BCL, 3ª giornata: Gombauld e McKinnie trascinano la Dinamo Sassari! Prima vittoria europea contro Ludwigsburg

0
BCL Sassari
BCL

Importantissima vittoria europea per la Dinamo Sassari che trova i primi 2 punti in BCL contro i tedeschi del Ludwigsburg. Fondamentali le prestazioni di Stéphane Gombauld e Alfonzo McKinnie, MVP di questa partita.

Gli uomini di coach Piero Bucchi espugnano Ludwigsburg 89-79

Vittoria: una sola parola densa di significato per la Dinamo Banco di Sardegna che nel momento di maggiore difficoltà, in attesa dell’arrivo di Smith, fa quadrato e conquista il primo successo stagionale in Basketball Champions League. Un risultato che dà morale e fiducia al gruppo allenato da coach Piero Bucchi che, dopo un avvio morbido e il primo break di 7 punti dei padroni di casa, entrano in partita condotti da un super Stephane Gombauld (18 punti + 9 rimbalzi) e trova fluidità in attacco e intensità in difesa. La squadra risponde presente con una buona prestazione corale: buon impatto di Treier nel primo tempo (11 pt), doppia doppia di McKinnie (13 pt+12 rb), bene Whittaker (11 pt, 4 as) e Tyree (14).

BCL time. Terza giornata di Basketball Champions League: la Dinamo Banco di Sardegna, in tour de force dopo la partita a Varese, affronta i tedeschi di Ludwigsburg. Gli uomini di coach Piero Bucchi, senza Diop e in attesa dell’arrivo di Smith, calcano il parquet tedesco a caccia di un successo importante per dare fiducia e umore al gruppo.

BATTAGLIA APERTA

I padroni di casa partono forte con un break di 7-0, gli isolani si sbloccano con Gombauld che dopo quasi 2’ di gioco mette a segno i primi 4 punti del Banco. Il francese si esibisce anche in due stoppate mentre Ludwigsburg punisce dall’arco con tre triple. Anche Whittaker si unisce alla causa, Melson scrive il + 5 tedesco (15-10), ma c’è il buon impatto di Treier sul match con liberi a monetizzare il fallo antisportivo di Melson. La Dinamo si porta a contatto con Gombauld, Treier e McKinnie (22-18). Cappelletti firma un gioco da tre punti e il canestro del sorpasso sul 22-23. I liberi dei padroni di casa chiudono il primo quarto 24-23: il Riesen chiude avanti con un 5/10 dall’arco contro lo 0/3 dei sassaresi.

IL BANCO C’È

Nella seconda frazione però dopo i primi due punti di Childs il Banco piazza un break di 10 lunghezze: gli uomini di Bucchi si sbloccano dalla lunga distanza con Treier e Gentile e allungano con McKinnie (26-33). Anche Tyree entra in partita firmando 5 punti in fila per il nuovo +8 (30-38). È Patrick a sbloccare i padroni di casa, la difesa isolana stringe le maglie e mette in difficoltà Riesen: Kruslin si iscrive a referto dall’arco: Gentile e Whittaker tengono il break. Alla seconda sirena il tabellone dice 38-45, con 9 punti di un buon Treier (6/6 dalla lunetta e 1/3 dall’arco) e 8 di Gombauld. Migliorano le percentuali degli isolani con 4/9 dall’arco ma soprattutto 20 rimbalzi.

DINAMO AVANTI

In avvio di secondo tempo McKinnie sigla il vantaggio in doppia cifra (38-48), ma i padroni di casa vogliono risalire la china e si affidano a Graves che scrive il -2. Chiama minuto coach Piero Bucchi e i suoi escono bene dal timeout: a condurre l’offensiva sassarese un Gombauld in grande spolvero (14 punti, 4rb in 20’) per il nuovo +6. Lewis conduce Riesen ma la Dinamo alza il ritmo: liberi del centro francese, poi ottima azione corale con assist no look di Whittaker per la bomba di McKinnie del 50-57. L’ex Golden State Warriors intanto mette a referto 10 punti e 7 rimbalzi. Kruslin innesca il contropiede chiuso da Gombauld I padroni di casa provano a colmare il gap ma canestro and one di Tyree dice +10 (54-64). Graves e Childs sugli scudi per Ludwigsburg, al 30’ Dinamo avanti 59-68.

BATTAGLIA FINO ALLA FINE

Ad aprire l’ultimo quarto il gioco da tre punti di MCKinnie, Tyree lascia l’uomo sul posto e inchioda il 59-73. Chiama minuto coach King e i padroni di casa riaprono la partita con due bombe di Polas, dal -14 al -8. Time out Bucchi e reazione biancoverde con Tyree, la tripla del capitano e Cappelletti per il nuovo vantaggio in doppia cifra (70-80 a 6’ dalla fine). Ma i tedeschi non mollano il colpo, si avvicinano ancora stavolta con Melson e Graves riportandosi fino a un possesso di distanza, dal 70-80 al 79-82. A 100’’ dalla fine però Whittaker di ghiaccio ricaccia indietro dall’arco, canestro di ottima fattura di Tyree per il +8 isolano e l’ipoteca sul primo successo in coppa, siglato dai liberi di Kruslin che chiudono il match 79-89.

MHP Ludwigsburg – Dinamo Banco di Sardegna 79-89

(24-23; 14-22; 21-23; 20-21)

Ludwigsburg. Hammond 2, Bhre, Patrick 6, Graves 22, Buie 3, Lewis 11, Childs 7, Melson 6, Polas 15, Santana Mojica, Peta, Edigin 4. All. Joshua King

Dinamo. Cappelletti 7, Pisano, Treier 11, Tyree 14, Kruslin 7, Gandini, Whittaker 11, Raspino, Gentile 8, Gombauld 18, McKinnie 13, Charalampopoulos . All. Piero Bucchi

Sassari, 07 novembre 2023

Ufficio Comunicazione

Dinamo Banco di Sardegna