BCL – Brindisi non passa ad Holon e abbandona la Champions League

0
FIBA.COM

Ultima chance per la Happy Casa Brindisi di conquistare il terzo posto nel girone G e il ‘play-in’ di Champions League. Ricordiamo che la squadra di Vitucci deve vincere e sperare nella sconfitta del Darussafaka con il Cluj.

HAPOEL HOLON – HAPPY CASA BRINDISI 84 – 80 (30-16, 17-20, 21-22, 16-22)

QUINTETTO HAPPY CASA BRINDISI: J.Perkins, Clark, Gaspardo, Adrian, N.Perkins

QUINTETTO HAPOEL HOLON: Ragland, Menco, Bourdillon, Johnson, Zack

PRIMO QUARTO:

Johnson e Ragland sono gli autori del 5-0 iniziale. Chappell firma i primi punti brindisini, ma dall’altra parte c’è un Johnson on fire che porta Holon subito avanti di otto lunghezze (12-4). Continua il momento super produttivo dei padroni di casa e dopo neanche 5’ Joe Ragland ha fornito ben cinque assistenze ai compagni. Tutto troppo facile per gli israeliani contro una difesa a dir poco pessima dei ragazzi di Vitucci che, come già successo all’andata, approcciano nel peggiore dei modi la gara e chiudono i primi 10’ con la bellezza di trenta punti subiti (30-16).

SECONDO QUARTO:  

Arriva finalmente la reazione dei biancoazzurri guidati da un super Mattia Udom: l’ala italiana mette due triple consecutive del 30-22. Brindisi prende fiducia e arriva fino al -3 con i canestri di Chappell e Zanelli (31-28). Il momento positivo dei pugliesi, però, dura poco: rientrano in campo Ragland e Johnson che riportano Holon in carreggiata (44-34). Gli ultimi minuti di quarto sono oggetto di tanta confusione e di alcune “trucchetti” assolutamente evitabili da parte dei padroni di casa. Si va alla pausa lunga con il punteggio di 47-36.

TERZO QUARTO:    

Il copione della partita non cambia: il punteggio oscilla tra il +10 e il – 6 con la Happy Casa che non dà mai la sensazione di poter agganciare gli avversari. É sempre il duo Ragland-Johnson a far male alla difesa biancoazzurra, che non riesce a trovare delle reali contromisure. Il terzo quarto vede la squadra di Buscaglia condurre sul +10, 68-58.

ULTIMO QUARTO: 

Gli ultimi 10′ si aprono nel segno dei Perkins: Nick e Josh mantengono Brindisi a contatto (74-67). I pugliesi ci credono e mettono a segno un bel parziale di 8-0 arrivando sul -4 (79-75). Il parziale, però, viene interrotto sul più bello dalla tabellata di Pnini che mette fine alle speranze dei ragazzi di Vitucci. Finisce 84-80 e la Happy Casa chiude così la sua esperienza sottotono in BCL.

TABELLINO:

HAPOEL HOLON: Zack 4 (2/5, 8 r.),  Ragland 19 (3/3, 3/6, 8 r.),  Johnson 16 (4/6, 2/7, 12 r.), Yanay ne, Bourdillon 7 (1/3, 1/5, 4 r.), Menco 19 (4/7, 2/5, 2 r.), Pnini 10 (1/2, 1/2), Kyser 1 (0/3, 6 r.), Fogleman ne, Smith 5 (1/5, 1/3, 1 r.), Alber 3 (1/2 da 3), Misgav ne. All.: Buscaglia.

HAPPY CASA BRINDISI: Carter, Adrian 9 (3/6, 1/4, 2 r.),  J. Perkins 4 (2/2, 0/3, 2 r.),  Zanelli 10 (2/2, 2/3, 2 r,),  Visconti 3 (0/2, 1/4, 2 r.), Gaspardo ne, Redivo 6 (0/2, 2/3, 2 r.), Chappell 13 (5/8, 1/3, 4 r.), Clark 4 (1/2, 2 r.), Udom 15 (3/6, 3/6, 10 r.), N. Perkins 16 (6/10, 1/4, 3 r.). All.: Vitucci.

BASKETINSIDE MVP: Joe Ragland 19 punti (3/3, 3/6, 8 r.)

PROGRESSIVI: 30-16, 47-36, 68-58, 84-80