EuroCup, QF G1: convince l’Hapoel di Pianigiani, bene anche il Bayern Monaco

Il quadro completo delle partite disputate stasera e valide per il primo confronto dei quarti di finale: ecco tutti i risultati.

di Massimo Mattacheo, @MaxMattacheo

Si è giocata la prima gara delle serie dei quarti di finale di EuroCup, che hanno visto il trionfo delle squadre che hanno il fattore campo a proprio favore. Il successo più convincente è stato quello della Lokomotiv Kuban, che ha dominato nel derby russo, e molto larga anche la vittoria dell’Hapoel di Pianigiani. Più sofferti i trionfi di Bayern e Valencia, di seguito i risultati completi:

LOKOMOTIV KUBAN KRASNODAR – ZENIT SAN PIETROBURGO 75 – 52 (serie 1-0)

Nel derby russo andato in scena oggi, clamorosa prestazione difensiva della squadra di Obradovic, capace di tenere l’attacco dello Zenit, finora capace di segnare 89 punti di media, a soli 52. Con l’assenza di Janis Timma, le attenzioni della Lokomotiv si sono concentrate su Stefan Markovic, play e creatore del gioco dello Zenit e autore di una prestazione anonima rispetto ai suoi standard. La gara di Kuban si è concentrata molto sulla fase difensiva, mentre in attacco hanno fatto la differenza i 12 punti a testa di Collins e Vougioukas, mentre Matt Janning ha completato una prova totale da 7 punti, 5 rimbalzi e 5 assist. Allo Zenit non sono bastati i 12 a testa di Karasev e Mbakwe.

FC BAYERN MONACO – UNICAJA MALAGA 91 – 82 (serie 1-0)

I tedeschi partono bene nella serie contro una rivale forte e competitiva come l’Unicaja Malaga di Joan Plaza, facendo valere il fattore campo al meglio. La squadra di Djordjevic parte convinta e si mantiene fin da subito in vantaggio, grazie alle iniziative di Redding e Lucic, che garantiscono canestri di qualità. Gli andalusi, nonostante i tentativi di break degli avversari, restano a contatto, andando all’intervallo sotto 42-36. Al rientro dagli spogliatoi il Bayern accelera ulteriormente, arrivando a raggiungere la doppia cifra di vantaggio con cui si concludono i primi tre quarti di gioco. Nel finale Malaga accorcia, arrivando a due possessi di ritardo, ma i tedeschi controllano e ottengono un successo importante per l’andamento della serie. Zirbes (15) e Redding (13) sono stati i migliori per i tedeschi, mentre all’Unicaja non sono bastati i 15 di Musli e i 14 di Jeff Brooks.

HAPOEL GERUSALEMME – HERBALIFE GRAN CANARIA 87 – 67 (serie 1-0)

Grazie a un secondo tempo dominato (48-29 nei secondi 20 minuti) la squadra di Simone Pianigiani si impone nella prima gara dei quarti di finale, disputata in casa. Mattatore della sfida è stato Jerome Dyson, vecchia conoscenza del nostro campionato, che ha messo a segno 20 punti e ha guidato al meglio la squadra. Importante anche la gara giocata da Amare Stoudemire, che con i suoi 14 punti ha contribuito al successo. Agli spagnoli non sono bastati i 12 punti di McCalebb e i 10 di Kuric per avere la meglio nella sfida.

VALENCIA BASKET – KHIMKI MOSCA 88 – 82 (serie 1-0)

Anche il Valencia fa valere il fattore campo vincendo una partita molto importante in vista del prosieguo della serie. La squadra di Martinez scappa via nel primo tempo, giocando un secondo quarto fantastico (32-18), che porta gli spagnoli all’intervallo in vantaggio per 59-42, grazie al 69% da tre punti. I russi non ci stanno e con i giocatori di maggiore talento, accennano una reazione al rientro dagli spogliatoi, tanto che nel terzo periodo i punti di distacco diventano 10. Anche l’avvio di ultimo periodo è favorevole al Khimki, che produce il massimo sforzo per tornare a contatto e arriva fino a due possessi di distanza, prima che il Valencia ritrovi i punti dei suoi giocatori di maggiore classe e si aggiudichi il primo atto della serie. San Emeterio è il migliore dei suoi con 17 punti, seguito da Van Rossom a quota 11, mentre per i moscoviti Shved è superlativo con 24 punti e 7 assist (ma 3/12 da tre), e buono l’impatto di Hummel (13).

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy