EuroLega, 10ª giornata: Mike James si accende al momento giusto, colpaccio Cska in Baviera

Un autoritario Cska espugna l’Audi Dome di Monaco di Baviera con un Mike James inarrestabile nella seconda metà di gara. Ottima in ogni caso la prova degli uomini di Trinchieri a contatto per oltre tre quarti.

di Francesco D'Introno

Colpo autoritario del Cska a Monaco di Baviera sul campo della grande sorpresa di questo avvio, il Bayern di Trinchieri. Guidati da Baldwin (19 punti e 5 assist) e da Reynolds, i tedeschi riescono a tenere testa alla corazzata russa per oltre tre quarti con una difesa di rara intensità ma non possono nulla contro un inarrestabile Mike James che realizza 18 punti nella seconda metà di gara (25 in totale). Ottimo anche Nikola Milutinov che chiude con una sontuosa doppia doppia da 18 punti e 12 rimbalzi. I russi bissano così il successo ottenuto martedì a Kaunas contro lo Zalgiris e lanciano un segnale a tutte le pretendenti.

QUINTETTO BAYERN MONACO: Baldwin, Amaize, Lucic, Thomas, Radosevic.

QUINTETTO CSKA: Hackett, Hilliard, Kurbanov, Shengelia, Milutinov.

Avvio delle due squadre difensivamente molto intenso, con il Bayern che partiva meglio e portava il Cska a perdere numerosi palloni (ben sette nei primi dieci minuti). Gli uomini di coach Itoudis, però, rispondevano con altrettanta aggressività contenendo la sfuriata bavarese e firmando il primo sorpasso con il gioco da tre punti di Toko Shengelia (6-7 al 5′). A metà della frazione d’apertura si vedeva in campo anche Mike James, non partito in quintetto così come due giorni fa a Kaunas, e questo creava maggiori apprensioni alla difesa dei padroni di casa che iniziava a risultare meno efficace, tanto da costringere coach Trinchieri a chiamare timeout (8-14 al 7′). Il Bayern usciva bene dalla sospensione grazie anche ai rimbalzi offensivi che permettevano a Zipser e Reynolds di firmare un break di 5-0 che non faceva allontanare il Cska (17-18 al 10′).

Il Bayern iniziava il secondo quarto sulle ali dell’entusiasmo, favorito anche da un quintetto russo abbastanza atipico con il giovane Lopatin in campo e Clyburn da guardia che non portava affatto dividendi, anzi Johnson dalla sua mattonella con due tiri in fotocopia chiudeva un parziale dei tedeschi di 10-0 (23-18 al 12′ e timeout Itoudis). La partita proseguiva sui binari della parità, con gli arbitri che punivano la difesa aggressiva dei padroni di casa che esaurivano il bonus ben presto tanto da far infuriare coach Trinchieri al quale veniva fischiato un fallo tecnico. Nonostante tutto, i bavaresi riuscivano a trovare le giuste contromisure per restare aggrappati alla gara e firmavano addirittura il sorpasso con i liberi di Zipser, prima che un alley-oop chiuso da Reynolds mandasse tutti negli spogliatoi sul 39-36.

Al rientro in campo gli attacchi iniziavano a segnare con maggiore continuità, coinvolgendo molto i lunghi. Il Cska, però, pareva più ispirato grazie al duo Milutinov-Shengelia, e questo apriva spazi anche ai tiratori tanto che era Darrun Hilliard a firmare il sorpasso con un gioco da quattro punti (45-47 al 24′). Gli ospiti trovavano anche il +5 grazie al solito Milutinov, ma un provvidenziale Sisko rimetteva le cose a posto con una bomba e uno scippo ai danni di Mike James, il cui rientro in campo portava confusione nel Cska, specie nella metà campo offensiva. La squadra di Itoudis trovava nuove soluzioni che vedevano protagonisti in particolare Clyburn e Kurbanov, con cinque punti in fila del veterano russo, mentre due falli consecutivi fischiati nel gioco a due tra Reynolds e Baldwin innervosivano quest’ultimo che tornava a sedersi in panchina dopo il fallo tecnico comminatogli. Proprio Reynolds falliva clamorosamente la schiacciata prima che Mike James, con la classe che lo contraddistingue, bruciasse retina e sirena della terza frazione da oltre l’arco (60-64 al 30′).

Il CSKA aumentava i giri del motore nell’ultimo quarto e i problemi per il Bayern si moltiplicavano con il quarto fallo di Baldwin. Gli ospiti provavano a scappare con la bomba di Clyburn che faceva andare su tutte le furie coach Trinchieri, costretto a fermare la partita con un timeout (64-71 al 34′). Un Lucic fin lì silente offensivamente trovava il gioco da quattro punti che illudeva il Bayern, penalizzato fortemente dal bonus esaurito molto presto, con i viaggi in lunetta che invece favorivano i russi guidati da un caldissimo Mike James che mandava a bersaglio la bomba del +11 sul 68-79. Il vantaggio del Cska arrivava anche a toccare le quattordici lunghezze, Wade Baldwin era l’ultimo ad arrendersi e il Bayern si riportava a -6 con il canestro di Reynolds. Troppo tardi, però, per pensare alla rimonta.

BAYERN MONACO – CSKA MOSCA 81-89 (17-18; 39-36; 60-64; 81-89)

BAYERN MONACO: Weiler-Babb 7, Baldwin 19, Bray, Reynolds 18, Thomas 2, Lucic 9, Flaccadori 2, Amaize 4, Zipser 7, Johnson 6, Sisko 5, Radosevic 2. Coach: Trinchieri.

CSKA MOSCA: Bolomboy 1, James 25, Hilliard 14, Hackett 3, Antonov 2, Clyburn 13, Shengelia 6, Lopatin, Umrikhin, Milutinov 18, Kurbanov 7. Coach: Itoudis.

Getty Images
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy