La Virtus batte la Leonis, è suo il derby capitolino

La Virtus batte la Leonis, è suo il derby capitolino

Partenza difficile, rimonta, vittoria: la Virtus Roma batte la “cugina” Leonis con uno scatenato Moore da 29 punti

di Martina De Angelis

Parte male, anzi malissimo per la Virtus Roma il derby capitolino, che la vede sfidarsi con la Leonis Basket a cui la legano tanto personaggi, ultimo fra tutti il coach Fabio Corbani, che arriva al Palalottomatica da avversario. Il palcoscenico all’inizio è tutto dell’Eurobasket, che prova subito a scappare con Fall (15 punti), Zeisloft (15 punti) e Amici (17 punti), ma poi arriva il folletto Nick Moore, che si accende e non si spegne più: autore di 29 punti totali, è letteralmente una furia in ogni parte del campo, e non lo ferma niente e nessuno. Ottima anche la prova del suo compagno Seems, che sa sempre farsi trovare pronto quando la Virtus è in calo, e con 20 punti e 9 rimbalzi contribuisce pesantemente alla vittoria finale. Un bel successo della Virtus davanti al suo pubblico infrasettimanale, non tantissimo ma caloroso e presente, e un buon seguito al trend positivo iniziato la giornata precedente con la pesante vittoria in casa con Biella. Una bella soddisfazione per coach Bucchi, che sta formando questo gruppo di ragazzo in  una forma che promette grande divertimento.

LA CRONACA
La Virtus scende in campo un po’ fredda, permettendo alla Leonis di dominare i primi minuti di gioco con i canestri di Hollis e Fall. I ragazzi di coach Bucchi hanno non solo difficoltà a segnare, ma anche a costruire azioni efficaci, mentre la Leonis con poche mosse, semplici ma efficaci, si mantiene in vantaggio, concedendo solo in finale di quarto un riavvicinamento dei padroni di casa (12-14 al 10′). Continuando i problemi per la Virtus Roma, che proprio non riesce ad entrare in partita se non per qualche azione isolata di Moore. Gli ospiti, pur non giocando la loro gara migliore, segnano quanto basta per rimanere in vantaggio, fin quando Henry Sims e Nic Moore finalmente si accendono e ribaltano totalmente la gara (36-29 al 20′). I primi minuti del terzo quarto sono di nuovo tutti della Leonis, che in un attimo riporta i giochi sul filo dell’equilibrio. Ancora una volta è Sims il salvatore della Virtus: stoppa, schiaccia, recupera, e fa volare i suoi sopra le dieci lunghezze di vantaggio (60-47 al 30′). L’ultimo periodo di gioco è più equilibrato, con la Leonis che cerca di sparare le sue ultime cartucce: è lo scatenato Moore a decidere le sorti della gara, e portare la vittoria alla sua Virtus per 81-76.

Virtus Roma: Spizzichino NE, Alibegovic 4, Lucarelli 0, Chessa 3, Moore 29, Sandri 8, Baldasso 3, Saccaggi 4, Landi NE, Sims 20, Matic NE, Santiangeli 10, All. Bucchi

Leonis Roma: Fall 15, Zeisloft 18, Santini NE, Rocchi NE, Fanti 0, Infante 3, Loschi 9, Chicchetti 0, Amici 17, Piazza 6, Toure 0, Hollis 8, All. Corbani

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy