Latina lotta fino alla fine ma Treviglio conquista il PalaBianchini

Latina lotta fino alla fine ma Treviglio conquista il PalaBianchini

Non è stata una partita semplice. Treviglio è una squadra emblematica: non particolarmente aggressiva dalla lunga distanza, ha dominato per astuzia e fisicità il Palabianchini. La situazione nella quale il gruppo delle candidate ai playoff è piombata dopo l’esclusione di Siena, ha determinato questa “fame” di punti. Stasera il banchetto è stato servito ad una Treviglio caparbia e una Latina che ha sfruttato poco il fattore campo così come la capacità di poter dettare legge dall’arco. Una nota di merito per l’eccellente prestazione dell’esordiente Matteo Martini che, nonostante tutto, ha saputo sfruttare le occasioni e creare corridoi di opportunità per i compagni.

di Alessandra Ortenzi, @AlessAndrApple

 

 

La cronaca della gara tra Latina e Treviglio

Treviglio mette subito a dura prova Latina con Borra che domina per fisicità il campo, complice anche le disattenzioni nella difesa dei possessi da parte dei nerazzurri. La precisione dai 6 e 75 di Lawrence e Carlson aiutano i padroni di casa a non mollare terreno importante. La tripla di Nikolic a 6 e 26 di gioco, permette a Treviglio di riagganciare Latina (8 a 7) ma la bomba di Tavernelli e i 4 punti di Allodi, fermano il punteggio sul 15 a 9 a metà del tempo. Il gioco di Treviglio è insidioso, fatto da una grande attenzione nello sfruttare le possibilità di recupero dei secondi possessi. Latina scava un piccolo vantaggio grazie al contributo di Matteo Martini nella sua prima uscita al Palabianchini e alla bassissima percentuale al tiro degli ospiti (27%). Sulla sirena Pecchia segna i due punti che chiudono il quarto 23 a 20.

 

Un inizio rocambolesco che lascia le squadre a bocca asciutta di punti, ma non di falli, per circa due minuti, fino ai canestri di Jacopo Borra e Valerio Cucci (25 a 22). Treviglio inizia a capitalizzare anche dalla lunga distanza con Roberts e D’almeida. Latina viene riagganciata ma un gioco da 2+1 a firma Baldassarre riporta Latina a +4 a metà del tempo (32 a 28). Roberts sembra aver trovato la giusta lettura e posizione per raggiungere velocemente la doppia cifra. Solo in questo quarto segna i 12 punti a referto (6 dalla lunga distanza). Latina sembra confusa e non riesce a scrollarsi di dosso la pressione degli ospiti. Treviglio è sempre lì con Borra che domina l’area e una grande reattività durante il ribaltamento. La schiacciata di Ursulo D’Almeida decreta la parità 44 a pochi secondi dalla fine. Il fallo di Tavernelli su Pecchia consegna gli ultimi due punti dalla lunetta a Treviglio che chiude la prima parte della gara in vantaggio 44 a 46.

 

Un nefasto inizio per i padroni di casa che, nonostante i 2 punti di Carlson nei primi secondi, subiscono la scaltrezza di Treviglio. Borra, Pecchia e Palumbo riescono a chiudere tre azioni che, in soli 100 secondi, portano i biancoblu in vantaggio +6 (47 a 53). Latina soffre ma alza la testa: Baldassarre prima e Lawrence in successione, riagganciano Treviglio a -2 a 4 minuti di gioco. A terra rimane Tavernelli che per recuperare una palla cade rovinosamente. Ma la tegola è il fallo tecnico a Baldassarre che consegna 6 punti nelle mani dell’avversario. A metà del tempo Treviglio conduce l’incontro 53 a 61. Baldassarre non si lascia intimidire dalla situazione e guida il gruppo al recupero. Roberts che era stato determinante nel secondo quarto, rischia di compromettere il vantaggio. Allodi segna i due punti del 58 a 61 e Treviglio chiama timeout a 3 minuti dal termine del quarto. Ma Borra e Pecchia non lasciano spazio agli avversari. Treviglio si fa più cattiva. Il terzo quarto porta la firma del vantaggio Treviglio 62 a 69.

 

Latina rientra in partita. Martini e Cucci sono i protagonisti dei primi 60 secondi e riescono a riportare Latina a -3 (66 a 69). La bomba di Martini e la difesa del gruppo nerazzurro, riescono a far riprendere il possesso della situazione in un “tempo piccolo”. I due punti del nuovo protagonista del Palabianchini, Matteo Martini, fanno raggiungere la parità 71. Il vantaggio arriva con la bomba di Lawrence a 2 e 29 di gioco: Latina c’è e non molla! Ma Borra, aiutato dal suo gregario Pecchia, si fa pericoloso e spazza via gli avversari che non riescono a contenere la sua fisicità: le sue schiacciate arrivano improvvise e nulla possono i nerazzurri per interrompere questa scia nera impenetrabile. A tre minuti dal termine la distanza di 6 lunghezze (76 a 82) viene di nuovo colmata da un gioco di 2+1 di Matteo Martini (79 a 82) che segna a referto il suo 18° punto personale. La tripla di Roberts e l’ennesima schiacciata di Borra riporta Treviglio a +6 (81 a 87). Saranno 100 lunghissimi secondi conditi da un fallo tecnico alla panchina ospite, l’errore di Lawrence sulla tripla che poteva riaprire speranze e gioco e il fallo di Baldassarre che manda in lunetta Pecchia il quale non si fa pregare per segnare quei due punti che tirano la linea dell’81 a 89 a 45 secondi dal termine. Poi la rimonta: Carlson prova a dire la sua con una tripla e Lawrence lo imita con un gioco da 3+1. Importanti sforzi che non bastano a raggiungere l’obiettivo. Latina cede il passo a Treviglio 88 a 90.

 

Latina Basket vs Blu Basket Treviglio: 88 a 90

Latina Basket: Lawrence 18, Carlson 17, Hajrovic NE, Tavernelli 9, Cassese, Baldassarre 10, Martini 18, Allodi 8, Jovovic, Cucci 8, Ambrosin NE Cavallo NE. Coach Franco Gramenzi, Assistant coach Giuseppe Di Manno

Blu Basket Treviglio: Pecchia 22, Nikolic 7, Reati 8, Caroti NE, Palumbo 8, D’Almeida 5, Abati, Tiberti 2, Roberts 21, Belotti NE, Borra 17. Coach Adriano Vertemati, Assistant Coach Mauro Zambelli

 

(Foto di Fabrizio Di Falco)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy