Trapani cuore e carattere per abbattere Tortona

Trapani cuore e carattere per abbattere Tortona

Seconda vittoria di fila per la Pallacanestro Trapani, che supera in casa Tortona 84-80 dopo un  match durissimo ed emozionante. Testa testa per 40 minuti contro una Tortona cortissima in panca ma capace di stare avanti per oltre tre quarti di gara.Trapani sa stare sempre in scia prima di piazzare la zampata nel finale per la vittoria.

di Michele Maltese

 

2B Control Trapani – Bertram Tortona 84-80 (25-28, 43-47, 65-66)

2B Control Trapani :Nwohuocha  4, Clarke 29,  Pulazi 4, Ayers 12, Mollura 11, Renzi 12,  Miaschi 12,

Bertram Tortona: Ndoja 4, Alibegovic 21, Blizzard 5, Gergati,  Tuoyo 18,  Kwowles 12, Buffo 4, Spizzichini 2

 

Subito ritmo alto e tanta voglia di giocare per entrambe le squadre che viaggiano testa a testa  con molti punti nelle mani. Dopo i primi minuti di studio arriva ad un primo break piemontese con Alibegovic, caldissimo subito dalla lunga distanza che porta i suoi sul 11-16 al 5 minuto. Trapani va a caccia di conferme e trova la solidità di Renzi e sopratutto Clarke, che vola subito in doppia cifra  e tiene i suoi sul 24-28 alla prima sirena.

Ne secondo quarto è battaglia, Knowels e Tuoyo fanno male alla difesa di Trapani, che però sa rispondere in attacco trovando il pareggio a quota 35 al 15′ minuto con l’ennesima tripla di Clarke, che certificano un splendido 10/15 dalla distanza dei granata dopo i primi 20 minuti, che tengono a galla Renzi e compagni. Ayers prova a fare la voce grossa per i padroni di casa,  ma il finale è tutto ospite con  una buona difesa e gli affondi dei soliti Alibegovic e Kwowels che portano Tortona a +4 al riposo lungo sul 43-47.

La tripla di Tuoyo in avvio di terzo periodo riporta al massimo vantaggio Tortona sul +7, ripagata però con la stessa moneta poco dopo da Ayers. Trapani è semplicemente fantastica dalla lunga distanza, e quando Tortona prova uno scatto prima Renzi e poi Clarke puniscono da oltre la linea  con due bombe impattano ancora il match a quota 54 al minuto 24′. Lo stesso Clarke tocca quota 20 con un gioco da 3 punti per la parità a 57, ma Gergati e compagni  sanno girare bene la palla, costringendo Trapani a stare solo in scia senza mai poter affondare un vero e proprio break. Il piazzato di Nwohuocha e il sottomano di Clarke riportano dopo tanto tempo Trapani avanti 63-61 a 90 secondi dalla terza sirena, ma i liberi di Alibegovic e la ritrovata vena di Blizzard dalla distanza, ribaltano ancora la frittata in favore degli ospiti, che vanno all’ultimo riposo avanti 65-66.

Il Trapanese Mollura suona la carica in avvio di ultimo quarto e piazza la tripla del nuovo sorpasso locale sul 68-66 al 31′. L’elastico non si spezza, Alibegovic prima e Clarke dopo bruciano ancora la retina sul punto a punto, fino alla tripla n.4 di Ayers  e quella n. 6 di Clarke che fa esplodere il palaconad al 36′ per il primo vero spunto granata sul 78-72 al 36′. Ma l’immediata tripla di Gergati frena immediatamente i facili entusiasmi. Il match è incandescente, Trapani riesce finalmente a stare col muso avanti, ma i piemontesi,pur con qualche errore di troppo, sono sempre in agguato, e con Alibegovic accorciano 80-77 a 2 minuti dal termine, per un timeout inevitabile per coach Parente. Ndoja fallisce la tripla del pareggio a 90 secondi dalla fine ma Trapani stecca l’attacco successivo. Allora Ndoja ci riprova e stavolta la mette a 40 secondi dalla fine per l’ennesimo pareggio a quota 80-80. Il successivo attacco pesantissimo dei granata è premiato dai due punti di Pullazi (82-80), ma sopratutto dalla palla persa di Blizzard e il successivo fallo dei piemontesi che mandano Trapani  +2 e due tiri dalla lunetta a  20 secondi dalla fine. Renzi non sbaglia e vola 84-80 a 10 secondi dalla fine e sopratutto senza bonus,  che permettono ai granata di gestire al meglio i falli e portarla a casa di testa ma sopratutto di cuore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy