Tortona batte Capo D’Orlando con cuore e sostanza

Tortona batte Capo D’Orlando con cuore e sostanza

In una gara dal punteggio basso (60 a 57) caratterizzata da errori da ambedue le parti, Tortona è più lucida e determinata sul finale e batte la Orlandina Capo D’Orlando. Ora la squadra di Ramondino attende mercoledì per la gara infrasettimanale con Trapani.

di Matteo Armana

La Bertram tortona torna tra le mura del Pala Oltrepò per un duplice impegno casalingo, oggi e mercoledì p.v., per incontrare rispettivamente la Orlandina Capo d’Orlando e, nel turno infra settimanale, la Control Trapani. Tortona arriva da una settimana difficile, sia per il derby perso con Casale, ma sopratutto per la notizia dello stop a Tavernelli, che terrà il play dei bianconeri fermo per per almeno un paio di turni. Ramondino ed i suoi ragazzi devono cercare di tornare alla vittoria per riprendere la corsa verso le zone nobili della classifica.

Inizia la gara: La Bertram parte con Buffo, Gaines, Martini, Pullazzi e Grazulis, mentre per coach Seddini i primi cinque sono Bellan, Mbbio, Querci, Johnson e Kinsey. Inizio dalle polveri bagnate per tutte e due le squadre, che partono contratte in fase offensiva, tanto che dopo due minuti di gioco il punteggio è ancora sullo zero a zero. Il digiuno viene rotto da Graziulis che sigla i primi due punti della Bertram, dopo tre minuti di gioco.  Con 6.38 sul canestro la bomba di Jhonson porta i siciliani al primo vantaggio sul 2 a 3. Tiro dalla media di Querci che porta gli ospiti sul 2 a 5, quando il cronometro segna 5.30 ancora da giocare. E’ il solito Grazukis che riporta la Bertram sul meno 1. Entra Mascolo per Buffo, nel tentativo di Ramondino di cambiare il ritmo della gara, sino ad ora troppo congeniale agli ospiti. Quando mancano 2.51 da giocare la Orlandina conduce sulla Bertram per 7 a 4. Tortona patisce in attacco, non riesce a trovare fluidità nei movimenti offensivi e troppo spesso arriva a brutte soluzioni che si spengono sul ferro. Non meglio fa Capo D’Orlando che mette in evidenza tutti i suoi limiti offensivi e  tenta di congelare la gara sul basso punteggio. La bomba di Querci porta la Orlandina al massimo vantaggio (4 a 10), ma la cosa da segnalare è che la Bertram ha segnato solo 4 punti dal campo in nove minuti. Due buone scelte offensive riportano la Bertram a meno 2 (8 a 10), complice anche la cattiva gestione dei possessi da parte degli ospiti.  Il primo quarto si chiude con la bomba di De Laurentis che riporta la Betram avanti di una lunghezza (11 a 10).

Secondo Periodo: Tortona al primo possesso gioca subito su Gaines che non delude e permette ai suoi di andare sul più tre, mentre poco dopo è Mascolo, nel traffico a portare la Bertram sul 15 a 10, mentre Capo sembra poco poter opporre alla maggioore intensità che i ragazzi di Ramondino hanno messo in campo in questo inizio di secondo periodo. Tortona però allenta un attimo la pressione e Capo con due giocate si riporta sul sul meno 2 (17 a 15). la difesa bianconera balla un paio di azioni e Capo rientra in gara, impattando a quota 17 con 6.24 all’intervallo. Contro sorpasso di Capo, con un parziale di 9 a 0 ai danni della Bertram che sembra avere in corso una lite con il ferro. quando il cronometro segna 4.44 da giocare il punteggio è di 17 a 19 per gli ospiti. E’ il solito Grazulis che corregge in tap il tiro di Pullazzi e riporta la gara in pari a 19. Ma Capo non molla e Kinsey mette la bomba del 19 a 22 per i siciliani. Gaines però accorcia le distanze ma Kinsey subito risponde e Capo rimane avanti di tre lunghezze. Parità a quota 24 frutto della bomba di Gaines da aria ai ragazzi di Ramondino che, nell’azione successiva, siglano il sorpasso (6 a 24) con un ottimo pick and roll tra Gaines e De Laurentis. La gara prosegue in equilibrio, con Tortona che fatica in attacco in modo pazzesco e non riesce a staccare i siciliani. Il secondo quarto si chiude con le due squadre a punteggio pari (28 a 28) ma soprattutto con Tortona che fatica oltremodo a gestire i possessi offensivi in modo efficace.

Terzo Periodo: Tortona paga le percentuali offensive, fino ad ora deludenti, e non riesce a strappare in questa gara portandosi dietro una Capo d’Orlando che sicuramente privilegia una gara a basso punteggio. Ramondino sicuramente ha caricato a dovere i suoi ragazzi nell’Half Time affinché i bianconeri portino a casa questi due preziosi punti. Primo possesso per la Bertram ma Buffo pasticcia in area e Capo guadagna la rimessa in zona d’attacco. La zona di Capo mette in difficoltà l’attocco della Bertram e gli ospiti fanno un mini breack di 4 a 0 che portano i ragazzi di coach Sodini sul +4 (30 34). Capo d’Orlando commette errori a ripetizione ma Tortona non è da meno, Buffo regala un altro pallone alla difesa siciliana che sul fronte offensivo guadagna due liberi con Kinsey che portano gli ospiti in vantaggio di 6 lunghezze. Formenti spara a salve ma c’è Grazulis, coriaceo sotto le plance a correggere dentro il ferro e portare Tortona sul meno 4 punti di distanza. Entra Mascolo per Buffo, mentre sotto le plance De Laurentis lotta come un leone ma il punteggio rimane sempre sul 32 a 36. Però Tortona non molla, fa una buona difesa e guadagna un possesso offensivo importanteche concretizza con il solito Grazulis (34 a 36). Il sorpasso è siglatoo dal “gol” di Martini che con una bomba dall’angolo regala il sorpasso (37 a 36) alla Bertram. Segue a ruota Grazulis, sempre dall’arco lontano a a tenere a galla la Bertram (40 a 38), ma pronta è la risposta di Capo (40 pari). equilibrio rotto da Martini, ancora una volta dai 6.75 e la Bertram si porta sul + 3 (43 a 40) e Capo d’Orlando chiama time out. quando mancano 2,51 alla fine del terzo quarto. In una gara dove tutte e due le compagini litigano con il canestro, la Bertram sembra aver maggiori frecce nella propria faretra e si guadagna un mini vantaggio di quattro lunghezze (45 a 41) che vale come un tesoretto sul finale di questo terzo periodo. che si chiude sul 45 a 41 per i padroni di casa.

Quarto Periodo: Primo possesso per Capo che riduce a due il gap con Tortona ma subito risponde Gaines, dimenticato dalla difesa, che dai 6.75 punisce gli ospiti per il + 5 di Tortona. capo cede sotto le offensive dei bianconeri e si carica di falli per tentare di fermare l’attacco di Tortona che dalla lunetta costruisce un mini vantaggio sul 51 a 46. Però Kinsey, con una giocata da playground, riporta i suoi a tre lunghezze (51 a 48) con 6.58 da giocare. Ora il bonus aiuta la Betram e dalla lunetta riesce a rosicchiare quei punti preziosi che, in una gara a basso punteggio, possono essere fondamentali per il risultato finale (54 a 48).  Il punteggio non si muove per molto tempo, Capo perde Jhonson per falli e Tortona sfrutta il bonus per portarsi sul +9 (57 a 48), in una gara con punteggio davvero contenuto. Capo sembra non avere nelle proprie corde la possibilità offensiva di rientrare in questa gara e Tortona, da parte sua, deve cercare di amministrare al meglio il tesoretto di sei punti di vantaggio, per tornare a smuovere al classifica generale di serie A2. Martini perde due possessi consecutivi e Capo, con Querci si riporta a meno 2 punti quando il cronometro segna 1.43 da giocare. Ma nel momento del bisogno Gaines ben difende su Bellan e dall’altra parte segna il canestro del + 4 con 41 secondi sul tabellone. Ma le emozioni non sono finite, Formenti commette fallo sul tiro da tre di Kinsey, che peerò fa solo 2 su tra e Tortona rimane avanti di due lunghezze con 34 secondi da giocare e la palla in mano. Formenti si fa stoppare sul tiro da tre e dall’altra parte Kinsey butta alle ortiche il possesso che regala la gara a Tortona. I bianconeri con fatica portano a casa il risultato e tornano alla vittoria. Tortona Batte Capo d’Orlando 60 a 57;

Bertram Tortona – Orlandina Capo d’Orlando: 60 a 57;

Bertram Tortona: Mascolo 7, Buffo, De Laurentis 12, Gaines 17, Grazulis 15, Formenti, Martini 8, Pullazzi 1, Cepic. All. Ramondino

Olrlandina Capo D’Orlando: Galipò, Jhonson 11, Mobio 12, Querci 9, Bellan 4, Kinsey 21, Neri, Donda,. All. Sodini

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy