EuroLega, 12ª giornata: un immenso Sloukas consegna la vittoria al Fenerbahce dopo un supplementare!

EuroLega, 12ª giornata: un immenso Sloukas consegna la vittoria al Fenerbahce dopo un supplementare!

Partita sontuosa del play greco che porta il Fenerbahce alla quinta vittoria in EuroLega, la terza consecutiva. Che i gialloblu abbiano ingranato finalmente la marcia giusta?

di Marco Novello

Per la 12ª giornata di Turkish Airlines EuroLeague, all’Ulker Spor Salonu di Istanbul va in scena la sfida tra i padroni di casa del Fenerbahce ed i tedeschi dell’Alba Berlino. La sfida rimane in equilibrio per trenta minuti, nonostante il pessimo avvio dei teutonici; a decidere l’incontro alla fine sono la classe ed il talento delle guardie del Fenerbahce in particolare Sloukas e De Colo.

 

QUINTETTO BASE FENERBAHCE: Mahmutoglu, Sloukas, Williams, Datome Lauvergne

QUINTETTO BASE ALBA BERLINO: Eriksson, Hermannsson, Nnoko, Giedraitis, Sikma

 

Sikma apre le danze al match col primo canestro, Mahmatoglu, negli altri 15 metri, replica immediatamente per il primo vantaggio Fener sul 3 a 2. I gialloblu sono infallibili in quest’avvio soprattutto dalla lunga distanza; Sloukas e Datome rimpinguano il bottino dei padroni di casa che in men che non si dica doppiano i berlinesi nel punteggio (8-4 dopo 4’ di gioco). I turchi sembrano trasformati; la brutta copia che si ammirava in giro per l’Europa non più tardi di un mese fa ha lasciato il posto alla squadra che tutti in estate temevano; un gioco offensivo pregevole fatto di extra-pass per trovare il giocatore col tiro migliore, il tutto unito ad una difesa, almeno in quest’avvio, davvero di ferro fanno presagire che il peggio sia veramente alle spalle! Le due triple consecutive di Williams dilatano ulteriormente il vantaggio dei ragazzi di Obradovic prima che Sikma interrompa il break favorevole dei padroni di casa con la bomba del -9 (18-9). Datome e Mahmutoglu riportano, in un amen, il Fener oltre la doppia cifra di vantaggio (6/6 da 3 punti in questo avvio per la formazione di Istanbul), tuttavia gli ospiti provano a limitare i danni con Giffey e Mattiseck anche se il punteggio risulta già essere eloquente (26-16 all’ottavo minuto). Lauvergne inchioda a canestro una comoda schiacciata prima che De Colo, di nuovo in campo dopo il lungo infortunio, riscriva il massimo vantaggio dei padroni di casa sul 30 a 16, parziale con cui si conclude la prima frazione di gioco.

Il secondo periodo è caratterizzato dal buon avvio ospite, i teutonici provano una rimonta che pare disperata per quanto visto nel primo quarto. Col passare dei minuti però quello che pareva impossibile ora sembra realtà; i gialloblu, complice un’ampia rotazione effettuata da Obradovic, perdono il filo del discorso col canestro avversario, mentre Giffey e Siva riportano sotto la doppia cifra di svantaggio i berlinesi (32-24 al 13’). Giffey, con una tripla pesantissima, riapre i giochi prima che Williams affondi nel canestro il “cioccolatino” offertogli da un ispirato Mahmutoglu (34-27). I biancoazzurri non ci stanno e replicano dapprima coi liberi di Sikma e Nnoko per poi portarsi incredibilmente avanti grazie alle bombe di Giedraitis ed Eriksson (4-19 di parziale in questo frangente dell’incontro!). Ora la sfida è viva con due squadre che se la giocano possesso dopo possesso; Datome dapprima in difesa si sbuccia le ginocchia per recuperare un pallone vagante e poi serve con un ottimo assist Mahmutoglu in angolo che con l’ennesima bomba sentenzia il +4 Fener (41-37). L’Alba però è più che mai in partita e grazie al buzzer dell’ala lituana i biancoazzurri ospiti accusano soltanto una lunghezza di ritardo dai più quotati avversari (41-40 all’intervallo lungo).

La ripresa è un’altalena di emozioni; Siva mette a referto il quarto punto della sua partita; ma Sloukas, dalla linea della carità, risponde per le rime all’esterno in forza ai teutonici. All’improvviso si sveglia Giedraitis; il numero 31 in forza alla squadra allenata da Garcia Rennes mette a segno in solitaria un parziale di 8 a 0 che fa volare l’Alba addirittura sul +6, un vantaggio quasi utopistico dopo i primi dieci minuti di gioco (43-49 al 23’)! Il Fener tuttavia ha il merito di non uscire con la testa dal match e piano piano cominciano a recuperare lo svantaggio. Mahmutoglu, da gran capitano, è l’anima della rimonta dei turchi; la guardia dei gialloblu si fa trovare sempre pronta sugli scarichi dei compagni ed oltre l’arco risulta essere una vera e propria sentenza (4/6 dai 6.75 metri per il capitano dei padroni di casa)! Datome col 2/2 ai liberi fa riporta i padroni di casa avanti di una sola lunghezza; l’equilibrio creatosi però perdurerà per diversi minuti. Mattiseck, di fatti, punirà per ben due volte una distratta difesa dei padroni di casa; ma il punto esclamativo nel quarto lo mette Stimac con un prezioso gioco da tre punti. Alla penultima sirena il Fenerbahce è avanti 65 a 62.

Gli ultimi dieci minuti di gioco sembrano una fotocopia del secondo periodo. L’attacco tedesco gira che è una meraviglia, ma nemmeno i turchi stanno a guardare replicando canestro su canestro. Le ottime percentuali dalla lunga distanza tenute da Giedraitis e soci però fanno la differenza; una bomba messa a segno da Hernmannsson porta l’Alba clamorosamente avanti di 4 lunghezze a cinque minuti dalla fine spaccando in due la partita. I turchi si affidano alle iniziative in post basso di Lauvergne, il lungo francese non delude la fiducia dei compagni, ma i tedeschi riescono a rimanere avanti grazie alla freddezza di Sikma e Siva (75-79 a tre dalla fine). I gialloblu non demordono, i biancoazzurri d’altro canto giocano con un’incredibile sicurezza e tranquillità, le squadre continuano a rimanere appiccicate fino all’ultimo giro di lancette; ovvero fin tanto che il Fener non prova a piazzare la zampata decisiva. Trascinati da un immenso Sloukas, i turchi hanno la forza per ribaltare per l’ennesima volta l’incontro e scappare con Williams (stoppa e contropiede con schiacciata nella stessa azione) su un clamoroso +3 (86-83 a trenta secondi dal termine). Quando la partita sembrava ormai chiusa una clamorosa dormita a rimbalzo dei lunghi del Fener permette a Sikma di depositare a canestro i punti, dopo l’errore di Giedraitis dai liberi, che valgono l’aggancio da parte dell’Alba a quota 88 e che significano overtime!
I primi minuti del supplementare sono caratterizzati da continui viaggi in lunetta, nessuno dei giocatori però trema e quindi si continua a viaggiare in perfetta parità. De Colo prova a salire in cattedra con due giocate di assoluta qualità, ma Mason, coi primi punti della sua serata, tiene ancora l’Alba incollato agli avversari. Ci pensa quindi capitan Mahmutoglu a sbloccare la situazione di stallo con la pesantissima tripla del 99 a 96; da questo momento in poi si andrà avanti per inerzia con le due formazioni a trovare un canestro dopo l’altro, ma coi turchi ampiamente in controllo dei ritmi dell’incontro. All’Alba Berlino va un plauso per aver giocato una partita davvero gagliarda e con ottime percentuali dalla lunga distanza, ma con Sloukas e De Colo entrambi in serata di grazia è davvero difficile uscire da Istanbul col referto rosa e due punti in più in classifica. Il finale dall’Ulker Spor Salonu recita il seguente punteggio Fenerbahce 107-102 Alba Berlino.

MVP BASKETINSIDE.COM: Kostas Sloukas. Il play greco nella prima parte dell’incontro non si nota molto, ma cresce alla distanza. Nel momento di massimo sforzo, insieme a Lauvergne, è lui a mettere i punti decisivi per la vittoria gialloblu. Alla fine per il numero 16 sarà la solita partita di sostanza oltre che di qualità con 23 punti, 10 assist e 13/13 ai liberi.

FENERBAHCE BEKO-ALBA BERLINO 107–102 dts (30-16, 41-40, 65-62, 80-80)
[Progressivo 30-16, 11-24, 24-22, 23-26, 19-14]

Fenerbahce Beko: Westermann 0, Mahmutoglu 17, Kalinic 0, Biberovic n.e., Sloukas 23, De Colo 18, Williams 14, Muhammed 0, Duverioglu 9, Datome 8, Lauvergne 15, Stimac 3, all. Obradovic

Alba Berlino: Mason 4, Siva 10, Giffey 12, Eriksson 10, Mattisseck 8, Benneke n.e., Hermannsson 12, Nikic 2, Ogbe 0, Giedraitis 19, Nnoko 7, Sikma 18, all. Garcia.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy