EuroLega, 12ª giornata: Sorpresa ad OAKA, il Panathinaikos batte lo Zenit

0
Credits: euroleague.net

Corre forte lo Zenit San Pietroburgo che si presenta ad O.A.K.A. con cinque vittorie consecutive e uno sguardo fissato verso i piani alti della classifica. Il Panathinaikos, dal canto suo, sta affrontando una stagione molto complicata e veleggia nei bassi fondi con appena due gare e ben nove perse.

PANATHINAIKOS 70 – 64 ZENIT SAN PIETROBURGO (15-23; 33-38; 53-48)

I primi quattro minuti di gioco sono uno spot per tutto ciò che non va fatto sul parquet. Il Pana è totalmente in bambola, sei tiri sbagliati e tre palle perse con lo Zenit che ne approfitta, va a canestro con Mickey, Loyd e con Frankamp chiude il break da 12-0 con cui si apre il match. La tripla di Sant-Roos toglie le ragnatele dalla retina, i greci prendono confidenza e risalgono fino al -6 con la bomba di Nedovic. Mickey e Loyd sono grandi protagonisti del primo quarto dei russi, con Poythrees che chiude il periodo e mette otto punti di distacco, 15-23 dopo dieci minuti ad O.A.K.A.

Gli ospiti provano a controllare il vantaggio, segnano con Ponitka e rispondono a Macon e Papapetrou con il canestro di Poythrees che vale il +9, 19-28. Il Pana, però, nel giro di un minuto trova tre triple con Macon, Nedovic e Kaselakis e al 15′, a sorpresa, impatta il match a quota 28. La reazione dello Zenit è rabbiosa, difesa aggressiva e canestri a ripetizione, i greci subiscono e scivolano di nuovo nel punteggio, ritrovandosi sotto di dieci punti al 18′ quando Kaselakis va a segno per i russi. Nel finale la distanza si accorgia e il primo tempo si chiude 33-38 per lo Zenit.

Al rientro dalla pausa lunga gli ospiti sono sporchi in fase offensiva e il Pana cresce in fiducia, trovando al 24′ il primo vantaggio nel match con Papagiannis. I greci capiscono che può essere il momento decisivo per scappare via e continuano a martellare la retina avversaria, andando addirittura avanti di 9, 51-42, con la tripla di Nedovic. Frakamp prova a dare un po’ di respiro allo Zenit e, con Kuzminskas, ci riesce in parte tornando al -5 quando mancano dieci minuti alla fine del match.

Credits: euroleague.net

Controllare il vantaggio e portare a casa il match non è la specialità in casa Panathinaikos ma questa gara sembra andare controcorrente e i greci al 33′ allungano e vanno avanti di due cifre, 60-50. Lo Zenit capisce che non ci saranno più molte chance per provare a rientrare e spingono in fase offensiva, trovando un clamoroso break da 12-1 chiuso dalla tripla di Kuzminskas che permette agli ospiti di rimettere il naso avanti. Il Pana stavolta non ci sta, si affida a Papagiannis e in fase offensiva e l’ellenico non tradisce, portando alla vittoria la squadra di Priftis con il 70-64 finale.

Tabellino

Panathinaikos: Papagiannis 18, Nedovic 18, Macon 11, White 8, Sant-Roos 6, Papapetrou 4, Kaselakis 3, Evans 2, Floyd, Perry, Bochoridis. Coach: Dimitris Priftis

Zenit: Loyd 15, Frankamp 14, Kuzminskas 13, Mickey 9, Poythrees 7, Ponitka 4, Gudaitis 2, Zubkov, Karasev, Kulagin, Baron, Zakharov. Coach: Xavi Pascual

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here