Davis Bertans: "Vujosevic ci faceva tirare con i guanti da giardino"

0
http://www.novosti.rs

L’ala lettone degli Spurs, Davis Bertans, è stato raggiunto da HoopsHype per delle domande sul suo presente a San Antonio e sul rapporto con il suo ex coach al Partizan, Dule Vujosevic.
Ecco parte dell’intervista:
“Gregg Popovich è come ti aspettavi che fosse prima di arrivare in NBA?”
“Sapevo di per certo che guidava una delle migliori organizzazioni della lega e che aveva lo stile più simile al basket europeo che si potesse trovare in NBA. Non c’è solo un marcatore, a volte ci sono anche 6/7 giocatori che vanno in doppia cifra e che si passano la palla, così è come dovrebbe essere.
“Caratterialmente e nel modo di approcciarsi ai propri giocatori, Popovich è simile a qualche coach che hai avuto in Europa?”
Ho giocato per un sacco di allenatori, come Popovich non ce n’è. In Europa ci sono allenatori che non ti lasciano giocare come vorresti, e che non riescono a sopportare quando la squadra avversaria segna anche un solo canestro. Spesso capita che la squadra avversaria segni 1-2-3 canestri di fila, e l’allenatore è furioso a riguardo. Invece qui, con l’esperienza che ha, coach Pop sa benissimo che non è possibile impedire agli altri di segnare. È semplicemente: “Stai davanti al tuo uomo e cerca di farlo tirare nella maniera più difficile possibile, sperando che non vada dentro.”
“Al Partizan Belgrado avevi un coach decisamente sui generis come Dule Jujosevic, a cui abbiamo visto fare alcune pazzie. Hai qualche aneddoto particolare su di lui?”
Lui è un altro coach fuori dall’ordinario. Io e Bogdan Bogdanovic abbiamo passato un saaaaacco di ore in palestra dopo allenamento con coach Dule, a quell’età ci ha aiutato tantissimo. La mentalità dei paesi dell’ex Jugoslavia ha della pazzia al suo interno. Lui è un personaggio, ma tutto quello che faceva era perché teneva tantissimo ai suoi giocatori, e in un certo senso lo capivamo. Magari ci teneva dopo gli allenamenti a tirare in uscita dai blocchi, e non potevi andartene se non infilavi 10 triple di fila. Altre volte ci faceva tirare con indosso i guanti da giardino, cose così. Un sacco di cose diverse, ma alla fine ci ha aiutato molto.
“Popovich ti ha fatto un bel complimento questa settimana, dicendo che il tuo modo di tirare non si può insegnare; ma tu hai imparato da qualcuno, giusto?”
All’inizio io e mio fratello giocavamo sin da quando eravamo ragazzini, perché nostro padre è stato prima giocatore e poi allenatore. Eravamo sempre su un campo da basket, avere certe abitutini ovviamente aiuta molto. E poi anche quando ero al Partizan, coach Vujosevic mi ha messo in testa l’idea che tutti quei tiri difficili su cui mi allenava rendevano i tiri in partita molto più facili, penso sia stato un altro gradino nella mia consapevolezza.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here