EuroLega, 14ª giornata: Mirotic-Higgins, il Barça doma il Khimki

La squadra blaugrana vince la sfida casalinga contro il Khimki e trova la vittoria numero 11 in EuroLega. Grande prestazione della coppia Mirotic-Higgins, a referto 44 punti in due.

di Gaetano Cantarero

Occasione da sfruttare al Palau per il Barcellona che si trova di fronte la peggior squadra dell’EuroLega, il Khimki Mosca di coach Kurtinaitis. I blaugrana non vivono un momento particolarmente facile, con due sconfitte nelle ultime quattro, ma dall’altra parte la squadra russa non vince da un mese e, dopo l’ultimo successo, ha perso cinque gare consecutive.

Quintetto Barcellona: Calathes, Higgins, Abrines, Mirotic, Oriola

Quintetto Khimki: Shved, Zaytsev, Bertans, Jerebko, Booker

BARCELLONA 87 – 74 KHIMKI (32-25; 51-41; 69-53)

Bastano otto secondi a Cory Higgins per stappare la partita con la prima tripla della gara. La gara è ad alto ritmo, Jerebko e Bertans aprono lo score degli ospiti e al 3’il match è sul 10-7 per il Barça. Mirotic si mette in proprio a metà primo quarto, segna nove punti consecutivi e porta i suoi avanti di 7. Bertans è uno dei più attivi del Khimki, i padroni di casa invece trovano Oriola in un momento positivo ed è 24-15 al 6′. Nel finale di periodo Shved mette una toppa al tentativo di fuga degli spagnoli, si accende anche Karasev e le squadre chiudono i primi dieci minuti di gara sul 32-25.

Il tentativo di rimonta del Khimki si apre con il gioco da tre punti di Mickey, ma per quanto gli ospiti si avvicinino, il Barça controlla il vantaggio e segna con Brandon l’unico canestro in oltre tre minuti di gioco, al 16′ è 39-34 per i padroni di casa. Shved e Booker provano a rimettere tutto in discussione, ma nei minuti finali del tempo il Barcellona è preciso ai liberi e il Khimki non trova più la via del canestro. Le squadre tornano negli spogliatoi sul 51-41.

Al rientro dalla pausa lunga la gara è brutta, soltanto un canestro per il Barça e poi parziale da 7-0 per il Khimki che si rifà sotto fino al -6 al 24′. Le squadre segnano pochissimi, gli ospiti si inceppano davanti con il solo Mickey che riesce a dare continuità ai possessi offensivi, ma gli spagnoli non fanno meglio e devono affidarsi ai tiri liberi per continuare ad allungare. Ed è l’imprecisione della squadra russa in attacco a permettere addirittura al Barça di presentarsi agli ultimi dieci minuti sul +16, 69-53.

Getty Images

Nell’ultimo quarto il Barcellona è chiamato a controllare il vantaggio ma per cinque minuti trova un solo canestro, con la tripla di Kuric, e subisce una lenta rimonta degli ospiti che tornano fino al -8, nonostante un “clamoroso” 1/3 ai liberi di Shved. Gli sforzi degli ospiti, però, sembrano esaurire le forze e i padroni di casa tornano a controllare il match con il solito Mirotic e con i canestri di Higgins, nuovo +16 al 37′. Shved spara due triple consecutive a segno, almeno per provare a rendere meno pesante il parziale, ma non c’è più tempo per provare a rimontare. Il Barcellona sfrutta il fattore campo e vince 87-74.

Tabellino

Barcellona: Davies 6, Hanga 3, Smits 4, Heurtel, Pustovyi, Oriola 10, Abrines 13, Higgins 20, Martinez, Kuric 6, Mirotic 24, Calathes 1. Coach: Sarunas Jasikevicius

Khimki: Shved 22, McCollum, Timma, Karasev 13, Zaytsev 5, Monia, Odinkov, Jovic 3, Booker 8, Jerebko 2, Bertans 8, Mickey 13. Coach: Rimas Kurtinaitis

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy