EuroCup, Gruppo A – La Fiat dura solo un tempo, il Darussafaka domina al Ruffini

0
Getty Images

FIAT TORINO – DARUSSAFAKA ISTANBUL 60 – 89 (15-31, 27-17, 4-15, 14-26)

La gara più attesa del gruppo A del quarto turno di EuroCup ha messo di fronte le due squadre imbattute del raggruppamento, con la Fiat Torino che di fronte a una cornice di pubblico fantastica si è dovuta arrendere alla grande forza del Darussafaka di Blatt, squadra capace di punire tutti gli errori della squadra di Banchi e di controllare nel secondo tempo. L’avvio sprint dei turchi li porta ben presto alla doppia cifra di vantaggio, spinta da una percentuale eccellente nel tiro da tre punti cui Torino non sembra trovare rimedio: nel secondo quarto, però, i padroni di casa tornano in partita, grazie a un parziale da 27 punti segnati che sembra essere il preludio a un secondo tempo scoppiettante. Non è così, perché al rientro dagli spogliatoi la Fiat paga un blackout offensivo di otto lunghi minuti in cui non sblocca il punteggio dal 42 dell’intervallo, e il Darussafaka prende il largo, confermandosi in vetta al gruppo, in solitaria dopo questa gara.

Avvio complesso per l’Auxilium sin dalle prime battute con i turchi a rompere gli indugi con Welbekin, mentre i primi punti gialloblù portano la firma di Valerio Mazzola. E’ però la formazione di Blatt con i liberi di Johnson e un piazzato di Wilbekin a condurre le danze dopo i primi 4’ (10-4), i padroni di casa rispondono con un buon gioco da tre punti concretizzato da Diante Garrett. Ancora Wilbekin protagonista si conferma spina nel fianco nella difesa torinese e mette la firma con un assist ed un canestro dalla lunga distanza sul primo allungo a doppia cifra (9-19 al 6’). La difesa mista di Blatt nelle prime fasi sembra avere la meglio, mentre un’altra vecchia conoscenza del basket nostrano Cummings scalda la mano dalla media e dalla lunga distanza. Complice una imprecisione dalla lunetta inusuale, i gialloblù riescono a muovere il punteggio solo negli ultimi minuti grazie a Garrett e Patterson. Iannuzzi riceve spalle a canestro e segna , tra i turchi Cummings a cronometro fermo riporta gli ospiti a +16 (15 -31).

Apre il secondo periodo un piazzato di Jones, Torino mostra i muscoli in difesa e con Garrett tenta la risalita. Cummings prosegue la striscia positiva e si conferma immarcabile sull’altro fronte. In questa fase Iannuzzi si mostra in grande spolvero, si batte con tenacia e segna un paio di canestri con un ottimi movimenti spalle a canestro. L’intensità dei gialloblù nel frattempo è aumentata la sfida si accende il distacco si riduce con il piazzato del solito Iannuzzi, arriva la replica di Mainor Bell. Washigton dall’arco e sempre Iannuzzi con un piazzato inaugurano un break tutto gialloblù al quale partecipa anche Vujacic con due triple. E’ il momento migliore della Fiat e la formazione di Instanbul tenta una replica trascinata da Johnson che realizza un piazzato, un tap in e inchioda la palla del +9 (39 – 48). L’ultimo giro di lancette inizia con il viaggio in lunetta di Iannuzzi senza esito, Washigton si rende però protagonista di un bel recupero e serve sul piatto a Garrett la palla per la tripla che accorcia ancora le distanze (42-48). Tra i top scorer segnaliamo per il primi periodi Garrett e Iannuzzi già in doppia cifra, mentre tra gli uomini di Blatt spiccano gli esterni Wilbekin, Cummings e Johnson, l’ex Aquila Trento mette a referto 10 punti, 15 per l’ex canturino e 11 per Scottie.

I primi minuti del terzo periodo sono caratterizzati da grande intensità, apre le marcature Johnson per i neroverdi, sotto i tabelloni fa valere i centimetri Mbakwe con un paio di recuperi, ma sono ancora gli uomini di Blatt ad avere la meglio con Eric che regala ai turchi il +12 (42 -54). Il Darussafaka allunga pur senza strafare ancora con Cummings e Johnson dalla lunetta approfittando di un vero e proprio black out di Torino. Le trame di gioco dei torinesi si fanno più confusionarie : Vujacic non riesce ad incidere dalla lunga e l’Auxilium non riesce a smuovere il punteggio nemmeno a cronometro fermo. Arrivano solo all’8’ i primi punti di Mbakwe, risponde per gli ospiti un attento Eric che cattura un rimbalzo offensivo e realizza. Vujacic tiene accese le speranze, ma il divario ora si fa consistente (46 -63).

Sant Ross e Vujacic aprono le marcature, i neroverdi giocano in scioltezza e infieriscono con Kidd e Cummings. Serve un miracolo per l’Auxilium che si affida ancora a Vujacic, il Darussfaka gestisce e con un incursione di Eric allunga ancora. Banchi getta nella mischia Okeke che lo ripaga con un bel canestro nel pitturato, le speranze gialloblù ridotte ad un lumicino sono riposte nelle mani di Washigton che segna due liberi, ma il cronometro corre e i neroverdi scaldano ancora la mano sia dall’arco sia con Johnson nell’area.Un ottimo Washigton non demorde recupera e schiaccia in contropiede, ogni tentativo di recupero è però vanificato dal duo Johnson Wilbekin. I neroverdi possono dilagare con Cummings, la sfida è ormai chiusa e entrambi i coach nel finale optano per le rotazioni dando spazio anche a chi gioca meno.La Fiat Torino con una prova meno brillante delle altre cede dopo aver retto l’urto per 20’ ma la qualificazione alle Top 16 non è per niente compromessa.

TABELLINI:

FIAT TORINO: Garrett 14, Parente, Vujacic 11, Poeta 4, Stephens, Patterson 2, Washington 7, Okeke 2, Jones 4, Mazzola 2, Mbakwe 4, Iannuzzi 10 All.: Banchi

DARUSSAFAKA ISTANBUL: Kidd 4, Wilbekin 14, Ozmizrak, Baygul, Kosut, Cummings 21, Ulubay n.e., Ozdemiroglu, Sant-Roos 9, Johnson 23, Bell 6, Eric 12 All.: Blatt

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here