto da un paio di tifosi. “Due cretini” appunto, secondo gli stessi biellesi. Così “in merito alle dichiarazioni pubblicate su Instagram dal giocatore della Edilnol Biella, Eric Lombardi, e riprese dagli organi di stampa”, la Blu Basket Treviglio sottolinea in una nota stampa che “come, nonostante né i dirigenti delle due società, né gli arbitri abbiamo percepito alcun coro razzista, la società sia dispiaciuta per quanto accaduto.

Tutto il management della Blu Basket condanna fermamente ogni comportamento razzista o qualsiasi condotta che possa ledere l’immagine della società e del tifo trevigliese.
La società si attiverà durante i prossimi match per identificare eventuali soggetti che si renderanno protagonisti di comportamenti lesivi e prenderà i relativi duri provvedimenti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy