Eurolega, 10 giornata: Vildoza e Peters trascinano Baskonia. Panathinaikos al tappeto

Partita altalenante dei greci che devono sempre rincorrere. Baskonia controlla il match e allunga nel terzo quarto, trascinato dalla serata di grazia di Vildoza e Peters, autori di diciannove punti a testa. La zona play-off si avvicina.

di Andrea Cignarale

Quello tra Baskonia e Panathinaikos è una sorta di spareggio tra due squadre che vogliono riavvicinarsi alla zona playoff di Eurolega: da una parte gli spagnoli di coach Ivanovic, rivitalizzati dal netto successo interno contro i turchi del Fenerbache che ha interrotto una striscia di tre sconfitte consecutive. Dall’altra il team di Atene, reduce dal K.O valenciano, terzo di fila. Situazioni opposte, dunque, per un match che si prospetta ricco di spunti, tra due formazioni chiamate a dare una svolta ai rispettivi cammini in ambito europeo.

BASKONIA: Giedraitis, Fall, Raieste, Polonara, Vildoza
PANATHINAIKOS: Papagiannis, Papapetrou, Nedovic, Bochoridis, Mitoglu

Parte meglio il quintetto di Vovoros, trascinato da un rigenerato Nedovic che, nei primi minuti, mette a segno due triple e serve due assist per altrettante schiacciate di Papagiannis. Sembra un Panathinaikos in serata, capace di portarsi addirittura sul 10-2, prima di subire la rimonta basca ispirata dall’argentino Vildoza che, con due triple, ribalta il parziale in favore dei padroni di casa. Negli ultimi minuti il gioco da tre punti di Papapetrou e il contropiede di White riportano i greci sul +5, prima del fallo antisportivo subito da Henry che fissa il parziale sul 20-23, finalizzando i due tiri dalla lunetta.

Il secondo quarto vede in campo un Baskonia più convinto che sfrutta la sua aggressività per dare una svolta alla partita: nei primi novanta secondi, i baschi rifilano un poderoso 7-0, ispirati dai cinque punti di Peters e dal canestro in apertura di Jakiri. Gli ateniesi provano a restare aggrappati al risultato e Vovolos manda in campo forze fresche come Auguste e Kaselakis che sembrano avere un ottimo impatto con la gara. Tuttavia, Peters è scatenato e infallibile dalla lunetta, mentre Diop si conferma spina nel fianco della retroguardia avversaria. Il neoentrato Sedekerskis porta i suoi sul massimo vantaggio di +10, mentre ad una manciata di secondi dalla sirena arriva la tripla di Papapetrou su assist del solito Nedovic, giocata che manda le squadre negli spogliatoi sul 46-39.

Al rientro in campo Vildoza rompe il ghiaccio, siglando il suo decimo punto della serata e Baskonia sembra in controllo delle operazioni. Gli ospiti tirano fuori l’orgoglio e costruiscono la rimonta sull’asse Nedovic-Papagiannis: il serbo va a bersaglio da fuori area, mentre il centrale nativo di Amarousio fa la voce grossa a rimbalzo e sigla ben cinque punti ravvicinati; il canestro di Mitoglu porta i greci addirittura a -1. Ivanovic chiama time-out per strigliare i suoi e, al rientro, Jakiri e Polonara riallungano, mentre Vildoza si scatena con i tiri da tre, emulato nel finale di tempo dal rientrante Peters che riporta i baschi sul +10. È ancora un canestro sulla sirena a tenere vivo il Panathinaikos, stavolta a bersaglio grazie ai primi due punti di Foster che chiudono il quarto sul 66-58.

Ultimi dieci minuti di monologo basco: i padroni di casa allungano sempre più grazie alla precisione da tre punti di Vildoza, Henry e Peters e il Panathinaikos affonda fino al -20 a cinque minuti dal termine. Manca una reazione organizzata al team di Vovoros che non riesce a ridurre il pesante gap con gli avversari ed è costretto alla resa sul punteggio di 93-72.

Ottima prova di Vildoza, MVP con diciannove punti, convincono anche le prestazioni di Henry e di Peters che trascinano Baskonia in zona play-off. Per i Greens, serata da dimenticare: troppo discontinua la squadra di Atene che tiene testa ai padroni di casa fino a metà del terzo quarto, per poi crollare fino alla pesante sconfitta con ben ventuno punti di differenza.

BASKONIA VITORIA-GASTEIZ – PANATHINAIKOS ATENE 93-72

BASKONIA VITORIA-GASTEIZ: Giedraitis 12, Jekiri 10, Kurucs, Polonara 6, Vildoza 19, Fall, Raieste, Diop 5, Peters 19, Dragic 6, Henry 14, Sedekerskis 2. All. Ivanovic
PANATHINAIKOS ATENE: Papagiannis 11, Papapetrou 17, Foster 2, White 8, Sant-Roos 9, Mitoglu 2, Nedovic 15, Bochoridis, Kaselakis 4, Auguste 2, Mack, Bentil. All. Vovoros

 

Getty Images – Papapetrou è l’ultimo a mollare

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy