Trapani non risponde e affonda sotto i colpi di Napoli

Trapani non risponde e affonda sotto i colpi di Napoli

Dopo due vittorie di fila, Trapani subisce un nuovo stop casalingo dalla rinvigorita Napoli , al terzo successo consecutivo. La squadra di Sacripanti affonda il colpo nel terzo periodo e porta meritatamente a casa il bottino pieno.

di Michele Maltese

Pallacanestro Trapani – Gevi Napoli  75-83 (14-17, 36-39, 53-65)

Pallacanestro Trapani: Goins 10, Spizzichini 8, Mollura 14, Amici 7, Corbett 28, Nwohuocha 8.

Gevi Napoli: Spera 5, Roderick 28, Sandri 19, Monaldi 8, Spizzichini 9, Sherrod 12, Miani 2.

Pronti via 0-7 Napoli firmato Sandri,incontenibile in avvio. La tripla di Corbett spezza invece il ghiaccio in casa dei granata,che faticano pero a contenere la forza offensiva dei campani, quasi sempre a segno nelle loro transizioni nei primi 5 minuti di gara, per staccarsi 5-13 proprio al 5′. Il 7-0 del trio Amici/Spizzichini/Mollura, diventa il primo vero break dei padroni di casa, che tappano il buco fino al -1 del 12-13 a 3 minuti dalla prima sirena. Gli innesti degli ex Guarino e Spizzichini danno nuova linfa a Napoli, che nei minuti finali tiene la testa avanti fino al termine sul 14-17.

I liberi di Corbett mandano Trapani al -1 in avvio, ma il maggiore dinamismo dei campani rimette sotto scacco i locali, che incassano i liberi di Spizzichini e i piazzati di Monaldi,per tornare giu a -8 sul 16-24 al 13′. I tentativi di risalita di Trapani si aggrappano alle mani di Mollura e qualche invenzione di Corbett, ma é la difesa il vero problema. Stefano Spizzichini e Sherrod fanno male sotto le plance, lasciando Napoli avanti 29-35 a 3 minuti dalla fine. Un paio di fischi dubbi infiammano il pubblico locale, spezzettando il gioco e alimentando il numero dei falli. Con pazienza Corbett trova un gioco da tre punti e un sottomano preziosissimi nel minuto finale, tornado sotto ancora su -1, ma Sherrod all’ultimo assalto appoggia al vetro il 36-39 che manda tutti al riposo lungo.

Ci pensa il fratello Gabriele Spizzichini a dare il la al primo sorpasso granata della serata, un suo sottomano e un ottima palla recuperata in difesa, permettono poi a Corbett di firmare il 40-39 al 21′ dalla lunetta. Sacripanti rilancia Sandri e Guarino appoggiandosi ad un Roderick in dormiveglia ma puntuale. Dall’altro lato Trapani stecca una serie di attacchi, con Renzi fuori fase e Goins impreciso, lasciando ai partenopei un nuovo affondo per scappare di nuovo 42-50 al 25′ con un break di 2-11. Parente tira fuori il capitano e prova a mischiare le carte con Bonacini e Mollura, ma la strada resta in salita. Il canestro diventa una chimera e Roderick sempre piu presente, che con un gioco da tre punti che spinge Napoli alla doppia cifra di margine sul 46-58 al 28′. Corbett e Mollura provano a tenere su la baracca, ma la tripla sulla sirena si Roderick riporta in apnea i granata ancora a-12 sul 53-65.

Davanti ad un vesuvio da scalare Trapani si aggrappa con pochi appigli, tra palle perse e poca convinzione, i granata partono ancora peggio nell’ultimo periodo, con Guarino e Roderick in pieno controllo per scavare un pesante solco sul 55-71 al 33′. Corbett e Mollura restano gli ultimi a mollare, provando a trascinare i compagni ed infiammare il pubblico. Un paio di palle recuperate, condite da ottime soluzioni regalano nuova linfa a Trapani, che torna a sperare sul -9 a tre minuti dal termine e constringe Sacripanti ad all’immediato timeout. Napoli spegne troppo presto i motori, e ancora Corbett infila la tripla del -6, 71-77 a due minuti dalla fine.
L’inerzia é tutta dei granata, che recuperano due volte palla, ma nel momento che conta finiscono per cozzare contro la fretta e l’imprecisione, consegnandosi di fatto mani e piedi a Napoli, che porta a casa la terza vittoria di fila per 75-83.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy