Daniel Hackett: “Spero che mio figlio nasca in Italia. Non mollare Pesaro mia!”

Daniel Hackett: “Spero che mio figlio nasca in Italia. Non mollare Pesaro mia!”

Il giocatore del CSKA Mosca è stato intervistato da Il Messaggero.

di Ario Rossi

In una lunga intervista a Il Messaggero, il playmaker italiano Daniel Hackett ha parlato della sua quarantena a Mosca. La Russia è uno degli ultimi stati ad essersi mossi contro la diffusione del coronavirus, dopo aver avuto pochissimi casi (almeno ufficialmente) quando invece in Italia era già completamente attaccata dalla pandemia.

Il playmaker del CSKA subito di come se la passa in Russia, dove per ora è tutto tranquillo ma negli ultimi giorni il governo ha costretto tutti ad usare le prevenzioni classiche come mascherine e guanti. Poi il pensiero va al figlio che dovrebbe nascere tra giugno e luglio: “Ci siamo informati con l’ambasciata russa per tornare a Pesaro attorno alla metà di maggio, quando mia moglie Elisa entrerà nell’ottavo mese. L’intenzione è partorire a casa, sperando che le notizie che arriveranno dalle nostre famiglie non ci costringano a cambiare i nostri programmi. Al momento, grazie a Dio, stanno tutti bene”.

Proprio a Pesaro, città più colpita di tutte le Marche, ha dedicato un post su Instagram perché i suoi concittadini non mollino, combattendo questo virus fino all’ultimo.

Daniel Hackett si è poi soffermato sulla partitella amichevole giocata dal CSKA quando nel resto del mondo già c’erano contromisure quali la distanza di oltre un metro, la sospensione degli allenamenti, ecc: “Ci siamo allenati finché abbiamo potuto farlo. Ora stiamo più attenti, anche perché molti di noi hanno famiglie distanti e non vogliamo più rischiare”.

Il fatto che le Olimpiadi siano state rinviate di un anno potrebbe permettere ai campionati e alla EuroLega (qui la decisione di ieri) di terminare la stagione, ma il #23 del CSKA Mosca – squadra già qualificata ai playoff – è davvero pessimista al riguardo: “Ho pochissima fiducia a riguardo, a breve termine non ripartirà nulla”, ha concluso Hackett.

In bocca al lupo a Daniel per la nascita del secondogenito.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy