Mike Hall: “Giocavo col menisco rotto, nessun medico italiano se n’è accorto”

Mike Hall: “Giocavo col menisco rotto, nessun medico italiano se n’è accorto”

La denuncia del lungo su Twitter, dopo un consulto con uno specialista in USA

di Stefano Bartolotta

Mike Hall ha condiviso su Twitter un racconto che di certo non fa onore agli staff medici delle squadre in cui ha giocato nella stagione appena conclusa (Ferrara e Cassino). Il lungo statunitense, infatti, dichiara di aver sentito male a un ginocchio per tutta la stagione e che tutti gli innumerevoli medici, fisioterapisti e specialisti che lo hanno visitato hanno diagnosticato cose come “una leggera distorsione”, e che dicevano semplicemente che era ormai troppo vecchio e che aveva bisogno semplicemente di un po’ di ghiaccio e riposo. Ora, una visita negli Stati Uniti ha, invece, rivelato che il giocatore aveva un menisco rotto.

Ecco la serie di tweet in cui Hall racconta la storia, e nei quali viene detto chiaramente che si trattava di medici stipendiati dalle squadre in cui militava:

Hall, in successivi tweet, sfoga la frustrazione per aver temuto di non poter più tornare a giocare, e chiude con un appello: “chiunque avesse bisogno di un’ala grande infastidita e fortemente motivata, contatti il mio agente, io sarò in forma per metà agosto”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy