Troppo Guarino per Latina. L’ex capitano di Gramenzi guida Napoli alla conquista del Palabianchini

Troppo Guarino per Latina. L’ex capitano di Gramenzi guida Napoli alla conquista del Palabianchini

Questa 2° giornata del girone di ritorno ha portato tanto freddo in casa nerazzurra. Napoli domina sempre il campo e non lascia spazio a Latina. Troppe triple, troppo Guarino, troppo Monaldi. I nerazzurri fanno fatica. Resistono ma tengono sempre la testa bassa senza riuscire a trovare la strada per un riscatto, seppur breve, in tutta la durata della partita. Gli ex Virtus Roma, Chessa e Sandri, finiscono il lavoro di pregio di Ciccio Guarino, ex capitano proprio del Ferentino di Gramenzi e di Terrence Roderick. Unica nota positiva la doppia doppia di Ancelotti (10 punti e 11 rimbalzi).

di Alessandra Ortenzi, @AlessAndrApple

La cronaca della gara

I primi 150 secondi sono sotto il segno di Napoli che con grande cuore e l’abilità di Sherrod, Monaldi e la difesa non perfetta dei padroni di casa, si porta avanti 0 a 7 scivolando velocemente verso il primo timeout di Gramenzi. Il tecnico abruzzese striglia i ragazzi. La reazione è immediata e 4 punti vanno nel paniere di Latina per mano di Raucci ai quali si aggiunge il libero di Romeo mandato in lunetta da Diego Monaldi. A metà del tempo il punteggio è 5 a 7 con Napoli determinata a mantenere il controllo del campo. Così, sul ribaltamento, Musso restituisce il favore ma questa volta Chessa, ex Virtus Roma, segna 3 liberi sui tre concessi e allunga la distanza. Il capitano nerazzurro non vuole lasciare spazio. Costretto dalla difesa campana a commettere infrazione di passi, si riscatta con un’azione da due punti aprendo la strada a Dalton Pepper e Bernardo Musso che portano Latina in vantaggio 11 a 10 quando mancano due minuti al termine del tempo. Napoli allunga. Guarino, alla corte di Gramenzi a Ferentino per 4 stagioni, serve l’assist a Mastellari che realizza la tripla del 13-18. L’ultimo tocco è di Sherrod che, dopo i due liberi di Raucci (8 punti per lui in questa prima frazione) chiude il parziale 15 a 20 per la squadra di coach Sacripanti.

 

Ciccio Guarino è il mattatore della prima metà della ripresa. Inchioda Latina sia con punti nelle mani che aiutando i compagni a scavare una distanza che a Latina sembra difficile da colmare. A metà del tempo la situazione è sensibilmente cambiata: 22 a 37 con un parziale di 17 a 7 per gli ospiti. Poi una schiacciata di Pepper e Spizzichini che carambola su Romeo, restituiscono ossigeno a Latina. In 60 secondi Latina si porta a -11 e coach Sacripanti chiama il suo primo timeout sul 26 a 37. La difesa nerazzurra si intensifica e porta i fsuoi rutti: spinge Napoli a commettere qualche ingenuità impedendo, per due lunghissimi minuti la via del canestro ai campani. A due minuti dal termine Monaldi riesce a trovare uno spazio e realizza i due punti del 28 a 39 su assist di Roderick. Poi inizia un balletto dalle lunette e un impasse finale che chiude la questione e manda i ragazzi nello spogliatoio sul 29 a 40.

 

I primi due punti di Ancelotti arrivano a 19 secondi dalla ripresa e segnano il -9 per Latina (31 a 40). Napoli non tarda a rispondere con una tripla di Monaldi e un tiro dall’area di Roderick. Gli azzurri campani non si fermano: non hanno paura della difesa dei pontini e dei punti nelle mani di Raucci. Sandri, a tre minuti dalla ripresa del gioco, segna il 33 a 49 infliggendo un parziale di 9 a 4 e spingendo Gramenzi a chiamare un timeout per interrompere la scia positiva. Il risveglio di Ancelotti e le prodezze di Gabriele Romeo fanno bene alla squadra che, a metà del tempo, riesce a recuperare terreno con un parziale di 39 a 49. Napoli viaggia con tre atleti in doppia cifra: Sandri, Guarino e Monaldi. Latina fa fatica a contrastare la fisicità degli azzurri ma riesce a spingere Napoli a commettere degli errori di ingenuità. Ne approfitta Bolpin che con i suoi 5 punti in successione, consente ad accorciare la distanza a 6 lunghezze (44 a 51) quando mancano esattamente 200 secondi allo scadere del terzo parziale. Qualche indecisione da parte degli arbitri e poi il tempo scivola verso l’alternanza dalla lunetta dei giocatori campani e pontini. Sandri si fa sempre trovare pronto da Sherrod e Guarino punisce dalla lunetta. Il parziale si chiude con un doppio errore di Cassese e Romeo e un punteggio di 51 a 60.

 

Latina sembra riprendere con il piede giusto. Ancelotti riscatta una prestazione un po’ opaca della prima metà della gara e Latina si trova, in un paio di minuti, a rincorrere Napoli: 57 a 63 in due minuti di gioco. Il -4 arriva con il tiro dall’area di Bernardo Musso (59 a 63) ma Chessa interrompe subito le ambizioni di rivalsa dei nerazzurri. Il parziale diventa un’occasione di esplosione per Riccardo Bolpin che corona la sua prestazione con un 100% ai tiri liberi, preziosissimi per raggiungere il 64 a 69 a metà del tempo. La situazione si mantiene in costante e apparente equilibrio. Non ci sono strappi significativi. Chessa spedisce in lunetta Pepper che segna i due liberi del 68 a 71. Roderick risponde con due punti dall’area. Non c’è soluzione per virare verso una decisa conquista della vittoria da parte dell’una e dell’altra squadra. Napoli tiene il punto e lo fa fino alla schiacciata perfetta di Spizzichini su Assist di Sandri che però fa guadagnare un fallo tecnico di squadra a Latina, contraria all’azione offensiva degli ospiti. Lo strappo è dato. Napoli continua a infierire. Ancelotti esce per 5 falli e manda Monaldi a segnare i suoi ultimi due punti. La gara termina 68 a 82.

 

Latina Basket vs GEVI Napoli: 68 a 82

 

Latina Basket: Musso 8, Cassese 4, Di Pizzo 4, Romeo 9, Pepper 8, Bolpin 13, Petrolini ne, Raucci 12, Ancelotti 10, Di Prospero ne. Coach Franco Gramenzi, Assistant Coach Giuseppe Di Manno.

 

GEVI Napoli: Tolino ne, Guarino 14, Mastellari 9, Roderick 14, Klacar ne, Chessa 9, Dincic, Sandri 12, Cortese ne, Monaldi 15, Spizzichini 4, Sherrod 5. Coach Stefano Sacripanti, Assistant Coach Francesco Cavaliere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy