Legnano illude, l’Orlandina vince con una grande rimonta

Legnano illude, l’Orlandina vince con una grande rimonta

Per la squadra siciliana continua un campionato con ottime prospettive, mentre a Legnano serve irrobustire numericamente il roster al più presto, e anche trovare un equilibrio maggiore a livello mentale.

di Giovanni Colombo

Per la quinta giornata del girone ovest del campionato di A2 i Legnano Knights reduci da tre sconfitte consecutive e dall’esonero di coach Sacco affrontano l’Orlandina Basket in un palaBorsani comunque gremito nonostante il maltempo imperversante sulla zona del legnanese. Alberto Mazzetti, neo promosso coach dopo diverse stagioni da vice, schiera Legnano con Raffa, Bortolani, Serpilli, London e Bozzetto. L’Orlandina risponde con Parks, Lucarelli, Triche, Laganà e Bruttini.

Il primo canestro del match lo segna Parks dopo una facile penetrazione dall’angolo. Gli risponde Bortolani dal mid range. Parks e Bortolani segnano ancora, il primo dalla media distanza e il secondo dall’arco, regalando il primo vantaggio ai Knights. London, che appare molto ispirato fin dalle prime battute, segna tre canestri consecutivi (tra cui due triple) regalando il +9 a Legnano sul 13-4, con un parziale di 11-0. Il favoloso alley oop sull’asse Triche-Donda muove il tabellino per l’Orlandina, che però fatica moltissimo a segnare e concede anche il +10 ai Knights sul 16-6 (tripla di Bortolani). Non è un quarto ad altissimo punteggio, e si arriva al primo riposo con gli ospiti che riducono lo svantaggio fino al 18-12, grazie all’ottimo Triche e un’altra schiacciata di Donda.
Il secondo quarto inizia con un gioco da tre punti di Raffa, che segna in penetrazione, subisce fallo e realizza il libero supplementare. Lo stesso Raffa è autore di uno scarico strepitoso all’angolo, dove Ferri è libero di colpire per il 24-12, nuovo massimo vantaggio per i Knights. Il gioco da tre punti di Parks riduce lo svantaggio, ma Ferri segna altre due triple e i Knights volano a +15 sul 30-15. Inizia un botta e risposta con canestri da una parte e dall’altra, che portano il punteggio sul 37-23. Legnano gode di un Berra entrato dalla panchina con il piglio giusto, ed è lui a prendere diversi rimbalzi offensivi e segnare il canestro del 39-23, che regala il nuovo massimo vantaggio a Legnano, vantaggio che è destinato a essere presto aggiornato, perchè ai tre liberi segnati dagli ospiti e la tripla di Serpilli fa seguito un pregevole long two di Berra che porta a +18 i Knights sul 44-26. L’Orlandina trova continuità al tiro solo da Parks e Triche. Quest’ultimo segna da sottocanestro, ma la tripla di Bianchi su pregevole scarico di Serpilli porta il punteggio sul 47-28, per un +19 Knights decisamente impensabile prima dell’inizio del match. Al riposo lungo si va sul 47-29, dopo l’1/2 dalla lunetta di Triche. Legnano ha giocato un primo tempo di enorme intensità e concentrazione, con molti giocatori che son sembrati volonterosi di dimostrare qualcosa in più di quanto fatto finora in stagione. L’Orlandina è incappata invece in un terrificante 0/10 da tre (ottimo invece il 9/18 dall’arco per Legnano).
Il terzo quarto inizia con il canestro di Triche da sottomisura, a cui fa eco Bruttini che appoggia al tabellone dopo essere stato trovato libero da un bellissimo passaggio dietro la schiena di Parks. Bortolasni muove il tabellino di Legnano con 1/2 dalla lunetta, e il punteggio è di 48-33. Parks segna dopo un coast to coast e Mazzetti chiama timeout. Al rientro sul parquet però Bruttini segna e subisce fallo realizzando il tiro libero supplementare. Sul 48-38 l’Orlandina è pienamente in partita e Legnano è in enorme difficoltà a trovare la via del canestro. Parks sbaglia il tiro, cattura il rimbalzo offensivo e segna da sottomisura. Orlandina a -8 sul 48-40 e Legnano che in 5 minuti ha segnato un solo punto. Ancora Parks segna dopo avere preso un rimbalzo offensivo, e Bellan segna dall’arco, per il 48-45 che costringe Mazzetti a chiamare un altro timeout. Legnano ha un parziale aperto di 1-20, che si allarga ulteriormente dopo la tripla di Triche, che sancisce il pareggio sul 48-48. La grande rimonta dell’Orlandina è completata. Legnano torna a segnare con Ferri, che riporta avanti i padroni di casa 50-48. La nuova parità arriva con il 2/2 di Parks dalla lunetta. Legnano segna con Bozzetto, che subisce anche fallo e segna il libero supplementare. Laganà pareggia subito con una gran tripla dall’angolo, e poco dopo Triche segna il vantaggio per gli ospiti in penetrazione. Il punteggio è di 53-55, e l’Orlandina torna avanti per la prima volta dall’iniziale 2-4. All’ultimo riposo si va sul 54-55 grazie all’1/2 di Bianchi dalla lunetta. Legnano ha perso il terzo quarto 7-26 trovaqndo incredibili difficoltà al tiro, con gli ospiti che invece hanno trovato i primi punti dall’arco e hanno tirato bene in generale.
L’ultima frazione si apre con il 2/2 dalla lunetta per gli ospiti, a cui segue la tripla di Laganà dopo un contestato fallo non fischiato su Bozzetto. Sul 54-60 Legnano fa 1/2 dalla lunetta con Bozzetto, ma Triche segna un calmoroso canestro in avvitamento per il 55-62. Serpilli torna a muovere la retina con un long two, ma Mei e Lucarelli colpiscono dall’arco, e il vantaggio degli ospiti si allarga (57-68). Legnano riesce a serrare un pò la difesa, ma le difficoltà offensive rimangono, e il match si chiude di fatto con il canestro di Bruttini (ancora una volta servito da Parks con un passaggio clamoroso) e con la tripla di Triche. Sul 61-75 a tre minuti dal termine Legnano alza bandiera bianca. Per altro, prima dell’ultimo timeout chiamato da Mazzetti, gli ospiti segnano ancora e volano a +16. E dopo il timeout è ormai garbage time. Il match termina 67-77. Legnano dopo un primo tempo giocato maestosamente ha avuto un incredibile e inspiegabile blackout totale, segnano in totale 20 punti tra terzo e quarto quarto. Il tutto mentre l’Orlandina ha aggiustato la mira dall’arco e trascinata da Parks e Triche, maestosi, ha realizzato una grandissima rimonta. Per la squadra siciliana continua un campionato con ottime prospettive, mentre a Legnano serve irrobustire numericamente il roster al più presto, e anche trovare un equilibrio maggiore a livello mentale.

Axpo Legnano – Orlandina Basket Capo d’Orlando 67-77 (18-12, 29-17, 7-26, 13-22)

Axpo Legnano: Michele Ferri 15 (1/1, 3/4), Giordano Bortolani 11 (2/5, 2/4), Makinde London 10 (2/5, 2/4), Anthony Raffa 7 (2/5, 0/6), Sebastiano Bianchi 7 (0/2, 1/6), Gabriele Berra 6 (3/3, 0/0), Davide Bozzetto 6 (2/7, 0/1), Michele Serpilli 5 (1/4, 1/3), Marco Corti 0 (0/0, 0/0), Andrea Coraini 0 (0/0, 0/0)
Tiri liberi: 14 / 19 – Rimbalzi: 33 11 + 22 (Davide Bozzetto 9) – Assist: 11 (Anthony Raffa 7)

Orlandina Basket Capo d’Orlando: Brandon Triche 29 (7/14, 3/8), Jordan Parks 19 (7/14, 0/2), Davide Bruttini 11 (5/8, 0/1), Matteo Lagana 5 (1/1, 1/3), Andrea Donda 4 (2/3, 0/0), Jacopo Lucarelli 3 (0/0, 1/3), Simone Bellan 3 (0/1, 1/1), Nicola Mei 3 (0/2, 1/4), Marco Murabito 0 (0/0, 0/0), Lorenzo Neri 0 (0/0, 0/1)
Tiri liberi: 12 / 14 – Rimbalzi: 32 12 + 20 (Jordan Parks, Davide Bruttini 8) – Assist: 16 (Brandon Triche 5)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy