EuroCup, 9ª giornata: Troppa Badalona per Venezia, arriva il terzo ko di fila in coppa

La Joventut passa senza troppe difficoltà sul campo di una Reyer Venezia ancora decimata e alla quarta partita in sette giorni

di Marco Muffatto
venezia badalona recap

Troppo forte Badalona per provare a dare battaglia. L’Umana Reyer ci prova comunque arrivando fino al -10, ma non basta.

Venezia cade per la quarta volta su quattro partite giocate in 7 giorni.

Umana Reyer Venezia – Joventut Badalona 75-89

Parziali: 21-24; 35-50; 53-68

Umana Reyer: Casarin 12, Stone 9, Bramos 5, Daye 11, De Nicolao 2, Vidmar ne, Chappell 6, D’Ercole 3, Possamai, Biancotto 7, Fotu 20. All. De Raffaele.
Joventut: Dimitrijevic 10, Ribas 11, Lopez-Arostegui 8, Morgan 10, Brodziansky 10, Parrado 2, Ventura ne, Bassas 12, Zagars 4, Birgander 5, Parra 2, Tomic 15. All. Duran.

L’Umana Reyer è matematicamente fuori dalla Top 16 di 7Days Eurocup. Ma gli orogranata, ancora una volta in emergenza estrema, mettono in evidenza il carattere e le qualità dei suoi giovani, uscendo assolutamente a testa alta dalla sfida con la capolista del Gruppo A, la Joventut Badalona che espugna il Taliercio 75-89.
Senza Tonut, Cerella, Mazzola e Watt, con Vidmar affaticato e Bramos che stringe i denti per partire un quintetto, gli orogranata (in campo con De Nicolao, Chappell, Bramos, Daye e Fotu) partono bene. Fotu e un tap-in di Bramos danno il 4-1 all’1’30”, poi l’ottima difesa a zona 3-2 limita gli spagnoli. Cinque di Fotu portano il punteggio sul 9-5 al 2’30”, Daye su assist di Bramos e una tripla del capitano determinano l’allungo sul 14-5 al 4’30”, con la panchina ospite costretta al time out. Badalona, con le triple di Lopez-Arostegui e Ribas torna però bene sul parquet ed è coach De Raffaele a chiamare rime out dopo il pareggio a quota 19 all’8’. L’Umana Reyer torna in vantaggio col giovane Biancotto, anche se è Birgander il protagonista del finale di quarto per il 21-24 Joventut.
La panchina orogranata prova qualche rotazione, dando spazio ai giovani, ma Badalona è entrata in partita e, sfruttando le difficoltà offensive veneziane (solo un canestro di Fotu dopo rimbalzo offensivo e uno di Chappell nella prima metà di quarto) allunga sul 25-41 a metà periodo. Daye torna a muovere il punteggio dalla lunetta dopo 2’30”, ma la tripla di Zagars aggiorna il massimo vantaggio spagnolo sul 26-44 al 16’. I liberi di Casarin e De Nicolao rispondono ai canestri ospiti, poi Stone mette la tripla frontale del 33-48 all’8’30” dopo rimbalzo offensivo di Stone. Il +15, sul 35-50, è anche il distacco tra le due squadre all’intervallo lungo, dopo il canestro finale di Chappell.
La Joventut prova ad allungare ulteriormente in avvio di ripresa (39-58 al 23’), con Fotu a caricarsi sulle spalle l’attacco dell’Umana Reyer. La tripla di Daye riavvicina gli orogranata a -16 (44-60) al 23’30”, poi arriva il quarto fallo di Fotu e il tecnico a Chappell, che permette a Ribas di aggiornare il massimo divario: 46-67 al 27’30”. Ma gli orogranata non mollano e ripartono dal canestro rovesciato di Biancotto su contropiede di Stone, seguito dall’altro contropiede Biancotto-Casarin e dalla tripla finale di Stone per il 53-68.
Con un quintetto che vede in campo contemporaneamente i tre giovani, la zona press a tutto campo e le triple di Stone e Biancotto portano l’Umana Reyer addirittura a -10 (59-69) al 31’. Tomic e Dimitrijevic ristabiliscono le distanze per Badalona, con Lopez-Arostegui che completa l’allungo fino al 61-79 del 34’30”. Gli orogranata hanno comunque il merito di non mollare: Casarin mette a metà quarto la tripla del 66-79, poi segnano dall’arco anche Fotu e D’Ercole (72-85 al 38’) e di nuovo Casarin (75-87 al 39’), con l’ultimo canestro di Parrado che fissa il finale sul 75-89.

Ufficio Sampa Umana Reyer Venezia

Photo Credits 7DAYS EuroCup
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy