ACB, Finale – G3: Barcellona batte il Real Madrid e riapre la serie, ora sul 2 a 1 per i Blancos

ACB, Finale – G3: Barcellona batte il Real Madrid e riapre la serie, ora sul 2 a 1 per i Blancos

Il Barcellona porta a casa gara 3 con l’ennesimo finale al cardiopalma della serie. Decisivi i troppi errori del Real nei secondi finali e un monumentale Huertel, top scorer del match con 21 punti.

di Federico Di Domenico

Ennesimo finale al cardiopalma nella serie finale tra Barcellona e Real Madrid. Stavolta a spuntarla nei secondi finali sono i Blaugrana, che approfittano dalle tante occasioni fallite negli ultimi secondi dal Real Madrid e riaprono mantengono aperta la serie. Match equilibratissimo che vive di fiammate da una parte e dall’altra. Più volte il Real prova a piazzare il break decisivo, trascinati soprattutto da Campazzo (18 punti con il 9/10 dal campo e 26 di valutazione), ma il Barcellona risponde colpo su colpo e mette il naso avanti in maniera definitiva a 29” dal termine con il canestro di Singleton. Prima Llull e poi Thompkins sbagliano il tiro del sorpasso e i Catalani possono festeggiare la vittoria davanti al proprio pubblico.

CRONACA:
I Catalani iniziano il match con Claver, Kuric, Oriola, Pangos e Singleton; Gli ospiti rispondono con Campazzo, Deck, Fernandez, Randolph e Tavares. Parte forte il Real, che dopo un paio di minuti con Tavares si porta sul 3-7. I padroni di casa reagiscono prontamente e confezionano un 5-0 di parziale, firmato Singleton-Oriola, che vale il primo vantaggio del match (8-7). I Blancos scaldano le mani dall’arco: Campazzo, Fernandez e Llull mettono a segno tre triple consecutive costringendo la panchina Blaugrana al primo time-out sul 12-16 a 3′ dal termine del primo periodo. Il minuto di sospensione permette a Barcellona di cambiare l’inerzia del match e di riportarsi a contatto soprattutto grazie a uno scatenato Tomic, che mette a segno 6 punti consecutivi permettendo ai suoi di chiudere il primo periodo avanti 19-18.
Il secondo periodo si apre come si era chiuso il primo, con una serie di sorpassi e contro sorpassi. Hanga e Heurtel prendono in mano i Blaugrana e firmano il massimo vantaggio sul 27-21. Coach Pablo Laso decide di fermare il gioco per rifletterci su e la mossa si rivela vincente. In uscita dal time-out cambia totalmente l’inerzia del match, Tavares e Thompkins firmano un 7-0 di parziale che vale il 27-28. Gli ospiti tentano di scappare, e trascinati da uno scatenato Thompkins (13 punti a fine primo tempo) toccano addirittura il più 8 (29-37). Due punti dalla lunetta di Heurtel chiudono il primo tempo sul 34-40.
In avvio di terzo periodo il Real Madrid continua a colpire con continuità dalla distanza. Randolph segna la tripla del 38-49 per il massimo vantaggio ospite, la reazione dei padroni di casa arriva dalle mani di Hanga e Kuric che con 5 punti consecutivi rientrano fino al 43-49 costringendo al time-out coach Laso. Minuto di sospensione poco prolifero per il Real, al rientro in campo Heurtel, Singleton e Tomic completano il 12-0 di parziale che permette ai padroni di casa di rimettere il naso avanti (50-49). Llull suona la carica per i suoi che tornano a muovere il punteggio dopo oltre tre minuti e chiudono il terzo periodo avanti 56-58.
Thompkins inaugura il quarto ed ultimo periodo portando i suoi avanti di 6, ma i Blaugrana riescono a limitare i tentativi di fuga degli ospiti e a rispondere colpo su colpo. Salgono in cattedra Oriola e Smits che riportano i padroni di casa in contatto, ma il Real ha una voglia immensa di sbancare il PalaBlaugrana per chiudere la serie e prendersi il titolo e riesce a mantenere il vantaggio rispondendo a tutti i tentativi di rimonta dei Catalani. Thompkins e Fernandez sono una sentenza dall’arco, Heurtel dalla lunetta è glaciale, a 3’30” dalla fine il tabellone recita 71-74. Campazzo manda a bersaglio la tripla del 71-77 ma ancora una volta Barcellona riesce a restare in partita con Heurtel e Kuric, che con un 5-0 di parziale costringono la panchina Blancos al time-out sul 76-77 a 1’30” dalla sirena finale. In uscita dal time-out Llull sbaglia una tripla importantissima, dall’altra parte del campo Hanga sbaglia il tiro del sorpasso ma il rimbalzo lo cattura a Tomic che permette a Singleton di segnare il canestro per il 78-77 a 29” dal termine. Ancora Llull fallisce l’occasione per il contro-sorpasso, una palla persa di Hanga a 10”dal termine regala al Real l’ennesima chance per portare a casa il match ma Thompkins fallisce, tenendo vive i sogni di gloria del Barcellona, che vince gara 3 con il risultato finale di 78-77.

BARCELONA-REAL MADRID 78-77 (19-18, 34-40, 56-58)
BARCELONA: Pangos 3, Singleton 12, Oriola 7, Kuric 10, Claver, Ribas, Hanga 9, Blazic, Smits 5, Heurtel 21, Pustovy, Tomic 11.
REAL MADRID: Randolph 6, Fernandez 12, Campazzo 18, Deck, Carroll 10, Tavares 4, Llull 6, Causeur, Ayon, Thompkins 18, Reyes, Taylor 3.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy