Tutto tranne che una partita di serie A2. Biella travolge l’Under 20 di Siena

Tutto tranne che una partita di serie A2. Biella travolge l’Under 20 di Siena

Partita senza senso di esistere se non per onorare il campionato. La formazione under 20 senese poco può contro Biella

di Andrea Radi

Dopo le note vicende che hanno interessato la Mens Sana Basket 1871 nelle ultime settimane, la On Sharing si presenta alla partita contro Biella con la formazione Under 20 in un PalaEstra quasi vuoto per la protesta della tifoseria. Una “partita” di fatto mai in discussione, con le giovanili regionali di Siena mai in grado di tenere il passo con la Edilnol. Uno spettacolo orribile non tanto per ciò che si è visto sul campo, dove i giovani mensanini si sono impegnati al massimo, quanto perché sono situazioni che non si dovrebbero mai raggiungere, meno che mai in un campionato nazionale

ON SHARING MENS SANA SIENA – EDILNOL PALLACANESTRO BIELLA 61-93 (11-30; 25-56; 43-75)

SIENA: Santini, Carapelli 2, Monnecchi 4, Di Domenico, Pannini 6, Collet G, Toscano, Del Debbio 15, Cepic 16, Ceccarelli 11, Ricciardelli 7, Collet D. All. Moretti

BIELLA: Harrell 21, Antonutti 18, Nwokoye 2, Chiarastella 6, Saccaggi 5, Sims 14, Pollone 10, Massone 2, Wheatle 8, Stefanelli 7. All. Carrea

Coach Moretti, rimasto alla guida della squadra, sceglie il quintetto formato da Ceccarelli, Monnecchi, Del Debbio, Carapelli e Cepic. Biella risponde con Saccaggi, Stefanelli, Chiarastella, Wheatle e Sims.

LA PARTITA: Parte forte Biella che non si lascia intenerire dai ragazzini in maglia biancoverde, giocando una buona pallacanestro di squadra e prendendo la doppia cifra di vantaggio già dopo 4 minuti (4-14). La Mens Sana gioca una pallacanestro spregiudicata, cercando il tiro sempre nei primi secondi dell’azione. Wheatle e Sims fanno la voce grossa vicino a canestro, dove il solo Cepic prova ad ostacolare lo strapotere fisico e tecnico dei due americani.
I migliori della On Sharing sono sicuramente Ceccarelli e Cepic, gli unici che provano a trovare soluzioni offensive attaccando il canestro, ma Biella trova sempre punti all’interno del pitturato, andando bene anche a rimbalzo offensivo. Dalla panchina di Coach Carrea si alza l’ex mensanino Harrel, che segna, quasi incontrastato, 7 punti che permettono ai biellesi di chiudere il primo quarto in vantaggio 11-30.

È veramente difficile guardare una “partita” del genere: Biella trova il canestro con una facilità disarmante, spazzando via la difesa biancoverde, una formazione che gioca il campionato Under 20 elite. Dal punto di vista tecnico veramente poco da dire: la On Sharing prova a creare dei miss match spalle a canestro per Cepic che raramente però riescono ad andare a buon fine. La Edilnol, toccato il +30 a metà secondo periodo, continua a macinare gioco offensivo senza lasciarsi impressionare, giustamente, dai ragazzi in maglia On Sharing, tirando anche CN ottime percentuali (71% da 2, 53% da 3). Moretti dal canto suo prova a mettere in campo qualche accorgimento tattico, come una zone press sulle rimesse da fondo degli ospiti, che ha poco effetto però sull’organizzato attacco biellese. Il secondo quarto termina 25-56.

Biella sembra quasi stanca di questo allenamento/sessione di tiro, mentre Del Debbio prende fiducia e segna alcuni canestri in fila che gli valgono gli applausi del pubblico che, nonostante il numero ridotto, non manca mai di incitare i giovani biancoverdi. I ritmi di abbassano, forse anche per volontà di Biella di non infierire più di tanto sull’under 20 della Mens Sana, mantenendosi sempre tra i 30 e i 35 punti di vantaggio senza accelerare, tanto che la terza frazione termina sul 43-75.

Due canestri in avvicinamento di Del Debbio aprono l’ultimo quarto e riportano la On Sharing sotto i 30 punti di svantaggio dopo tanti minuti. I giovani mensanini iniziano a far vedere anche qualche sprazzo di buon gioco, cosa che ovviamente Biella ha mostrato da inizio partita grazie anche alla assenza di difesa per questa categoria. Ricciardelli inizia a trovare confidenza con il canestro, segnando la penetrazione del 61-92, che, se preso il solo risultato del secondo tempo, dice 36-36, grazie ad una maggiore confidenza nel gioco della On Sharing e, soprattutto, dal rallentamento di Biella, che da ormai 20 minuti gioca senza alcun tipo di ambizione. La “partita” termina 61-93.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy