BCL 4° giornata – Sassari incappa in una serataccia: Bakken Bears stravince al PalaSerradimigni

La Dinamo Banco di Sardegna Sassari non riesce a chiudere i contri per centrare la qualificazione incappando in una brutta sconfitta casalinga contro i danesi del Bakken Bears. Finisce 71-93.

di Alessandro Sanna

La Dinamo Banco di Sardegna Sassari non riesce a chiudere i contri per centrare la qualificazione incappando in una brutta sconfitta casalinga contro i danesi del Bakken Bears. Finisce 71-93. Dopo un avvio energico, con il primo quarto chiuso di 10 punti, i sardi subiscono la rimonta degli ospiti. I danesi costruiscono rimonta e sorpasso nel secondo quarto, concedendo solo 8 punti ai padroni di casa: i biancoblù subiscono la freschezza e la fiducia di Aarhus e pagano i tanti rimbalzi concessi in attacco. Nel secondo tempo gli uomini di Pozzecco non riescono a trovare grinta ed energia per riprendersi l’inerzia del match e cedono ai Bakken, che chiudono con sei uomini in doppia cifra.
Sassari resta in vetta al gruppo A di Basketball Champions League a pari punti con Tenerife che ieri si è imposta su Galatasaray: ad attendere Devecchi e compagni le due trasferte a Tenerife e Istanbul (6 e 20 gennaio).La Dinamo scende in campo con il Banco con un quintetto inedito con Spissu in cabina di regia, Gentile, Treier, Bendzius e Bilan sotto le plance. Coach Wich risponde con Evans, Peterson, Jukic, Diouf e Ongwae. I padroni di casa partono forte condotti da un super Eimantas Bendzius, in doppia cifra dopo appena 5’ con 11 punti, il 100% al tiro (5/5) 1 assist e 3 rimbalzi. Mette la testa avanti la Dinamo con la coppia Bendzius-Bilan, i primi punti per i Bakken Bears arrivano dalla lunetta con QJ Peterson su fallo di Gentile. Il lituano del Banco trascina i giganti: tripla di Gentile, schiacciata del numero 20 e contropiede chiuso da Burnell. Coach Wich a chiamare timeout sul 20-11. I danesi si sbloccano con Ongwae dall’arco e l’ex Cagliari Stephens, ma Kruslin punisce dai 6,75. La tripla di Diouf chiude il primo quarto 29-19. In avvio di secondo quarto la Dinamo abbassa l’intensità difensiva e Bakken ringrazia, piazzando un break di 8-0 che riporta gli ospiti a un possesso di distanza (29-27). Il Banco sbaglia tanto in attacco, coach Pozzecco ricorre alle rotazioni e rimanda in campo Spissu e Bendzius. La tripla di Gentile ferma l’emorragia, Darboe risponde con la stessa moneta. I danesi sono bravi a restare lì e creare extra possessi importanti: Ongwae dice -2 e QJ Peterson chiude la rimonta. Sul 34 pari la Dinamo fatica in attacco, la tripla di Peterson sigla il sorpasso danese. Tecnico per proteste a coach Pozzecco, Peterson scrive il +4 a cronometro fermo. Tillman sblocca gli isolani, tecnico a coach Wich e storie tese in campo: Spissu monetizza il fallo ma la tripla di Ongwae chiude il primo tempo 37-41.
La Dinamo rientra in campo con un mini parziale di 4-0 che dice 41 pari: la reazione danese non si fa attendere con un controbreak di 8 lunghezze e la stoppata di Stephens su Burnell. Gentile accorcia ma gli ospiti sono in fiducia e vedono il canestro grande. Fiammata sassarese che monetizza l’antisportivo di Peterson con Spissu in lunetta e trova il canestro con Bilan. La tripla di Stephens dice +10 Bakken. Bendzius accorcia a cronometro fermo insieme a Bilan, ma gli ospiti restano avanti e ritoccano il massimo vantaggio (57-68). I padroni di casa provano a rialzare la testa, ma pesano i 20 rimbalzi offensivi concessi nei primi 30’ alla formazione danese. Burnell prova ad aprire la rimonta, seguito da Kruslin che infila la tripla del -7. Ma Bakken ricaccia indietro il Banco tirando con fiducia. Con 5’ da giocare i danesi conducono 80-64 con sei uomini in doppia cifra. Il copione non cambia, Bakken prosegue la sua corsa e il Banco insegue. I danesi siglano la prima vittoria in Basketball Champions League 71-91.

TABELLINI:

Dinamo Banco di Sardegna Sassari: Bilan 8, Bendzius 17, Burnell 16, Treier, Spissu 3, Gentile 10, Kruslin 6, Gandini, Re, Devecchi, Katic 5,  Tillman 6.
Coach Gianmarco Pozzecco

Bakken Bears: Stephens 15, Darboe 13, Diouf 12, Evans 11, Jukic 13, Ongwae 16, Harbo, Mollgard, Mortensen, Petersen 11, Sahlertz.
Coach Steffen Wich

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy