EuroLeague 2a giornata. Il Barcellona non fa sconti all’Audi Dome. Bayern troppo corto va k.o.

0
Foto Euroleague.net

Il Barcellona di Jasikevicius continua il suo ottimo inizio di stagione fatto di sole vittorie. Dopo l’Alba i catalani vincono anche il Bayern vincendo con il piglio tipico di grande squadra nella sfida dell’Audi Dome di Monaco di Baviera. Una vittoria arrivata in una prova alti e bassi dove è bastata un accelerata da vero Barca nel terzo quarto che ha portato i Campioni di Spagna sul +20. Il Bayern corto e falcidiato dagli infortuni, ha lottato alla pari nel primo tempo, ha subito il break ma nell’ultimo quarto è riuscito a trovare la forza per riemergere. La rimonta si è spinta soltanto fino al -6 poi neanche il cuore e il talento dei giocatori di Trinchieri ha potuto fare di più.

Grande equilibrio nei primi 17′ di gioco dove le due squadre si equivalgono con un divario mai superiore a 4 lunghezze. Nel primo quarto del Barcellona c’è tanto Jokubaitis. Il talento lituano segna 9 dei 16 punti del Barca nei primi 10′. Il Bayern tiene con il talento di Hilliard e la forza fisica di Thomas. La prima sirena arriva con i catalani avanti 15-16.

E’ ancora Hilliard a tenere in alto il Bayern in un inizio di secondo quarto dove c’è il classico botta e risposta. Nel Barcellona ci sono i punti di Kuric prima che Hilliard arrivi a quota 11 con la tripla del 26-25 per i tedeschi. Gli ospiti fanno le prove di accelerazione a 4′ dalla pausa lunga toccando il +4 (28-32) con Davies. Thomas e Rubit riportano subito a galla i bavaresi ma negli ultimi 2 minuti e mezzo di primo tempo il Barca piazza un 10-0 che lascia sui fianchi i rossi di Trinchieri. Il Bayern sbaglia molto con le azioni che spesso muoiono con i 24″. Hayes-Davis e Mirotic sono i protagonisti dell’allungo per il 33-44 a metà gara.

Il Bayern prova a scuotersi a inizio di ripresa. Primi punti della serata per Walden e bis subito dopo di Thomas per il 5-0 dei padroni di casa. Ma l’inerzia iniziale viene subito tolta da un Barca che lentamente si riaccende e che con la tripla di Calathes torna a +11 (38-49). Senza strafare, approfittando di qualche amnesia e la poca profondità degli avversari, il Barcellona va a +15 (41-56) a -3’20” dalla fine del quarto. Il massimo vantaggio si aggiorna sul 43-60 a due minuti dall’ultima pausa e lievita fino al +20 con la successiva tripla di Higgins che segna 11 punti nel solo terzo quarto finito sul 47-63.

A cavallo tra la fine del terzo e l’inizio del quarto periodo il Bayern rosicchia parte dello svantaggio complice un vistoso calo di concentrazione del Barca. Rubit e Sisko portano i locali a -11 (52-63) e Jasikevicius chiama time out a -7’51” con l’Audi Dome che riesce a riaccendersi. L’appoggio di Davies da sotto a -7’31” è il primo canestro dell’ultimo periodo per il Barcellona. Sisko alimenta le speranze del Bayern che dimezza lo scarto e torna a -10 (55-65) ma il Barcellona trova sempre la forza per resistere alla forza della disperazione degli avversari. A -6’43” c’è la tripla di Smits che obbliga al time out Trinchieri (55-68). Il Bayern spreca un paio di occasioni per tenere accesa la fiammella, passano i minuti e il vantaggio dei catalani non cambia. A -4’46” Mirotic sigla il +14 per il Barca (57-71). Ma il Bayern, pur ferito e corto, riesce a non mollare. A 3′ dalla fine i punti di distacco tornano a 9 con la schiacciata di Hunter assistito da Weiler-Babb. Il Barcellona soffre e non riesce a chiudere i conti. La difesa del Bayern si chiude e c’è la nuova schiacciata di Otello Hunter per il -8 seguito dall’appoggio di Thomas che firma il 68-74. L’ultimo minuto arriva con l’1/2 di Higgins (68-75), Thomas fallisce la tripla del -4 e Brandon Davies viene mandato in lunetta a 30″ dallo stop. 2/2 e 68-77. Thomas serve sotto Hunter che mette il 70-77. Ancora liberi per il Barcellona e anche Higgins fa 2/2. 70-79 a 18″ dalla fine. Hilliard segna ma i secondi sono ormai pochissimi. Ne mancano solo 4 quando Davies dalla lunetta realizza il secondo libero per il 72-80 che porta il Barcellona a punteggio pieno e lascia il Bayern a zero nonostante un cuore grande così.

MVP BasketInside: Corey Higgins. C’è la sua firma nell’allungo del Barcellona nel terzo quarto. Arrivano in quel momento 11 dei suoi 16 punti della serata dell’Audi Dome.

FC Bayern Munich-FC Barcelona (15-16, 33-44, 47-63)
FC Bayern Munich
: Weiler-Babb 4, Thomas 14, Walden 5, Hunter 6, Obiesie, Jaramaz 3, George, Rubit 13, Ogunsipe, Sisko 7, Hilliard 18, Schilling 2. Coach. Trinchieri
FC Barcelona: Davies 15, Martinez, Smits 3, Hayes-Davis 6, Oriola 4, Laprovittola 2, Higgins 16, Kuric 8, Jokubaitis 9, Mirotic 11, Caicedo, Calathes 6. Coach. Jasikevicius

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here