Eurolega, 11ª giornata: Grande reazione del Valencia che espugna Istanbul

Fenerbahce al tappeto. Rimonta valenciana targata Van Rossom (20 punti) e Prepelic che gioca un ultimo quarto stellare

di Andrea Cignarale

Fenerbahce e Valencia si sfidano in questo venerdì di EuroLega, dove una vittoria serve per agganciare i play-off, una vittoria per restarci: l’undicesima giornata di EuroLeague pone di fronte due squadre con obiettivi diversi e stessa voglia di vincere. Da una parte i padroni di casa del Fenerbahce, fuori dalla top-eight e bisognosi di un successo per avvicinarsi alle squadre leader della competizione, dall’altra il Valencia, attuale quinta forza di EuroLeague e decisa ad espugnare Istanbul. I turchi sono reduci da tre K.O. consecutivi e dovranno migliorare sensibilmente la loro fase difensiva (92,3 punti di media subiti nelle ultime tre gare) e i rimbalzi offensivi per imprimere nuova forza al loro cammino europeo. Attenzione, però, alle giocate di Prepelic e alla bravura offensiva dei valenciani, trascinati dagli ex Kalinic e Williams. Si gioca all’Ulker Sports Arena di Istanbul.

FENERBAHCE: Brown, Vesely, Muhammed, Barthel, Ulanovas
VALENCIA: Dubljevic, Van Rossom, Vives, Pradilla, Kalinic

Primo game giocato punto a punto dalle due squadre: Fenerbahce più propositivo con le giocate da tre, Valencia costruisce ottime trame sfruttando la sua pericolosità offensiva. Brown, Eddie e Muhammed vanno a bersaglio dalla distanza, mentre in casa Valencia si fa notare Kalinic, autore di ben cinque punti. Non sbaglia i tiri liberi conquistati Fenerbahce che, con i due punti finali di Vasely dalla lunetta, chiude avanti 17-16.

I secondi dieci minuti aprono un solco tra le due squadre: ai primi due punti dell’ex di turno Williams risponde il neoentrato Pierre, autore di cinque punti in rapida successione. Le triple di San Emeterio e Williams riportano Valencia in parità, ma agli spagnoli sembra mancare lucidità e velocità, oltre alla serata non proprio memorabile del suo ‘cervello’ Klemen Prepelic che viene richiamato in panchina. Ne approfittano i turchi che allungano con lo scatenato Pierre e con la tripla di Eddie che porta i suoi sul +5. Il gap si allarga ancora con un Pierre immarcabile che finalizza un eccellente gioco da tre punti, portando i suoi sul massimo vantaggio (+8). Dubjevic realizza il quarto punto della sua serata, ma Muhammad segna la sua seconda tripla che significa addirittura +9. Valencia ha un sussulto con Van Rossom che, dopo aver salvato disperatamente una palla praticamente out, si incunea tra le maglie gialloblu, va a canestro e si prende il fallo che vale un tiro dalla lunetta. Il gioco da tre non apre la rimonta valenciana, perché Vesely firma altri quattro punti che valgono il 43-33 con cui i quintetti rientrano negli spogliatoi.

I ragazzi di coach Ponsarnau ritornano in campo con un altro spirito e in poco più di due minuti mettono a segno dieci punti, grazie al tap-in di Kalinic, alla tripla di Dubljevic e ai cinque punti di Van Rossom che valgono il pari. Il Fenerbahce, stordito dalla reazione degli avversari, torna a canestro con la tripla di Brown, ma subisce ancora la giocata del coraggioso Pradilla e la tripla di Vives. A 3:33 dalla fine, Pradilla è croce e delizia per i valenciani: prima segna un canestro davvero complicato, prendendosi anche il fallo. Poi, dopo aver fallito il gioco da tre, in fase difensiva si fa sorprendere da Pierre e commette fallo mentre il diretto avversario va a bersaglio. Al Fenerbahce il gioco da tre punti riesce e i turchi segnano ancora dalla distanza con Muhammed, prima di subire nuovamente il pari ospite targato Vives e Tobey. San Emeterio si conferma cecchino da fuori area e porta i suoi sul +1, ma nel finale le triple di Barthel e Eddie (sulla sirena) valgono il 64-59.

Nell’ultima frazione i padroni di casa sembrano scappar via con i primi due punti di Westermann, ma Valencia ha un altro piglio, anche grazie al rientro in campo di forze fresche dalla panchina, tra cui un Prepelic rigenerato che si presenta in campo realizzando subito due tiri dalla lunetta. Hermannsson va a bersaglio dalla distanza e ribalta il parziale, lo emula poco dopo Prepelic: il numero 3 inizia a prenderci gusto e si esalta ancora con una serie di tiri da fuori area che ribaltano il parziale (73-76). La partita vive sul filo dell’equilibrio e a, tre minuti dalla sirena, Fenerbahce riagguanta il pari (78-78) con la tripla di Barthel. È in questa fase che la partita svolta definitivamente: rientra in campo Van Rossom che inizia a segnare punti a ritmo forsennato, portando i suoi sul + 5. A tre secondi dalla fine Pierre realizza una tripla disperata che riporta i turchi a -2. Troppo tardi, comunque, per la rimonta, il discorso lo chiude ancora il MVP Van Rossom che realizza i due tiri liberi finali che regalano il successo a Valencia, capace così di espugnare Instanbul 86-90.

Con questo successo i valenciani, trascinati dai venti punti di Van Rossom e da un Prepelic scatenato nel finale (tredici punti, tutti nell’ultimo quarto), si portano in quarta posizione, mentre il Fenerbahce vede allontanarsi sempre più la zona play-off.

 

FENERBACHE – VALENCIA 86-90

FENERBAHCE: Brown 12, Vesely 10, Muhammed 16, Barthel 9, Ulanovas, Eddie 11, Duverioglu, Biberovic, Pierre 15, Westermann 2, Siphani, Candan. Allenatore: Kokoskov

VALENCIA: Dubljevic 11, Van Rossom 20, Vives 7, Pradilla 6, Kalinic 9, Prepelic 13, Williams 13, Puerto, Tobey 2, San Emeterio 6, Hermannsson 3, Jimenez. Allenatore: Ponsarnau

Getty Images

Pierre, tra i migliori nelle fila turche

Clicca qui per gli altri recap di EuroLega.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy