Brindisi, che peccato! Denmon sbaglia la tripla della vittoria, Enel ko in Olanda

di Andrea Ciaccia

Esordio amaro in Europa per il Brindisi, erano in circa 40 i tifosi che hanno seguito la squadra sino in Olanda, a dimostrazione di un grande affetto e passione dei propri sostenitori. Brindisi perde una partita che l’ha vista sempre in svantaggio e solamente negli ultimi minuti del quarto quarto è riuscita quasi a sorprendere il Den Bosh con una insperata rimonta. Brindisi scende in campo con un atteggiamento sbagliato, troppo molle in difesa, dove il pivot di peso Johnson, andava spesso incontrastato a canestro, in fase offensiva, forse anche grazie ad una buona difesa del Bosh, che ha chiuso benissimo l’area, un po’ a causa dell’assenza di Mays, ha avuto un gioco per lo più perimetrale, tanti i palloni persi nel tentativo di attaccare il ferro, dove puntualmente tutti i varchi venivano chiusi. Il Den Bosh, grazie all’ottima difesa e alle veloci ripartenze, ha trovato spesso canestri facili. Brindisi, probabilmente, ha pagato caro il primo quarto disastroso, dove ha tirato con percentuali scarsissime e difeso malissimo. Nel terzo quarto, Brindisi ha iniziato a difendere meglio, pian piano è riuscita a recuperare punti, ha iniziato a migliorare la mira e proprio grazie a tre triple di James Turner e Denmon nei minuti finali, è riuscita a giocarsi la partita negli ultimi secondi.

Cronaca

Primo quarto. Brindisi parte male, in fase difensiva sembra non molto reattiva e molto spesso gli Olandesi riescono ad arrivare facilmente al canestro, in fase offensiva il gioco di Brindisi sembra troppo perimetrale e molto impreciso. Il primo quarto finisce 25-10, Brindisi tira con solo il 25% da 2 e il 16,7% da tre, gli Olandesi chiudono bene l’area, in fase offensiva risultano più precisi, e spesso riescono a superare la difesa Brindisina subendo fallo, ben 10 i tiri liberi concessi agli Olandesi.

Secondo quarto. Il Den Bosh sfrutta al meglio il gioco sotto canestro e Brindisi sente la mancanza del suo pivot titolare e continua a sbagliare tiri da tre, 33-17 quando mancano 5 minuti. Dopo l’ennesima palla persa, parte in contropiede il Den Bosh e Denmon commette fallo antisportivo. Finalmente una buona entrata di Brindisi, Denmon supera il difensore e appoggia in sottomano, 36-19 a 2 minuti e 40 secondi dalla fine. Brindisi prova ad diminuire lo svantaggio, Ivanov segna una tripla, il quarto finisce con un errore di Denmon da sotto canestro allo scadere, 40-24, 16 punti da recuperare.

Terzo quarto. James taglia in due la difesa del Bosh, entra e subisce fallo, due tiri liberi. Il pallone arriva sempre a Johnson che subisce fallo e mette dentro i due tiri liberi, già 17 punti per lui. Turner parte in cost to cost e fa canestro poi una tripla di Denmon che finalmente si sblocca, 45-32, Brindisi si fa sotto. L’Enel inizia a difende meglio e sembra aver aggiustato la mira, Denmon inizia a scaldarsi e realizza due triple consecutive, lo segue Henry che sigla il -6 a 3 minuti al termine. Due triple consecutive di Del Bosh, aumenta il suo vantaggio 56 44. Il quarto finisce con un’azione da tre punti da parte di Denson 59-46.

Quarto quarto. James cerca di prendersi la squadra sulle spalle, e in diverse occasioni attacca con successo la difesa avversaria, segnando poi i due punti, il Den Bosh continua a cercare il gioco in post basso e, prima con Akerboom, poi con il solito Johnson riesce a superare la difesa Brindisina, 65-48 quando sono trascorsi 3 minuti e Bucchi chiama time out. Bulleri perde in due occasioni il pallone, James ruba palla ed appoggia a canestro, poi un’altra palla recuperata per Brindisi che parte in transizione con Turner, realizza, subisce fallo e mette dentro il tiro libero aggiuntivo, 65-53 a 5 minuti e 40 secondi dal termine. Brindisi aumenta la pressione, il Bosh sembra aver perso la testa, 69-58 a 4 minuti 20 sec dalla fine. Brindisi a questo punto sembra credere nel recupero, e con tre triple, prima James poi Turner e infine Denmon, si porta sul 69-67 a 1 minuto e 23 sec dalla fine, la partita è riaperta, time out Den Bosh. Ci pensa James a portare il punteggio in parita con una delle sue entrate. Lo stesso James sbaglia una tripla e nell’azione successiva Brindisi commette fallo a 6 secondi dal termine della partita, time out chiamato da Bucchi. Akerboom jump shot e due punti a 3 secondi dal termine, infine Denmon ha il canestro della vittoria, che purtroppo sbaglia. La partita finisce 71-69, con molto rammarico alla fine per Brindisi che forse alla fine credeva di poter portare a casa la vittoria.

SPM SHOETERS DEN BOSCH – ENEL BASKET BRINDISI 71-69 (25-10, 40-24, 59-46)

SHOOTERS: Slagter 9, Johnson 23, Wessels 13, Denson 9, Schilder 3, De Pagter, Curry 5, Akerboom 7, Aarts 2.

ENEL: Harper 6, James 13, Bulleri 3, Cournooh, Denmon 13, Zerini, Henry 9, Ivanov 8, Turner 17.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy