EuroLega, 13ª giornata: Mike James guida Monaco, Olympiacos domina un tempo e vince. Baskonia al fotofinish, bene Ojeleye per Valencia

0
Credits: AS Monaco Basket

Un’altra settimana di Eurolega con un venerdì ricco di partite. Analizzeremo a parte – in questa sezione trovate tutto – la partita della Virtus Bologna e il big match Barcelona – Fenerbahce, mentre qui diamo un’occhiata alle altre 4 partite in programma.

ZALGIRIS KAUNAS – AS MONACO 79-83 (19-23, 37-46, 59-57)

Monaco parte subito forte, ma i lituani rientrano prima di subire un’altra spallata dai ragazzi di coach Obradovic capaci di volare in doppia cifra di vantaggio prima dell’intervallo. I padroni di casa però piazzano un 11-0 nel terzo quarto che permette loro di andare per la prima volta avanti nella partita grazie a Sumner e Dimsa. Mike James però infila la tripla del -2 che tiene a contatto i suoi. Negli ultimi 5′ di gara poi Monaco segna il parziale che la porta sul +8 a 1’15” dal termine, Kaunas torna fino a -2 ma non riesce a spendere fallo e Okobo in contropiede fissa il punteggio finale sul 79-83.

ZAL: Dimsa 14, Smits 13 (11 rimbalzi), Evans 10, Ulanovas 10, Sumner 9, Giedraitis 8, Hayes 6, Birutis 6, Lavrinovicius 3.

MON: Mike James 25, Blossomgame 13, Okobo 12, Diallo 11, Cornelie 9, Jaiteh 4, Hall 4, Strazel 3, Brown III 2.

OLYMPIACOS PIREO – BAYERN MONACO 77-69 (24-8, 41-29, 54-44)

Pronti, via e i padroni di casa segnano un 18-2 da cui i bavaresi faticano a rialzarsi tanto che dopo 10′ hanno segnato solo 8 punti contro i 24 subìti. L’unica nota positiva per il Bayern è il classe 2006 Kharchenkov mentre la squadra sprofonda anche a -20. I ragazzi di coach Laso rientrano al massimo a -12, poi Papanikolaou e Peters ad inizio 3° quarto ristabiliscono le distanze prima del 10-0 che riavvicina gli avversari a 3 possessi di distacco. Pian piano però i greci riprendono il controllo della partita e, rischiando qualcosa più del dovuto nel finale, portano a casa la settima vittoria in questa Euroleague.

OLY: Peters 14, Walkup 14, Larentzakis 13, Milutinov 12, Papanikolaou 8, Canaan 8, Fall 7, Sikma 1, Brazdeikis.

BAY: Edwards 11, Francisco 10, Weiler-Babb 9, Harris 8, Bonga 6, Brankovic 5, Weidemann 5, Kharchenkov 4, Booker 4, Gillespie 4, Radoncic 3, Giffey.

BASKONIA VITORIA-GASTEIZ – STELLA ROSSA BELGRADO 87-85 (26-18, 52-43, 67-62)

I baschi volano subito sul +9 sull’asse Marinkovic – Sedekerskis, poi sul finire del quarto i serbi rientrano ma le triple di Rogkavopoulos e Moneke li respingono indietro. Nel 2° quarto la musica non cambia con il Baskonia sempre in controllo, mentre nel 3° Giedraitis e Mitrovic permettono alla Stella Rossa di impattare a quota 62 dopo una grande rimonta. Il 5-0 di fine terzo quarto però dà il via nuovamente alla fuga dei padroni di casa, che tornano anche a +10 nel corso dell’ultimo periodo. I serbi ci provano di nuovo e riescono nuovamente a pareggiare con un grande Giedraitis. Sedekerskis dalla lunetta fa +2, ma Belgrado ha l’ultimo tiro che per poco Giedraitis non segna. Vince Baskonia 87-85.

BKN: Sedekerskis 18, Howard 17, Moneke 15, Rogkavopoulos 14, Marinkovic 9, Kotsar 6, Miller-Mcintyre 4 (12 assist), Chiozza 2, Diez 2, Diop.

BEL: Giedraitis 24, Bolomboy 14, Teodosic 13, Lazic 9, Mitrovic 8, Nedovic 7, Tobey 5, Dos Santos 3, Lazarevic 2, Davidovac.

ASVEL VILLEURBANNE – VALENCIA BASKET 55-78 (23-18, 33-35, 41-53)

Lauvergne guida i francesi in un primo quarto equilibrato, ma tra secondo e terzo periodo ASVEL segna solamente 18 punti totali contro i 35 del Valencia che quindi recupera e supera prendendo anche un vantaggio in doppia cifra. Nella seconda metà del 3° periodo gli spagnoli di un ispirato Ojeleye piazzano un 14-0 da cui i ragazzi di coach Pozzecco non si rialzano più e anzi poi crollano nell’ultimo quarto finendo la partita a -23.

ASV: Lauvergne 13, Luwawu-Cabarrot 12, De Colo 9, Lee 7, Fall 4, Lighty 4, Kahudi 4, Egbunu 2, Jackson, Scott.

VAL: Ojeleye 16, Jones 14, Davies 8, Puerto 8, Inglis 7, Toure 7, Harper 6, Reuvers 5, Robertson 5, Jovic 2, Claver, Pradilla.