BBL, 9° giornata: Chi può fermare questa Berlino?

di Stefano Modesti

In molti ad inizio stagione si aspettavano un aumento della competitività al vertice della Bundesliga, ma quello che sta facendo vedere l’Alba Berlino in questo inizio di campionato va oltre il dato delle 8 vittorie in altrettante gare disputate. La squadra di coach Obradovic è una macchina da pallacanestro micidiale per il campionato tedesco. Nell’ultima giornata, pur soffrendo contro un ottima Hagen, ha mostrato il cinismo della grande, piazzando un parziale devastante di 26 a 13 nell’ultimo periodo per rimontare e vincere. Ad impressionare, più che i numeri (McLean 33+12 rimbalzi) è la capacità dei giocatori di capire il momento decisivo della partita e alzare improvvisamente il livello dell’intensità. In questo, grande merito va certamente dato ad Obradovic, che dalla sconfitta in finale dell’anno scorso ha saputo costruire una mentalità ancora più solida e vincente. Chi non sta a guardare sono però Bayern e Bamberg, entrambe impegnate in casa e vittoriose, rispettivamente contro Oldenburg e Francoforte. Le due squadre che si sono spartite il palcoscenico nazionale negli ultimi anni, dopo un momento iniziale di assestamento, sembra abbiamo ritrovato certezze. E’ ormai evidente come, più dell’anno scorso, molte delle fortune dei bavaresi passino sull’asse Djedovic-Bryant, mentre nel Bamberg, Trinchieri sta cercando di instaurare una pallacanestro più “democratica”; in questo caso il cartello “lavori in corso” è ancora esposto. Nelle altre sfide di giornata spicca il passo falso casalingo di Artland, beffata dal canestro decisivo di Huff a 3’’ dalla fine che regala a Ludwigsburg una bella boccata di ossigeno. Continua a sorprendere Mitteldeutscher, ancora largamente vittoriosa contro una arrendevole Bremerhaven. I centro teutonici proseguono il loro cammino di vittorie portandosi a soli 2 punti dalla coppia al secondo posto e con una gara da recuperare. Alzi la mano chi l’avrebbe pronosticato ad inizio stagione. In coda, invece, prosegue il momento nero dei Merlins, fermi ancora a quota 2. Hagen è sicuramente quella con maggiori possibilità di risalita, mentre Braunschweig, perdendo lo scontro diretto con Gottingen, rischia di essere risucchiata nel vortice della lotta “salvezza”.

 

TABELLINI & RISULTATI

Tigers Tubingen – Crailsheim Merlins 91:78
TUB: Rubit 18, Nadjfeji, 17
MERL: Mosley 18, Sim 15

Ratiopharm Ulm – Telekom Bonn 82:77
ULM: Gunther 29, Klobucar 19
BONN: Veikelas 15, Klimavicius 14

Mitteldeutscher – Bremerhaven 89:66
MITT: Vilhjalmsson 16, Massenat 15
BREM: O’brien 13, Mcgee 12

TBB Trier – Bayreuth 78:75
TBB: Harris 19, Chikoko 14
BAY: McCrea 15, Hughes 14

Artland Dragons – MHP Ludwigsburg 71:72
ART: King & Thomas 12
MHP: Campbell 16, Johnson 13

Brose Bamberg – Fraport Skyliners 81:62
BAMB: Thompson 14, Theis 13
FRA: Voigtmann 18, Batherl 11

Braunschweig – BC Gottingen 79:81
BRA: Allen 16, Simon 14
GOTT: Morgan 20, Godbold 12

Phoenix Hagen – Alba Berlin 90:98
PHO: Bell 21, Ramsey 18
ALBA: McLean 33+12 reb, Vargas 15

Bayern Munchen – EWE Oldenburg 80:65
BAY: Bryant 25+12 reb, Djedovic 20
EWE: Kramer 15, Aleksandrov 12

 

CLASSIFICA

  1. Alba Berlin 16*
  2. Bayern Munchen 14
  3. Brose Bamberg 14
  4. EWE Oldenburg 12*
  5. Mitteldeutscher 12*
  6. Artland Dragons 12
  7. Telekom Bonn 10
  8. Ratiopharm Ulm 10
  9. MHP Ludwigsburg 8*
  10. Medi Bayreuth 8
  11. BG Gottingen 8
  12. Bremerhaven 8
  13. TBB Trier 6
  14. Braunschweig 6
  15. Phoenix Hagen 4
  16. Tubingen 4
  17. Fraport Skyliners 4
  18. Crailsheim Merlins 2

*una partita in meno

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy