FIBA Champions League – Varese è sempre più convincente, superata Usak

FIBA Champions League – Varese è sempre più convincente, superata Usak

Varese continua a mostrare miglioramenti e conduce con autorevolezza per tutti e 40′. Bene soprattutto Johnson e Pelle, veri trascinatori di questo gruppo stasera

di Ciro Vieni

L’Openjobmetis Varese continua a sperare nel ripescaggio in FIBA Europe Cup (competizione nella quale ha raggiunto la finalissima della scorsa edizione) grazie alla seconda vittoria di fila. Gli uomini di Caja, autori di una partita da incorniciare, ad un certo punto hanno anche creduto di poter ribaltare il -23 dell’andata ma negli ultimi minuti è finita la benzina così i turchi sono risaliti fino al -8 che non rende completamente giustizia all’ottima gara dei biancorossi.

LA CRONACA – La partenza di Varese è molto buona e 5-0 è il primo mini-break di gara. Il vantaggio resta il medesimo anche a metà periodo (10-5) anche se l’Usak è, evidentemente, entrata nella gara. Come infatti, si arriva al 15-13 ma grazie ad uno straripante Pelle (2 stoppate nel quarto), i padroni di casa tornano avanti di 4, al 8′. E sul massimo vantaggio di +7 (24-17), la squadra varesotta chiude il primo periodo.

L’Openjobmetis continua a giocare un buon basket e con il lay-up di Johnson, al 12′, tocca il 29-19 che costringe il coach ospite al timeout. I rossoneri non riescono a rispondere alla mareggiata e i padroni di continuano a scavare il solco: al 15′, è +13 (36-23). Ma quando la gara sembrava in discesa, arriva il parziale di Usak che arriva vicinissima sul 38-34. Nel finale di periodo, Varese torna a tuonanre e chiude avanti 45-37 all’intervallo.

Varese non dà troppo spazio di manovra ad Usak e al 25′ è ancora +11 (55-44). L’inchiodata in contropiede di Avromovic regala il +13 (62-49) e l’Openjometis dà la chiara sensazione di voler mettere le mani sulla gara, prima del tempo. E 13 resta ancora il distacco alla penultima sirena quando i bianco-rossi conducono 69-56.
L’avvio dell’ultima frazione conferma ancora la superiorità varesina: il 75-56 al 32′ evidenzia bene la grande prova degli uomini di Caja. I turchi però non sono ancora KO un 8-0 di parziale spaventa i sostenitori di Masnago. Tempestivo è il contro-parziale, chiuso da una bomba di Eyenga che porta tutto sul 82-64. La gara sembra ormai vinta e negli ultimi minuti l’Openjobmetis molla la presa: Usak rende meno amaro il passivo finale ma Varese trionfa 85-77.

OPENJOBMETIS VARESE – MURATBEY USAK SPORTIF 85-77 (24-17, 45-37, 69-56)

OPENJOBMETIS VARESE: Johnson 22, Anosike 6, Maynor 11, Avramovic 7, Pelle 17, De Vita n.e., Cavaliero 8, Kangur 2, Lo Biondo n.e., Canavesi n.e., Ferrero 3, Eyenga 9. Allenatore: Caja.

MURATBEY USAK SPORTIF: Auguste 18, Ademoglu 0, Kavalioglu 3, Kandan 10, Harrison 5, Freimanis 11, Vasiliauskas 14, Sonmez 0, Demirel 2, McKissic 14. Allenatore: Bulzak.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy