EuroLega, 22ª giornata. Tre quarti super e il Barcellona batte lo Zenit

Trenta minuti di grande superiorità per i catalani che nell’ultimo periodo resistono al ritorno dello Zenit degli ex Pascual e Pangos che riducono le distanze fino al -4 finale.

di Alessandro Elia

La sfida tra le due migliori difese dell’Eurolega la vince il Barcellona che supera lo Zenit e tiene la testa della classifica. Ai catalani bastano 30′ del loro grande basket fatto di intensità difensiva e buone percentuali. I russi soffrono, piombano sul -19 all’ultima pausa ma poi riemergono fino a chiudere con lo stesso scarto con cui avevano vinto il match dell’andata. Per il Barca 5a vittoria di fila e nono successo casalingo su 11 incontri. Lo Zenit ferma la sua mini striscia di due successi consecutivi e si affaccia al suo mese decisivo con la 7a sconfitta in ambito continentale.

Inizio equilibrato con il Barcellona che approfitta del brutto avvio dei tiratori russi per scappare sul 12-6 dopo 5′. Il tempo di un time out e lo Zenit recupera segnando con Baron e Ponitka le prime triple della sua serata. Al 10′ i blaugrana conducono 16-14, ma è il preludio al loro allungo. Dal 22-21 di inizio secondo quarto il Barca accelera fino al 33-24 trascinato da Kuric. Mirotic e Higgins portano i spagnoli sul 44-31 prima dei liberi di Gudaitis per il 44-33 di metà partita. Al rientro in campo la difesa del Barcellona si fa opprimente. Lo Zenit segnerà soltanto due punti dalla lunetta nei primi 4′ e mezzo di terzo quarto. Nel frattempo la squadra di casa plana sul 53-34 con Calathes che illumina la scena e Mirotic e Higgins finalizzatori materiali. A 3′ dall’ultima pausa Kuric segna il 61-39, il Barcellona va sul velluto difendendo a memoria e attaccando con puntualità. Al 30′ i catalani si trovano sul 69-50 e lo Zenit sembra davvero alle corde. Ma in avvio di ultimo quarto gli ospiti trovano un break di 0-9 che ridà fiducia e li rimette in carreggiata sul -10 (69-59). Il Barcellona trova 4 punti di fila ma poi si accende Zubkov micidiale dal tiro da tre. Il vantaggio dei locali si riduce fino al 74-68 a -2’18” dalla fine. A decidere le sorti dell’incontro arriva Brandon Davies che inizia il suo show finale con un gioco da tre punti (77-68), seguito da una stoppata in difesa su Gudaitis e il successivo jumper dalla media distanza per il 79-68 a 1’42” dalla fine. Lo Zenit si affida di nuovo al tiro pesante di Zubk0v che indovina due triple e rende ancora incerto il finale (81-76). Le due squadre passano l’ultimo minuto in lunetta. Sbagliano Calathes e Gudaitis, fanno 2/2 Higgins, Pangos e Mirotic che fissa l’ 85-78. L’ultimo possesso è dello Zenit con l’ex Pangos a segnare da lontanissimo il tiro del definitivo 85-81.

Fc Barcelona-Zenit St.Petersburg 85-81 (16-14, 44-33, 69-50)
Fc Barcelona: Davies 18, Westermann 3, Hanga 2, Smits 2, Pustovy, Oriola 4, Abrines 3, Higgins 14, Martinez, Kuric 16, Mirotic 12, Calathes 9. Coach: Jasikevicius
Zenit: Rivers 3, Zakharov, Pangos 13, Fridzon 5, Hollins 6, Thomas 6, Baron 10, Pushkov, Trushkin, Zubkov 15, Ponitka 10, Gudaitis 15. Coach: Pascual

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy