BBL, 19° giornata: Bayern demolitore. Wurzburg lascia l’ultima posizione.

0

“Per chi batte la sirena”, potrebbe essere un buon titolo da associare alla 19° giornata di Bundes. Hemingway ci perdonerà l’accostamento azzardato, ma il basket per molti aspetti esalta l’immaginario collettivo per cui mai dare nulla per scontato e che in qualsiasi situazione ce la si può sempre giocare fino all’ultimo. Concetto che hanno fatto proprio Immanuel Mcelroy e Trent Plaisted i cui canestri a fil di sirena hanno regalato due pesantissime vittorie rispettivamente a Braunschweig e Ulm, entrambe decise all’overtime. Braunschweig era reduce da un periodo di alti e bassi e da tempo mancava uno squillo lontano dal parquet amico, ottenerlo a domicilio di Artland, bella rivelazione di questa prima fase di campionato, non può che regalare motivazioni extra agli uomini di coach Korner per la volata playoff. Anche Ulm, dopo la mazzata interna ad opera di Oldenburg aveva qualcosa da dimostrare. La sfida a Bonn rappresentava l’occasione di un pronto riscatto, anche in prospettiva mantenimento della piazza playoff. Infatti Ulm parte subito forte con un parziale che vede i nero-arancio chiudere il primo quarto sul +11. Bonn fa la formichina riuscendo a rosicchiare punto su punto, spinta da un eccellente Brooks in uscita dalla panchina. Alla sirena dei 40’ è 84-84. Nell’overtime ogni azione viene giocata al filo dei 24’’. Brooks segna ancora il canestro del pareggio a quota 90, ma lascia 10’’ a Ulm per prendere un tiro, la tripla di Sosa vede il secondo ferro, ma Plaisted è il più lesto di tutti a rimbalzo e rilascia il tap in con 0,1 dallo scadere. Amaro in bocca per Bonn e i 5400 della Telekom Arena ammutoliti.
Qui però finiscono le gare equilibrate, perché nelle altre sfide di giornata il divario medio è stato ben più ampio a partire dal match di cartello che vedeva contro Bayern e Oldenburg. La partita si può dire non sia mai realmente iniziata. Alla sirena del primo quarto l’EWE era già sotto di 14. Troppa la differenza di tonnellaggio che ha permesso ai bavaresi di dominare nel pitturato, dove la squadra di Pesic ha tirato con il 55% contro il 27% avversario. Per gli ospiti si salva il solo Jenkins (20). Dopo il ventello rifilato a Ulm la giornata precedente, questo giro l’asfaltata tocca a Machowski & co. Altro trentello arriva direttamente da Tubingen a firma Ludwigsburg. I padroni di casa tirano col 33% complessivo, complice l’ottima difesa sugli esterni messa in campo da coach Patrick, mentre Karl fa andare a canestro i suoi dispensando assist a ripetizione (6). Ludwigsburg così scavalca momentaneamente Francoforte all’ottavo posto, mentre Tubingen ora è ultima solitaria e la pessima figura casalinga, unita alla serie di sconfitte, potrebbero costare l’esonero a coach Perovic. Nella altre sfide, Hagen batte Trier con un grande Dugat (26) che regala un turno di pausa a Bell e Gordon, mentre Berlino ha vita facile contro una modesta Bayreuth, che continua a navigare nei bassifondi di classifica nonostante un Weems ancora sopra quota 20. Nel match valido per la lotta salvezza, Wurzburg coglie una vittoria pesantissima tutto cuore e orgoglio sul campo di Vectha, ancora trascinata dal top-scorer della lega Dominic Waters, mentre l’MVP del mese di Gennaio, l’italo americano Angelo Coloiaro, stecca nello scontro diretto tra Bremerhaven e Mitteldeutscher, con i padroni di casa che accorciano la distanza dalla zona playoff, ora distante solo 4 punti.

Phoenix Hagen – TBB Trier 73:57 (24-19, 17-14, 21-14, 11-10)
Hagen: Dugat 26
Trier: Hughes 17

Telekom Bonn – Ratiopharm Ulm 90:92 OT (15-26, 21-17, 23-20, 25-21, 6-8)
Bonn: Brooks 20
Ulm: Cleyburn 19, Gunther 17

Bremerhaven – Mitteldeutscher 86:71 (26-25, 25-16, 16-14, 19-16)
Bremerhaven: Adams 18
Mitteldeutscher: Kovacevic 19

Bayern Munchen – EWE Oldenburg 95:62 (24-10, 22-19, 27-12, 22-21)
Bayern: Thompson 21, Savovic 15
EWE: Jenkins 20

Tubingen – Ludwigsburg 57:92 (11-21, 12-21, 15-22, 19-28)
Tubingen: Cook 18, Adam 16
Ludwigsburg: Grant 24, Huff 19

Rasta Vechta – S. Olivier Wurzburg 85:92 (29-20, 12-18, 16-22, 28-32)
Rasta: Williams 22
S. Olivier: Waters 22

Artland Dragons – Braunschweig 78:79 OT (13-15, 19-25, 22-17, 18-15, 6-7)
Artland: King 22 + 11reb
Braunschweig: Swann 19, Visser 15

Alba Berlin – Bayreuth 83:73 (24-23, 17-22, 26-16, 16-12)
Alba: Logan 19, Jagla 14
Bayreuth: Weems 23

CLASSIFICA dopo 19 giornate

  1. Bayern Munchen 34
  2. Brose Bamberg* 30
  3. Alba Berlin 30
  4. EWE Oldenburg 26
  5. Telekom Bonn 24
  6. Artland Dragons 24
  7. Ratiopharm Ulm 22
  8. Ludwigsburg 20
  9. Fraport* 18
  10. Mitteldeutscher 16
  11. Phoenix Hagen 16
  12. Braunschweig 14
  13. TBB Trier 14
  14. Bremerhaven 14
  15. Rasta Vechta 10
  16. Bayreuth 8
  17. S. Olivier 8
  18. Tubingen 6

*1 gara in meno

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here