EuroLega, 27ª giornata: Il Maccabi centra il colpo. L’Efes cade a Tel Aviv

EuroLega, 27ª giornata: Il Maccabi centra il colpo. L’Efes cade a Tel Aviv

Vibrante sfida alla Yad-Eliyahu Arena anticipo di playoff. Il Maccabi parte bene, subisce la rimonta e va sotto. Ma negli ultimi minuti ci crede e riesce a fermare a 11 la striscia vincente dell’Efes. Larkin fallisce sulla sirena la tripla della vittoria. Wilberkin, Hunter e le triple di Caloiaro nel finale decidono il match. Maccabi alla 5a vittoria di fila.

di Alessandro Elia

Non perdeva in trasferta dal 31 ottobre quando venne battuto dal Panathinaikos, da allora 19 vittorie in 20 partite, superato il 20 dicembre in casa dal CSKA. La capolista Efes conosce il primo k.o. del 2020 in casa di un ottimo Maccabi che vince la 4a partita di filae e si conferma al 4°posto in classifica.
Alla Yad-Eliyahu Arena un anticipo di playoff tra due squadre candidate ad arrivare fino in fondo. Parte benissimo il Maccabi che si mette a difendere subito forte e si trova sul 19-4 dopo 5′. L’Efes piazza uno 0-6 che lo rimette in carreggiata (19-11) prima del 21-11 con cui arriva il suono della prima sirena. I turchi di Ataman non scherzano più nel secondo quarto. Simon apre i fuochi e con uno 0-7 di parziale l’Efes arriva a -3 (21-18) dopo 3′. La gara si fa vibrante e il Maccabi rimane avanti con Jackson (30-26). A 3′ dall’intervallo c’è il primo sorpasso della capolista con Moerman che mette la tripla del 31-32. Prima dell’intervallo l’Efes sfrutta l’inerzia nelle sue mani e arriva al +4 (34-38) con Beaubois in evidenza. Il 2/2 di Larkin e il canestro sulla sirena in entrata di Simon mettono l’Efes sul 36-42 a metà partita con un tremendo 15-31 di parziale nel secondo quarto.
A inizio di ripresa l’Efes allunga fino al 39-48, ma è qui che si capisce che il Maccabi è in grado di dare del filo da torcere alla capolista. I padroni di casa trovano in Hunter il loro ispiratore e rimangono in scia. Dal 42-50 c’è il break di 9-0 per i gialli di Sfairopoulos che trovano il vantaggio con la tripla di Wilberkin a 6’40” dalla fine del terzo quarto (51-50). L’Efes sa rispondere però subito con e alza il volume trovando il nuovo mini allungo finalizzato dall’halley hoop di Pleiss assistito da Larkin (52-59). L’ultima pausa giunge sul 57-59 ed è pronta a regalare al resto della partita un ultimo finale tutto da vivere. Micic e Beaubois provano a dare una spallata alla partita a inizio di ultimo quarto (61-69) sembra finita per il Maccabi che invece raccoglie le energie e riparte. Il gioiellino Avdija regala il -4 (65-69) ma l’Efes rilancia con l’ottimo Beaubois. 3′ alla fine e l’Efes ha il pallino del gioco in mano con il +6. Ma adesso tocca al paisà Caloiaro che con due triple azzera lo svantaggio approfittando dell’errore di Larkin in mezzo alle sue prodezze. 71 pari a 2′ dalla fine e l’Arena di Tel Aviv si accende prima di infiammarsi con l’affondata di Hunter che porta i gialli sul 75-71 alle soglie dell’ultimo minuto. L’Efes ci prova e arriva addirittura alla pari con un gioco da 4 punti di Micic. Tripla con fallo subito dal serbo per il 75 pari dopo il libero aggiuntivo realizzato. Si riparte con 35″ sul cronometro, l’attacco del Maccabi ha pazienza e a 9″ dalla fine ecco il fallo dei turchi che manda in lunetta Wilberkin. L’MVP della serata realizza entrambi i liberi per il +2. L’Efes si organizza per l’ultimo tiro, isolamento di Larkin che ingaggia l’uno contro uno proprio con Wilberkin e sulla sirena lascia partire la tripla dal suo step back. Tiro che non viene premiato lasciando che il Maccabi possa festeggiare.

Maccabi Tel Aviv-Anadolu Efes Instanbul 77-75 (21-11, 36-42 57-59)
Maccabi Tel Aviv: Bryant, Wilberkin 19, Acy, 4, Reynolds 7, Caloiaro 6, Hunter 15, Avdija 4, Jackson 3, Doorsey 3, J.Cohen, Stoudemire, Zoosman 11. Coach: Sfairopoulos
Anadolu Efes: Larkin 10, Beaubois 13, Singleton 4, Balbay , Sanli, Moerman 8, Pleiss 10, Micic 14, Anderson 2, Peters, Dunston, Simon 14. Coach: Ataman

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy