EuroLega, 13ª giornata: il Valencia vince a Kaunas, il Bayern supera lo Zenit in casa

EuroLega, 13ª giornata: il Valencia vince a Kaunas, il Bayern supera lo Zenit in casa

Vittoria esterna per il Valencia che espugna la Zalgiris Arena di Kaunas dopo due sconfitte consecutive, i lituani restano ultimi. Vince anche il Bayern, che sfrutta il fattore campo per battere lo Zenit, altra squadra in fondo alla classifica in EuroLega.

di Gaetano Cantarero

Zalgiris Kaunas – Valencia 82-86 (21-19; 48-47; 57-64)

La gara in terra lituana inizia con grande equilibrio, le due squadre giocano a basso ritmo, a metà primo quarto Colom prova a spingere gli ospiti fino al +5, 7-12, ma lo Zalgiris si affida a Leday che piazza sei punti consecutivi e riporta i suoi avanti di un punto. Il quarto si chiude con il canestro di Landale, 21-19 dopo dieci minuti di gioco. Nel secondo quarto Landale e Lekavicius provano a dare uno strappo alla gara, ma il Valencia è compatto e resta a contatto nella metà del periodo, sfruttando i canestri di Laberyie e Colom, rientrando fino al -1. Le squadre ritornano negli spogliatoi sul 48-47.

Al rientro dalla pausa lunga le squadre non trovano quasi mai il canestro, lo Zalgiris restano avanti fino al 26′, ma la tripla di Laberyie rompe gli equilibri e permette al Valencia di forzare la gara, sfruttando le amnesie difensive dei lituani. Gli spagnoli continuano a spingere e si ritrovano, a dieci minuti dal termine, sul 57-64, con Laberyie già a quota 19 punti. Nei primi possessi dell’ultimo periodo lo Zalgiris sembra non avere più benzina per rientrare nel match, ma Zack Leday prova a mettersi la squadra sulle spalle e riesce a riportare i suoi sotto di 5, 70-75 al 37′. Van Rossom e Abalde tengono gli avversari a distanza, ma a 29 secondi dal termine KC Rivers piazza la tripla del -3. Loyd e Abalde sono perfetti ai liberi, Walkup perde il pallone dell’ultimo possesso e il Valencia riesce a conquistare il successo, 82-86.

Bayern Monaco – Zenit San Pietroburgo 77-69 A(14-15; 37-35; 61-50)

Getty Images

Inizio di buon livello per il Bayern che difende bene, concede un solo punto allo Zenit nei primi cinque minuti e si porta sul 7-1. La reazione russa arriva con Abromaitis e Hollins per il primo vantaggio della squadra di San Pietroburgo, sul 7-9 all’ottavo minuto di gioco. Il match si accende negli ultimi possessi, Ponkrashov e Thomas da una parte, Lo e Nelson dall’altra conducono il match sulla linea di equilibrio per il 14-15 dopo il primo quarto.Nel secondo periodo appare nel match Flaccadori, che mette a segno cinque punti e tiene i suoi a contatto, dando anche al Bayern il vantaggio 25-23 al 14′. I tedeschi sul campo sono superiori, ma nel punteggio non si vede la distanza con lo Zenit, fino al 37-35 con cui le squadre tornano negli spogliatoi.

Al rientro dalla pausa lunga il Bayern cambia faccia, inizia a spingere e sotto i colpi di Monroe e Nelson lo Zenit si ritrova al 25′ sotto di dodici punti, 53-41. Albicy e Renfroe provano a mettere una pezza ma nonostante i tentativi dei russi, il Bayern dà continuità ai giochi offensivi e chiudono sul 61-50 il terzo periodo. Negli ultimi dieci minuti i tedeschi sono chiamati a controllare il match, Flaccadori va in doppia cifra e solo nel finale lo Zenit prova a ridurre la distanza, con la gara che si chiude 77-69 per i padroni di casa.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy