Scafati è indomabile: al PalaMangano cade anche Eurobasket Roma

Scafati è indomabile: al PalaMangano cade anche Eurobasket Roma

Altra prova da 10 e lode per la Givova Scafati che tra le mura amiche sta dimostrando grande solidità. Ancora un passo falso per la Leonis Roma.

di Ciro Vieni

La Givova Scafati fa segnare altri due punti in classifica e fa sentire la sua presenza sempre più forte ai piani alti del girone ovest. La squadra di Perdichizzi mostra un collettivo invidiabile con l’individualità preponderante di Brendon Sherrod: il “lungo” scafatese giganteggia nel pitturato saltando letteralmente sulle teste degli avversari; a fine terzo periodo è già in doppia-doppia e il match lo chiude con 25 punti e 15 rimbalzi. Senza dubbio il pessimo avvio di match ha condizionato la partita della Leonis Roma che ha dovuto rincorre gli avversari per tutti e 40 i minuti. Se il risultato è nettamente negativo, durante l’arco della gara si è visto un body language interessante da parte degli uomini di Turchetti che, almeno con le movenze, hanno mostrato gran voglia di fare. Ora, però, tocca migliorare sotto l’aspetto tecnico che, invece, è stato carente e i soli 55 punti a referto in questa partita ne sono la testimonianza macroscopica.

LA CRONACA – Roma tenta di cavalcare fin dalle prime battute Deshawn Sims: il lungo biancoblù è molto più prestante di quelli gialloblù ma i primi duelli sono tutti vinti dalla difesa scafatese. La Givova così porta a segno un break di 12-1 che allarma la panchina ospite, costretta alla sospensione dopo nemmeno 5’ di match. Il primo canestro dal campo per l’Eurobasket arriva dopo quasi 6’ e porta la firma di Deloach, ancora abbastanza ai margini del match. L’ottimo senso della posizione a rimbalzo del quintetto di Scafati (19-8 il computo dei rimbalzi a fine primo quarto) mette in gran difficoltà gli ospiti che devono rinunciare a Sims, subito a quota 2 falli. E’ molto buono l’impatto dalla panchina di Pierich che tiene a galla gli ospiti che però vanno alla prima pausa sotto 22-11.
La Givova patisce la contemporanea assenza dal parquet di Sherrod e Ammannato (entrambi a 2 falli) e in avvio di secondo periodo la Leonis ha maggiore supremazia del campo. Roma è entrata definitivamente in gara: il contropiede condotto da Deloach e chiuso da Brkis, al 15’, sigla il -5 (26-21) e Perdichizzi corre ai ripari con una timeout. Scafati ha bisogno di essere presa per mano da Lawrence: il play britannico, dopo un buon inizio, non è riuscito più a trovare la via del canestro e al giro di boa del match ha un preoccupante 3/10 dal campo. Nonostante un quarto non da ricordare per i padroni di casa, l’Eurobasket non riesce ad approfittarne più di tanto e all’intervallo si è sul 39-30.
La partita si incanala sui binari dell’alta intensità e si vedono tanti errori in entrambe le metà campo. Scafati, però, tiene botta molto bene al tentativo di rientro romano e al 26’ tocca le 14 lunghezze di vantaggio (53-39) quando coach Turchetti chiama timeout per provare a chiarire nuovamente le idee ai suoi. Gli ultimi minuti di quarto sono ricchi di contatti e poveri di canestri: i gialloblù, dunque, volano all’ultima frazione con un margine di +12 (55-43) abbastanza rassicurante.
La fisicità è il leitmotiv anche di questo avvio di quarto periodo: la Leonis prova a giocarsi le sue carte di rimonta facendo sentire chiaramente agli avversari tutti i contatti. La strategia dei biancoblù genera un mini-break di 5-0 ma le triple di Crow e Lawrence li ricacciano indietro e quasi chiudono i giochi. Difatti, da questo momento in poi, Roma molla la presa e Scafati può dilagare toccando anche vantaggi superiori a 20 punti. La gara si chiude con il 74-55 in favore della Givova che in casa si dimostra ancora un osso durissimo per ogni avversario.

GIVOVA SCAFATI – LEONIS GROUP ROMA 74-55 (22-11; 39-30; 55-43)

GIVOVA SCAFATI: Lawrence 15, Crow 10, Trapani 0, Spizzichini 10, Romeo 4, Ranuzzi 2, Ammannato 0, Pipitone 0, Santiangeli 8, Sherrod 25. All. Perdichizzi.

LEONIS GROUP ROMA: Deloach 11, Casale 6, Fanti 4, Cesana 5, Sims 7, Bonessio 6, Piazza 6, Venuto 3, Brkic 3, Pierich 4. All. Turchetti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy