Biella si gode il primato in classifica contro Bergamo

Biella si gode il primato in classifica contro Bergamo

Biella in cima alla classifica: chi l’avrebbe mai detto all’inizio del campionato. Eppure non è un sogno, il campo lo dice chiaramente. Galbiati ha trovato dai suoi giovani un basket brillante e incisivo, che diverte e produce concretezza e risultati. Contro Bergamo l’ennesimo successo in casa e la Curva Barlera sogna.

di Giuseppe Rasolo

Biella in cima alla classifica: chi l’avrebbe mai detto all’inizio del campionato. Eppure non è un sogno, il campo lo dice chiaramente. Galbiati ha trovato dai suoi giovani un basket brillante e incisivo, che diverte e produce concretezza e risultati. Contro Bergamo l’ennesimo successo in casa e la Curva Barlera sogna.

Biella comincia con Donzelli, Omogbo, Bortolani, Saccaggi,Ed Polite, mentre Calvani causa anche l’infortunio di Carroll è costretto a rispondere con Marra, Bozzetto, Costi, Lautier, Zugno. La partita parte piano, le polveri degli attacchi di Bergamo e Biella sono decisamente bagnate all’inizio, la palla non circola bene e bisogna aspettare più di due minuti per vedere i primi punti di Biella con Omogbo, che poi si ripete subito dopo. La tripla di Marra mette un po’ di Pepe e il successivo passaggio di Donzelli dalla linea della carità sigilla il match sul 6 a 3, decisamente poco dopo quasi cinque minuti. Biella allora schiaccia il piede sull’acceleratore appena dopo aver subito il pareggio di Lautier. E’ una squadra che gioca in velocità con Bortolani, Lombardi ed Ed Polite, per un parziale di 13 a 4 che indirizza la gara e in cui il gioco corale di Galbiati supera di gran lunga le individualità di Bergamo. Non cambia la musica neanche nel secondo quarto, con Biella che gioca al gatto col topo, mentre Bergamo non sembra in grado di impensierire le trame difensive e offensive dell’Edilnol. Eppure, nonostante questo, dopo una gran giocata di Lombardi che stoppa e strappa la palla all’avversario e un tiro gettato alle ortiche sul più sei, Galbiati chiama time out per motivare i suoi. A questo punto si scatena Bortolani con una serie di canestri e di giocate che deliziano il pubblico di Biella, per un altro super parziale che manda al riposo lungo Biella avanti di 17 punti. La partita di fatto finisce qui. Gli altri due quarti servono soltanto per movimentare i tabellini e permettere a un figlio d’arte, Blair, di mettere a referto due punti che entrano nella storia di questa società che ha puntato sui giovani e stasera si gode un primato inaspettato.

Edilnol Biella – Bergamo 75-58 (19-12, 19-9, 23-17, 14-20)

Edilnol Biella: Giordano Bortolani 23 (5/7, 3/7), Ed Polite jr 13 (5/7, 1/2), Emmanuel Omogbo 10 (5/10, 0/1), Lorenzo Saccaggi 9 (2/2, 1/3), Eric Lombardi 7 (2/2, 0/1), Daniel Donzelli 4 (1/2, 0/2), Simone Barbante 4 (2/3, 0/0), Matteo Pollone 3 (0/0, 1/3), Joseph jonathan Blair 2 (1/1, 0/1), Federico Massone 0 (0/4, 0/2), Lodovico Deangeli 0 (0/0, 0/2)
Tiri liberi: 11 / 11 – Rimbalzi: 40 12 + 28 (Emmanuel Omogbo, Daniel Donzelli 10) – Assist: 15 (Federico Massone 4)

Bergamo: Dwayne Lautier-ogunleye 12 (3/7, 2/6), Giovanni Allodi 12 (6/8, 0/1), Davide Bozzetto 11 (3/4, 1/1), Ruben Zugno 9 (4/11, 0/3), Alessandro Marra 5 (1/3, 1/3), Matteo Parravicini 5 (1/2, 1/3), Cosimo Costi 2 (1/3, 0/1), Omar Dieng 2 (1/2, 0/2), Jeffrey Carroll 0 (0/0, 0/0), Enrico Crimeni 0 (0/0, 0/0), Matteo Aristolao 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 3 / 5 – Rimbalzi: 23 2 + 21 (Ruben Zugno 5) – Assist: 12 (Dwayne Lautier-ogunleye, Matteo Parravicini 3)

Fotogallery a cura di: Matteo Cerreia Vioglio

_MG_7284

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy