ACB Liga Endesa – 26ᵃ  giornata: grande equilibrio nel turno dei derby

0
Huertas e Shermadini G26

Giornata di derby in ACB Liga Endesa! Il turno XXVI vede infatti andare in scena rivalità territoriali o sportive e ogni partita è ricca di fascino. Molti i risultati contesi in gare decise solo sulla sirena, partendo dagli anticipi del sabato in cui festeggiano Manresa e Saragozza, per terminare la Domenica pomeriggio con Baskonia e Murcia sconfitte di misura da Bilbao e Valencia ed il derby canario portato a casa con il minimo vantaggio da Tenerife. Vita più facile invece per le prime tre della classe (Real, Unicaja e Barça).

BASQUET GIRONA 83 – 84 BAXI MANRESA (46-52)

Vittoria tanto sudata quanto importante in chiave playoff per la BAXI in uno dei tanti derby catalani. Gli uomini di Pedro Martinez fanno del giro palla alla ricerca del miglior tiro (5 in doppia cifra) la loro arma principale, scappando fino al +16 del terzo quarto anche grazie al dominio a rimbalzo (31-45, ma soprattutto 21 offensivi – 50% dei disponibili). Girona ha il merito di non demordere: Colom (16 e 4 assist) ed Iroegbu (22) suonano la carica ed un quarto quarto da 23-11 regala addirittura un incredibile vantaggio ai padroni di casa. La gioia del pubblico  gironese è però frustrata dal canestro di Badio e dalla stoppata di Williams sul tentativo finale di Iroegbu.

COVIRAN GRANADA 62 – 90 UNICAJA MALAGA (29-38)

Vittoria a valanga per l’Unicaja davanti ai quasi 8mila di Granada (record stagionale dei nasridi). Dopo un primo tempo condotto senza difficoltà – +9 al 20° – gli ospiti danno il colpo di grazia alla gara con un terzo periodo da 17-30. MVP Djedovic con una partita efficientissima da 15 punti, 3 assist e 5 falli subiti per 21 di valutazione.

MONBUS OBRADOIRO 83 – 72 RIO BREOGAN LUGO (41-27)

Con la vittoria di Obradoiro su Rio Breogan e la concomitante sconfitta di Granada si riforma il terzetto in penultima posizione. Giochi apertissimi in una lotta salvezza che sembra destinata a rimanere aperta fino alla fine. Importante 2-0 per i compostelani – che mettono anche fine ad una seried 10 sconfitte consecutive – sui conterranei galiziani. Decisivi per Pustovyi (19+6) e compagni il controllo del pitturato (34-22 in area) e l’ottima percentuale d’ala. Distanza (10/22 – 45%).

MORABANC ANDORRA 85 – 80 CASADEMONT SARAGOZZA (39-37)

Andorra vince per la seconda volta in stagione con Saragozza e mette due vittorie di margine sulla zona retrocessione. Montero (18 con 8/8 in lunetta e 4 assist) e compagni conducono per 40’, senza però riuscire a costruire un margine di sicurezza: il +14 di inizio terzo periodo dura pochi minuti e nel finale gli aragonesi fanno sudare freddo coach Lezkano. Andorra è troppo dipendente dai suoi “titolari” (23-49 la produzione delle panchine) e fatica quando Smith (21) e Bell-Hayes (18) salgono di colpi. I Pireanici allora si affidano alla rapidità di Montero per guadagnarsi punti a gioco fermo (6/6 nel quarto periodo) e resistono fino alla sirena finale.

ZUNDER PALENCIA 78 – 86 REAL MADRID (30-43)

Palencia si arrende con onore al Real Madrid nel più classico dei testacoda. I blancos premono sull’ acceleratore nel primo tempo, chiuso sul +13 grazie ad un secondo quarto da 17-26, e gestiscono le energie nella metà finale. Campazzo (15, 6 assist e una desueta doppia-doppia raggiunta grazie ai 12 falli subiti) è in gran serata, ma il terminale principale di Mateo si conferma Musa con 21 punti (2/5, 3/6 e 8/8) in 24’. Tra i palenciani Pasecniks è sottotono (4 con 1/4) mentre brilla Hands con 21 e 5 falli subiti.

LENOVO TENERIFE 93 – 92 DREAMLAND GRAN CANARIA (49-46)

La Lenovo aggancia Gran Canaria nel gruppone con record 16-10 (presenti Valencia e Murcia oltre alle due formazioni isolane) e va 2-0 in stagione contro i “cugini”. Il match si svolge ad ondate, con gli amarillo capaci di rispondere al +16 toccato dai padroni di aspa nel primo tempo con un parziale a cavallo dell’intervallo che gli è valso il vantaggio all’ultima pausa (68-70 al 30°). Nel combattutissimo fnale a spuntarla sono gli aurinegro grazie ai guizzi di Huertas e Guy (8 e 9 nel quarto periodo). Il canestro decisivo è firmato in lunetta da Abromaitis a 1” dal termine prima dell’errore intenzionale al secondo libero per impedire agli avversari la corruzione di un buon tiro. Gli onori del titolo di MVP vanno a Shermadini, capace di totalizzare 38 di valutazione grazie a 22 punti senza errori dal campo, 5 rimbalzi, altrettante stoppate e 7 falli subiti.

SURNE BILBAO 82 – 80 KOSNER BASKONIA (43-41)

Sconfitta pesante per il Baskonia che scivola al 10° posto in graduatoria. Gli ospitipagano l’assenza di Howard che nelle ultime settimane aveva incantato con uno stato di forma strepitoso, sparando a salve da oltre l’arco – 5/25. Nonostante ciò Bilbao non riesce mai a scollinare in doppia cifra di vantaggio e nel terzo periodo finisce anche sotto, toccando il -6. In un quarto periodo equilibratissimo, con 5 cambi al comando, a decidere l’incontro è Kullamae che realizza la tripla del +2 con 1” ancora sul cronometro. La replica di Miller-McIntyre non ha fortuna e i quasi 10mila dellaBilbao Arena possono festeggiare. MVP Killeya-Jones con 22 punti e 7 rimbalzi.

VALENCIA BASKET 83 – 82 UCAM MURCIA (49-31)

Partita dai due volti per i taronja che dominano il primo tempo, toccando quarta +18, grazie a percentuali bulgare dalla distanza (9/10 a metà gara). AL rientro sul parquet si fa invece sentire la consueta difesa murciana e gli ospiti riescono addirittura a sorpassare – mostruoso parziale da 7-27 nel terzo quarto. Nel concitato finale Jones si carica sulle spalle i compagni: sul -2 l’antisportivo subìto da Kurucs vale 4 punti grazie al 2/2 in lunetta e al canestro realizzati nella successiva azione. Ennis in lunetta potrebbe pareggiare ma l’1/2 consegna la vittoria ai padroni di casa. MVP Ojeleye con 16 punti e 4 rimbalzi ma grande prova anche del Veterano Claver (15 con 5/6 dal campo). Vittoria di vitale importanza per la corsa al quarto posto, visto che ora gli uomini di Mumbrù possono vantare un 2-0 stagionale con ben due rivali dirette: Murcia e Barça.

JOVENTUT BADALONA 75 – 93 FC BARCELLONA (40-45)

Vittoria agevole e terzo posto solitario per gli azulgrana sul campo di una Penya troppo morbida “dietro”. Gli ospiti cavalcano l’ottima serata de “la mamba vasca” Brizuela, migliore in campo con 18 punti frutto di 4/4 da due e 3/6 da oltre l’arco e firmano il break decisivo nel terzo periodo (15-25). Terza sconfitta consecutiva – dopo una striscia di 6 successi – per Badalona che prosegue nella sua altalenante stagione.

Clicca [QUI] per la classifica aggiornata in tempo reale.

PROSSIMO TURNO (giornata XXVII)

Sabato 30 marzo 2024

  • Ore 18:00
    • Zunder Palencia – Lenovo Tenerife
    • Rio Breogan Lugo – Surne Bilbao
  • Ore 20:45
    • Unicaja Malaga – basquet Girona
    • Kosner Baskonia – Casademont Saragozza

Domenica 31 Marzo 2024

  • Ore 12:30
    • Real Madrid – BAXi Manresa
  • Ore 13:00
    • Dreamland Gran Canaria – Valencia Basket
  • Ore 17:00
    • UCAM Murcia – MoraBanc Andorra
    • Coviran Granada – Joventut Badalona
  • Ore 18:30
    • Monbus Obradoiro – FC Barcellona