EuroCup, 7ª giornata: La Reyer continua a vincere, anche il Lokomotiv si arrende

EuroCup, 7ª giornata: La Reyer continua a vincere, anche il Lokomotiv si arrende

Decisiva la difesa di Vidmar e l’ultimo quarto pazzesco di Daye

di Marco Muffatto

Clima surreale per la partita di stasera visto quanto accaduto nei giorni scorsi a Venezia, motivo per cui la Reyer abbraccia virtualmente tutta la popolazione colpita con un minuto di raccoglimento molto sentito.

Siamo alla settima giornata del girone di EuroCup e al Taliercio arriva una delle favorite alla vittoria finale, il Lokomotiv Kuban di Coach Luca Banchi, anche se al momento è dietro a Venezia nella classifica del girone guidato dal Partizan.

La squadra di De Raffaele vincendo stasera metterebbe una seria ipoteca sul passaggio del turno nonostante un avvio difficile, ha saputo compattarsi e trovare quell’equilibrio, ma soprattutto quell’intensità difensiva che sta dando continuità di risultati sia in campionato che in EuroCup.

Il Lokomotiv ha appena aggiunto, al già ben fornito roster, una vecchia conoscenza del nostro campionato Mindaugas Kuzminskas che andrà ad allungare le rotazioni oltre che a portare esperienza e punti in campo fatta di lunghi anni di militanza in Eurolega.

De Raffaele si gioca la carta europea Udanoh e a fargli posto è Pellegrino, adesso che Mazzola ha ripreso confidenza con il campo in campionato e diventerà sicuramente importante anche nelle rotazioni in EuroCup.

 

Parziali: 21-20; 30-35; 48-50

Spettatori: 2.936

Reyer Venezia: Udanoh, Stone 8, Bramos 2 , Tonut 10, Daye 17, De Nicolao 1, Chappell 8, Filloy , Vidmar 4,Mazzola , Cerella 6, Watt 10. All.re De Raffaele.

Lokomotiv Kuban: Dekker 7, Cummings 11, Motovilov, N.e, Apic 9, Kalnietis 7, Ivlev, Ilnitskiy 1, Williams 8, Kuzminskas 3, Kulagin 6, Gerasino N.e, O’ Bryant 9. All.re Banchi.

L’inizio del match è firmato Chappell Watt da una parte e O’Bryant dall’altra che tiene in piedi l’attacco del Lokomotiv portando avanti i russi nel punteggio fino alla tripla di Stone del 12-11. Venezia soffre un po’ la fisicità e l’atletismo dei russi cosi De Raffaele piazza la zona alla fine del quarto per cercare di contenere le giocate di O’Bryan. Sul ribaltamento dell’azione Cerella subisce fallo su un tiro da 3 punti e mettendo a segno tutti i liberi permette alla Reyer di chiudere avanti il primo quarto.

Il secondo quarto si apre con un intensità ed un aggressività diversa soprattutto per la squadra di De Raffaele, spinta dalle giocate difensive di Vidamar e Cerella che accendono il pubblico del Taliercio. La partita continua sul perfetto equilibrio con le percentuali che si abbassano da ambo le parti, con le due squadre in bonus già al 6 minuto. Sul finire del quarto il Lokomotiv piazza un parziale 11-2 che gli permette di chiudere il primo tempo sul +5.

All’inizio del terzo quarto gli orogranata alzano il livello difensivo e si riportano subito a contatto sul 38 pari, poi come nel primo quarto l’entrata in campo di Vidmar si fa sentire e da una sua ottima giocata difensiva sul ribaltamento con la tripla di Stone la Reyer va avanti di 5 a metà del quarto. Banchi alza il quintetto inserendo anche il neo arrivato Kuzmisnkas, mentre uno 0/4 ai liberi di Vidmar e qualche secondo tiro concesso permettettono al Lokomotiv di rimettere avanti il naso e tenere il vantaggio di 2 punti fino alla fine del quarto.

L’ultimo parziale vede finalmente protagonista la coppia Tonut Daye, che nonostante i 4 falli di quest’ultimo firmano il contro sorpasso ai danni dei russi. Vidmar continua a dominare sotto i tabelloni con clinic difensivi da una parte e rimbalzi offensivi dall’altra. Daye si carica la squadra sulle spalle e a suon di canestri spinge la Reyer sul +9 caricando il pubblico del Taliercio. Kuban ci prova con Dekker, ma non c’è niente da fare, la Reyer chiude sul 66-61.

 

 

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy