Coppa di Turchia: avanti Anadolu e Fenerbahce

Coppa di Turchia: avanti Anadolu e Fenerbahce

Nessun problema per le due favorite d’obbligo che liquidano Bahcesehir e Gaziantep. Cadono, invece, un po’ a sorpresa sia Tofas che Galatasaray

di Marco Novello

Settimana di pausa per le coppe europee e quindi spazio alle varie coppe nazionali; in Turchia come negli altri paesi sono andate in scena tra ieri ed oggi i quarti di finale in cui Fenerbahce ed Anadolu Efes hanno avuto la meglio dei rispettivi avversari, ma non mancano di certo le sorprese con Tofas e Galatasaray fuori dalla competizione.

FENERBAHCE DOGUS-BAHCESEHIR KOLEJI 78-70 (25-12, 23-21, 18-8, 12-29)

Tutto facile per il Fenerbahce che spezza la maledizione dei quarti e passa alle semifinali dove incontrerà i padroni di casa del Turk Telekom. Partita in discesa per i ragazzi di Obradovic che soffrono il minimo necessario; il risultato infatti non rispecchia i reali valori in campo coi gialloblu che dominano in lungo ed in largo per oltre 30′ per poi riposarsi a vittoria conquistata negli ultimi dieci minuti di gioco. Già il primo quarto di gioco è indicativo sulla differenza di valori in campo; Melli è incontenibile mettendo a segno già dieci punti (alla fine saranno 20 per il lungo reggiano) personali mentre l’intera squadra del Bahcesehir ne scrive a referto solo dodici. Nei secondi dieci minuti di gioco la partita pare più equilibrata con la matricola che prova ad impensierire i pluricampioni di Turchia, ma lo svantaggio risulta già essere considerevole (48-33). Il terzo periodo segna la fine del match; la difesa del Fenerbahce sale di colpi con White e soci che provano in tutti i modi a scardinarla, ma non ci sarà verso tanto che i ragazzi di Dedas non riusciranno a superare la doppia cifra di punti segnati nel quarto. Sopra di 25 punti all’inizio dell’ultimo quarto di gioco, Obradovic dà ampio respiro alle proprie rotazioni facendo calcare il campo a tutti gli effettivi a propria disposizione; l’intensità dei gialloblu cala, ma la vittoria non verrà mai messa in discussione. Dopo tre anni Datome e soci spezzano la maledizione che non li vedeva mai superare i quarti di finale e riapprodano nuovamente alle semifinali trascinati dal duo italico.

Fenerbahce Beko: Melli 20, Datome 15, Lauvergne 11, Muhammed 10, Duverioglu 7, Sloukas 4, Green 4, Arna 3, Hersek 2, Mahmutoglu 2, Guler 0, Tirpanci 0, all. Obradovic

Bahcesehir Koleji: Rautins 20, Withe 13, Altintig 11, Slaughter 7, Yapar 7, Harris 6, Colom 5, Turna 1, Preldzic 0, Cantitiz 0, Ozcan 0, Ozdemir 0, all. Dedas.

TURK TELEKOM-GALATASARAY 85-79 (22-22, 16-19, 26-16, 21-22)

Va avanti, un po’ a sorpresa, il Turk Telekom che piega nell’altro quarto di finale andato in scena ieri il Galatasaray, non andrà perciò in scena il derby di Istanbul in semifinale. Scontro decisamente più equilibrato con la squadra capitolina che si avvale delle sue punte di diamante per mettere in difficoltà i giallorossi; Landesberg mitraglia da ogni posizione il canestro avversario, ma quando l’austriaco sbaglio c’è Stimac sotto le plance a correggere gli errori del compagno di squadra. La formazione allenata da Mahmuti tuttavia risponde col proprio collettivo, Auguste replica colpo su colpo al centro serbo, Hayes e Koksal dal perimetro aumentano la pericolosità degli ospiti, ma la partita all’intervallo resta comunque in equilibrio (38-41). Come per il match precedentemente descritto, pure in questo il terzo quarto è il periodo della svolta; i biancoblu trovano forze fresche in Campbell e Redding che danno man forte al duo Stimac-Landesberg; ma è soprattutto la difesa dei padroni di casa a fare la differenza visto che i ragazzi di Goren concederanno solo sedici punti ai propri avversari segnandone però ben 26. Con sette punti di vantaggio i padroni di casa giocano l’ultimo quarto consci di avere la vittoria a portata di mano; i giallorossi tentano di riaprire in tutti i modi la contesa prima che Auguste trovi l’incredibile pari a poco più di un minuto dal termine (77-77). Nel rush finale però Stimac e compagni sono più lucidi gestendo meglio i possessi e trovando punti pesanti che ipotecano il passaggio ad una storica semifinale per una matricola.

Turk Telekoma: Landesberg 27, Stimac 21, Campbell 9, Redding 8, Gabriel 6, Sonsirma 6, Turen 3, Peker 2, Vildirim 2, Akin 1, Kaya 0, Arslan 0 all. Goren.

Galatasaray: Auguste 21, Hayes 13, Koksal 12, Webster 12, Harrison 11, Cinko 5, Erdeniz 3, Olmaz 2, Arar 0, Klobucar 0, Korkmaz 0, GGokalp 0, all. Mahmuti.

ANADOLU EFES-GAZIANTEP 73-59 (16-19, 23-14, 18-13, 16-13)

Non poteva di certo mancare l’Efes alle semifinali di coppa; la squadra di Ataman ha vita facile contro il Gaziantep ed approda così per la terza volta consecutiva, la quinta negli ultimi sei anni, tra le magnifiche quattro che si contenderanno la vittoria finale. La sfida comunque ha i contorni della passeggiata di salute per i biancoblu stellati; escluso il primo quarto dove c’è della bagarre tra le due squadre, i restanti trenta minuti sono un monologo di Simon e soci che asfaltano i propri avversari conquistandosi così un altro giorno di soggiorno nella capitale turca. C’è poco altro da aggiungere ad una partita che ha visto il netto predominio di una squadra sull’altra se non citare il fatto che tutti i giocatori che hanno calcato il parquet con la casacca dell’Anadolu addosso hanno scritto almeno una volta il proprio nome sul referto dei punti; oltre all’enorme differenza alla voce valutazione con la squadra di Istanbul che totalizza un bel 94 mentre gli avversari si fermano a 65.

Anadolu Efes: Moerman 16, Micic 10, Tuncer 8, Larkin 8, Dunston 7, Birsen 6, Simon 5, Balbay 5, Sanli 4, Bitim 2, Saybir 2, Kurtuldum n.e., all. Ataman

Gaziantep: McKissic 11, Tomas 10, Jekiri 10, Vasiliauskas 10, Ogut 6, Goktas 5, Jelovac 4, Haciyeva 3, Bayram 0, Berisha 0, Dikmen n.e., Cankaya n.e., all. Dedas.

TOFAS-BESIKTAS 83-89 (25-20, 14-28, 19-21, 25-20)

A completare un po’ a sorpresa il quadro delle semifinaliste è il Besiktas che in un finale in volata piega il favorito Tofas e raggiunge le concittadine Anadolu e Fenerbahce tra le migliori quattro squadre della competizione. La partita si rivela equilibrata ed entusiasmante, nel primo quarto le due squadre viaggiano a braccetto col vantaggio che al massimo arriva attorno ai due possessi di differenza. Nel secondo periodo però i bianconeri fanno la voce grossa e ribaltano l’inerzia del match grazie ad un parziale favorevole di ben quattordici punti ritrovandosi così all’intervallo lungo avanti addirittura di 9 lunghezze (39-48), La formazione di Ene tuttavia è ben nota per un inizio di ripresa bruciante eppure questa volta Mejia e soci non riescono a ribaltare l’inerzia favorevole coi ragazzi di Ivanovic che reggono e bene l’ondata d’urto dei biancobluverdi. L’ultimo quarto pare essere una formalità con la squadra di Istanbul avanti di ben undici punti, ma il Tofas prova a gettare il cuore oltre l’ostacolo rimontando punticino su punticino arrivando sino al -1, ma lo sforzo profuso per recuperare l’enorme vantaggio verrà pagato a caro prezzo nei secondi finali visto che la poca lucidità dei giocatori della squadra con sede a Bursa farà la differenza. In semifinale perciò vi sarà il tanto atteso derby tra Anadolu Efes e Besiktas con la possibilità perciò di incontrare in finale l’altra formazione del Bosforo rimasta.

Tofas: Mejia 18, Weems 16, Garrett 14, Kadji 10, Elegar 9, Arslan 6, Yasar 4, Durmaz 4, Ermis 2, Mustafa 0, Konuk 0, Tanisan 0, all. Ene

Besiktas: Rich 30, Geyik 13, Gibson 13, Benzing 9, Yildizli 9, Pressey 8, Buva 5, Veyseloglu 2, Al 0, Sipahi 0, Taskiran 0, Cantekin 0, all. Ivanovic

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy