BCL Playoffs, 6ª giornata: svanisce il sogno di Brindisi: il Pinar vince e accede alle Final Eight

0
Fiba.com

Appuntamento con la storia per la Happy Casa Brindisi, che è di scena sul campo del Pinar Karsiyaka per un posto nelle Final Eight di Champions League. Si tratta di un vero e proprio spareggio: la situazione del girone I vede l’Hapoel Holon, vittorioso settimana scorsa sulla Happy Casa, aritmeticamente prima nel girone e già qualificato, seguono i pugliesi con il record di 3 vinte e 2 perse e subito dopo c’è la compagine turca con 2 vinte e 3 perse. Ricordiamo inoltre, che il match di andata giocato al PalaPentassuglia fu vinto dalla Happy Casa, che ebbe la meglio con il punteggio di 83-79, scarto da tenere in considerazione nel testa a testa tra le due squadre. Infatti, Brindisi si qualifica alle F8 BCL se batte il Pinar, perde con massimo tre punti di scarto o perde con quattro punti di scarto, ma subendo massimo 83 punti.

PINAR KARSIYAKA– HAPPY CASA BRINDISI 107-88 (28-24, 25-19, 30-28, 24-17)

QUINTETTO PINAR KARSIYAKA: Henry, Taylor, Kennedy, M’Baye, Morgan

QUINTETTO HAPPY CASA BRINDISI: Thompson, Bostic, Gaspardo, Willis, Perkins

PRIMO QUARTO:

Parte forte Willis: sono tutti suoi i primi 5 punti dei pugliesi. Il Pinar, invece, trova in Morgan e soprattutto in Sek Henry i principali terminali offensivi di questo inizio gara. Quest’ultimo mette a segno, con due triple, un personale parziale di 6-0, 14-7. Willis è caldo e accorcia grazie ad un’altra tripla, segue la schiacciata in contropiede di Thompson per il -2. I padroni di casa sembrano più reattivi e in attacco riescono a trovare anche canestri difficili, come quelli di Taylor che regalano il primo mini allungo sul +7, 28-21. I tre liberi guadagnati da Bostic chiudono il quarto sul 28-24.

SECONDO QUARTO: 

Brindisi arriva sul -1 grazie al gioco da tre punti concretizzato da Thompson, ma continuano i problemi difensivi e i turchi ne approfittano per tenere a debita distanza la Happy Casa. Vitucci chiama il primo timeout del match per sistemare gli equilibri difensivi, fin troppo approssimativi. I biancoazzurri escono bene dal minuto di sospensione: le triple di Zanelli e Bell permettono il sorpasso sul 36-35. La formazione pugliese appare più solidi nella metà campo difensiva con Udom da 4 e Krubally a fare il lavoro sporco sui lunghi avversari. Questo, però, è solamente un fuoco di paglia; Karsiyaka riprende il comando della gara e con una serie di grandi giocate firmate da un pazzesco Tony Taylor, si porta sulla doppia cifra di vantaggio, 49-39. A 1” dalla fine del primo tempo, Bell regala ingenuamente tre liberi a Taylor che fa 2/3, dall’altra parte Perkins realizza il gioco da tre punti del 51-43. Negli ultimi 5” Thompson, il grande assente della gara, manda in lunetta Kennedy che rispedisce Brindisi sul -10, 53-43.

TERZO QUARTO:

Purtroppo per Brindisi il copione della partita non cambia. I turchi sono infallibili e realizzano su ogni singolo possesso offensivo. Le triple di M’Baye e le iniziative di un Taylor fenomenale, allargano il divario sul +16. La Happy Casa è in totale balia dell’avversario e sembra già alle corde. I padroni di casa arrivano al massimo vantaggio sul +18, ma attraverso le triple i ragazzi di Vitucci evitano di essere sommersi dall’impeto di un Pinar pressochè perfetto. Perciò, chiudere solo a -12 il quarto è sicuramente un affare per i pugliesi.

ULTIMO QUARTO: 

I segnali di una minima reazione si erano visti alla fine del terzo periodo e vengono confermati dai primi minuti di quest’ultimo decisivo quarto. Brindisi trova in Zanelli e Bostic i protagonisti di un tentativo di rimonta: le bombe dei due citati poco fa consentono di ridurre le distanze sul -8. I due punti di Gaspardo riducono ulteriormente la forbice, -6 e minuto di interruzione chiamato da coach Sarica che vede la sua squadra per la prima volta in difficoltà. Dopo il timeout, Morgan si carica sulle spalle i suoi e interrompe il momento positivo della Happy Casa che scivola nuovamente sul -10, 90-80. La tripla successiva di Yldirim sembra porre fine alle speranze di rimonta brindisine; infatti il Pinar si rimette saldamente al comando della gara non concedendo più nulla alla formazione ospite. In questo modo, si conclude il percorso europeo di Brindisi che esce con le ossa rotte dal campo del Pinar: emblematico è il risultato finale di 107-88.

TABELLINO:

PINAR KARSIYAKA: Birsen 4 (1/2, 6 r.), Morgan 20 (7/9, 4 r.), Erden 4 (2/2, 1 r.), Bitim ne, Kennedy 21 (3/6, 3/3, 10 r.), Taylor 30 (5/8, 3/5, 2 r.), Henry 13 (2/4, 3/7, 2 r.), M’Baye 10 (2/5, 2/5, 1 r.), Sonsirma (0/1, 0/1, 1 r.), Yildirim 5 (1/2, 1/2, 3 r.) Tuluoglu ne, Agva ne. All.: Sarica.

HAPPY CASA BRINDISI: Bostic 28 (4/5, 3/10, 2 r.), Zanelli 11 (3/6 da 3), Krubally 4 (1/1, 5 r.), Visconti 3 (1/3 da 3), Gaspardo 4 (2/3, 0/1, 2 r.), Thompson 7 (3/4, 0/3, 2 r.), Cattapan ne, Udom 2 (1/1, 0/1, 4 r.), Bell 7 (0/2, 2/5, 2 r.), Perkins 10 (4/5, 0/1, 2 r.), Willis 12 (3/5, 2/3, 3/4 r.). All.: Vitucci.

BASKETINSIDE MVP: Taylor 30 (5/8, 3/5, 2 r.)

PROGRESSIVI: 28-24, 53-43, 83-71, 107-88

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here