Coppa del Presidente 2019: L’Anadolu Efes bissa il successo dello scorso anno piegando un combattivo Fenerbhace

Coppa del Presidente 2019: L’Anadolu Efes bissa il successo dello scorso anno piegando un combattivo Fenerbhace

I biancoblu conquistano per la dodicesima volta la SuperCoppa piegando gli eterni rivali (privi di Datome e Vesely) grazie al duo Simon-Micic. Tardiva la rimonta gialloblu che non possono far altro che arrendersi nel finale dopo aver rimontato 16 punti di svantaggio.

di Marco Novello

A Gaziantep è andata di scena l’ennesimo match tra le due regine di Turchia, Anadolu Efes e Fenerbahce Beko, con in palio la Coppa del Presidente; a trionfare ancora una volta è l’Efes che bissa il titolo dello scorso anno.

QUINTETTO BASE ANADOLU EFES: Balbay, Beaubois, Simon, Peters, Dunston

QUINTETTO BASE FENERBAHCE BEKO: Sloukas, Kalinic, Mahmutoglu, Williams, Duverioglu

La sfida parte a rilento, le due contendenti, infatti, passano i primi minuti del match a studiarsi vicendevolmente senza prendere alcuna iniziativa, Dunstone-Balbay, da una parte, Williams-Duverioglu dall’altra smuovono i tabellini senza animare però la partita. Ci pensano quindi Peters e Simon a spezzare l’equilibrio portando, a suon di bombe, l’Efes avanti di sette lunghezze (13-6) con il Fener che, inizialmente, accusa il colpo. I gialloblu tuttavia si affidano a capitan Mahmutoglu ed al nuovo arrivo Williams per risalire la china toccando il minimo svantaggio sul -1 (15-14). Il duo Micic-Dunston blocca la rimonta avversaria con una paio di canestri che fanno rifiatare gli uomini di Ataman riconsegnando un discreto vantaggio ai campioni in carica (19-15). I canestri finali di Ali Muhammed e Williams mandano al primo riposo le due squadre sul parziale di 19-20 in favore dei gialloblu vincitori dell’ultima Coppa di Turchia.

Il secondo periodo ripropone il tema tattico dei primi dieci minuti di gioco, Efes in pieno controllo del ritmo partita col Fener però che attende sornione la propria occasione. Dopo la sventagliata di canestri messa a segno da Beaubois, Peters, Simon e Sanli, ecco palesarsi l’occasione di prendere in mano le redini del match per i ragazzi di Obradovic. Con un break di 7 a 0 i gialloblu passano in vantaggio per la seconda volta durante l’incontro, Ataman preoccupato chiama subito un time-out per interrompere la sterilità offensiva dei suoi ragazzi oltre che per fermare il momento positivo degli avversari. Il minuto di sospensione è un toccasana per i biancoblu che si affidano a vecchie certezze, Micic con un paio di bombe riporta avanti l’Efes prima che Mahmutoglu, sempre da 3, impatti la sfida a quota 37. Il play serbo però completa il parziale di 9-3 con il canestro in penetrazione che manda le sfidanti a riposo lungo sul punteggio di 39-37 in favore dei biancoblu.

La terza frazione è un lungo monologo Efes, i ragazzi di Ataman dominano in lungo ed in largo i dieci minuti in uscita dagli spogliatoi mettendo una seria ipoteca sul titolo. Simon e Micic guidano l’attacco dei biancoblu che gira come un orologio svizzero con il Fener che pare non essere ancora uscito mentalmente dagli spogliatoi. Beaubois, con l’ennesima tripla, scrive il massimo vantaggio in favore dei campioni in carica di Turchia che a metà frazione conducono addirittura con 11 punti vantaggio (52-41) sui gialloblu incapaci di reagire e risollevarsi da questo momento negativo. Obradovic tenta varie strade mescolando quintetti, chiamando time-out ma nulla sembra smuovere i gialloblu che continuano a subire le sfuriate offensive di Simon e soci sprofondando sino al -16 (62-46 al 29′). Al 30′ di gioco il tabellone luminoso recita il parziale di Anadolu Efes 64-52 Fenerbahce Beko.

L’ultimo quarto parrebbe essere solo una pura formalità, invece il Fener riesce a risalire la china negli ultimi cinque minuti finali rendendo elettrizzante ed incerto il finale di gara. Nella prima parte del periodo infatti l’Efes controlla agevolmente il vantaggio accelerando o rallentando a proprio piacimento, ma dopo il canestro che è valso il momentaneo -9 messo a segno da Kalinic è iniziata la feroce rimonta dei gialloblu. Lo stesso serbo, ben coadiuvato da Sloukas e Williams, riporta sotto i ragazzi di Obradovic che sognano addirittura un’insperato colpaccio dopo la tripla del -3 segnata dallo stesso Williams (73-70 a 2′ dalla fine). Gli ultimi 120 secondi però vengono gestiti benissimo da Micic e dall’Efes che, grazie ad un’ottima rete di passaggi, pescano un paio di volte Dunston libero sotto canestro; l’ex Varese non si fa pregare scrivendo così i titoli di coda al match. La partita si concluderà sul punteggio di Anadolu Efes 79-74 Fenerbahce Beko.

MVP Basketinside.com: Krunoslav Simon. L’ex Olimpia questa sera è stato una vera e propria sentenza con la sua mano mancina. 22 punti con 6/6 da 3 consegnano il meritato bis ai campioni di Turchia in carica che si aggiudicano il primo trofeo della stagione

ANADOLU EFES – FENERBAHCE BEKO 79-74 (19-20, 20-17, 25-15, 15-22)

Anadolu Efes: Balbay 2, Dunston 15, Simon 22, Beaubois 6, Peters 12, Tuncer 0, Sanli 6, Saybir n.e., Ilyasoglu n.e., Kurtuldum n.e., Micic 16, Gecim 0, all. Ataman

Fenerbahce Beko: Mahmutoglu 11, Duverioglu 9, Sloukas 8, Kalinic 13, Williams 16, Arna n.e., Tirpanci n.e., Sancakli n.e., Muhammed 5, De Colo 4, Stimac 8, Candan 0, all. Obradovic

Photo Credits: Getty Images

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy