Scafati, patron Longobardi mette all’angolo i giocatori: “L’atteggiamento deve cambiare”

Scafati, patron Longobardi mette all’angolo i giocatori: “L’atteggiamento deve cambiare”

Clima infuocato in casa Scafati, dopo la rocambolesca sconfitta contro Bergamo.

di La Redazione

Le parole choc del GM Guastaferro, poi la rettifica di patron Longobardi che – almeno per ora – allenta la tensione. Sta di fatto che il clima resta infuocato in casa Scafati, dopo la rocambolesca sconfitta contro Bergamo. Sconfitta che ha irritato non poco il focoso patron giallo-blu, vuoi per l’ambizioso mercato estivo, vuoi anche per un obiettivo già sfumato come quello della Supercoppa.

Il buzzer beater di Lautier-Ogunleye sarebbe stato la goccia che avrebbe fatto traboccare il vaso, con Longobardi che avrebbe dato mandato a Guastaferro di non corrispondere stipendi e altri emolumenti o commissioni ai giocatori, invitandoli a cercare altre destinazioni e predisponendo quanto necessario per far cessare l’attività sportiva. La conferma è arrivata in mattinata da alcune dichiarazioni del dirigente giallo-blù, oltre che da alcune mail inviate ai procuratori dei giocatori. Poi però arriva la parziale marcia indietro del proprietario, specificando che si sarebbe sì trattato di un invito a giocare altrove, ma solo se non fosse cambiato di qui in avanti l’atteggiamento in campo.

Dichiarazioni a metà strada tra esortazione e minaccia, in un momento che è già chiave per la Scafati dei canestri.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy