BCL QR – Super Gaines, Cantù vince in volata contro il Szolnoki Olaj

Cantù soffre ma in volata fa sua la prima sfida contro gli ungheresi del Szolnoki Olaj.

di Daniele Tagliabue, @Danyboy1991

Cantù soffre ma in volata fa sua la prima sfida contro gli ungheresi del Szolnoki Olaj. Dopo un avvio opaco (6-14 al 15′), Cantù esce alla distanza (34-32 al 20′) e sfoggiando un terzo quarto di ottimo livello, tocca anche la doppia cifra di vantaggio (53-43 al 29′). Rammarico per l’ultimo e decisivo quarto dove i canturini sprecano e gli ungheresi prima riducono il passivo e poi mettono anche il naso avanti. Nel finale il pubblico di Desio e un super Gaines sistemano le cose, con Cantù che s’impone 69-68 finale.

Cantù: Gaines-Blakes-Calhoun-Davis-Udanoh
Szolnoki Olaj: Airington-Andric-Vojvoda-Murphy-Milosevic

BENE GAINES, MA E’ EQUILIBRIO IN CAMPO-Avvio subito difficoltoso per i canturini, che subiscono le folate offensive ungheresi con Andric e il talento Vojvoda a salire subitoin cattedra per il 3-9 dopo tre minuti. Gaines dall’arco sblocca la Red October ma Milosevic e Murphy replicano immediatamente scrivendo il 6-14. La formazione di Pashutin reagisce però spinta da Gaines, con l’americano protagonista del break che riporta i brianzoli fino al meno due. Il pareggio si concretizza poco dopo con Mitchell che s’iscrive a referto finalizzando un notevole alley oop. Si continua su ritmi equilibrati, con il Szolnoki Olaj che al decimo è avanti 17-18. Nel secondo quarto di gioco andamento più lento: Davis si mette in evidenza con una bella schiacciata che riporta avanti Cantù, mentre il botta e risposta tra Blakes e Vojvoda vale il 25-25. Gli ungheresi si caricano e con Murphy e Airington rimettono il naso avanti, obbligando al timeout la squadra di casa. Una pausa che rianima i canturini, che trova la zampata vincente per andare al riposo avanti sul 34-32.

CANTU’ RUGGISCE IN VOLATA E VINCE L’ANDATA- Dopo l’intervallo, ancora Gaines e Udanoh regalano alla Red October il massimo vantaggio, sul 41-35. Sale in cattedra Calhoun, con il numero tre a segno con due canestri in fila per il più otto che obbliga al minuto di sospensione gli ospiti. Milosevic e Blakes colpiscono dai 6.75, ma sono i canestri di Mitchell e Davis a far volare la formazione di Pashutin sul più nove. Blakes porta il margine in doppia cifra, ma il 2/2 di Vojvoda fissa il 53-45 dopo trenta minuti. Un break di 4-0 in favore degli ungheresi riapre la contesa nell’ultima frazione. Il 2+1 di Mitchell riallontana i canturini ma Benke dall’arco e i liberi di Andric riaprono completamente l’incontro, sul 57-56. Andric impatta dalla linea della carità e a cinque minuti dal termine, Cantù si ritrova ad aver sprecato quanto di buono aveva costruito. Milosevic continua a far valere i propri centimetri, trovando cinque punti in fila che rimettono avanti i propri compagni mentre la Red October fatica a trovare soluzioni offensive. Gaines torna a farsi sentire quando conta, insaccando il 62-62 che apre gli ultimi tre minuti di gara. La partita s’infiamma: Milosevic da una parte e Gaines dall’altra si rispondono colpo su colpo, mentre Udanoh va a canestro per il 67-66 a 1’34” dal termine. Cantù entra anche nell’ultimo giro di lancette avanti di una lunghezza. I decibel del PalaDesio si alzano di prepotenza ipnotizzando Toth che fa 0/2 in lunetta, ma Tavernari dall’arco fallisce il match point. L’ultimo possesso è degli ungheresi ma il tiro di Vojdova si ferma sul ferro. Cantù s’impone 69-68 e tra meno di due giorni andrà in Ungheria per cercare la qualificazione.

MVP BASKETINSIDE. COM: Gaines
CANTU’ 69 SZOLNOKI 68

(17-19, 34-32; 53-45, 68-68)

CANTÙ: Gaines 19, Mitchell 5, Calhoun 9, Blakes 16, Udanoh 9, Baparapè n.e., Parrillo, Davis 11, Tassone n.e., Pappalardo n.e., Quaglia n.e., Tavernari. All. Pashutin

SZOLNOKI: Rowsey 3, Airington 2, Andric 12, Murphy 8, Vojvoda 22, Kovacz, Benke 3, Toth 1, Milosevic 17, Csak n.e.. All. Aleksic

Arbitri: Calatrava (ESP), Kardum (CRO), Maricic (SRB).

Spettatori: 1822

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy