EuroLega, 16ª giornata: lo Zalgiris si sblocca e asfalta il Bayern Monaco

EuroLega, 16ª giornata: lo Zalgiris si sblocca e asfalta il Bayern Monaco

Bel colpo esterno per i lituani, che interrompono una serie di otto ko di fila.

di Fabio Rusconi

Dopo otto sconfitte consecutive torna alla vittoria lo Zalgiris. I lituani sbancano l’Audi Dome di Monaco di Baviera con un’ottima prova di squadra e trascinati da un super Milaknis, MVP della gara. Eccezionale anche la prova di Leday. Bayern troppo opaco, impreciso al tiro e che perde troppi palloni per sperare in una vittoria, mai realmente in discussione e saldamente nelle mani lituane per vasti tratti del suo arco. Punti letteralmente lasciati per strada dai tedeschi contro uno Zalgiris che si presentava a questa trasferta in difficoltà. Radonjic, al quale sono inutili i 20 punti di Barthel, potrebbe rimpiangere moltissimo questi punti a fine stagione, mentre coach Jasikievicius respira un minimo, raggiungendo lo Zenit in coabitazione come fanalini di coda della classifica. Da segnalare i pochi minuti concessi a Flaccadori, e quasi tutti a match ampiamente compromesso. Per lui 0 punti e 2 palle perse, non la migliore delle serate per l’ex-Trento, così come per i suoi compagni.

Quintetto Bayern: Lo, Lucic, Koponen, Lessort, Barthel

Quintetto Zalgiris: Walkup, Rivers, Jankunas, Ulanovas, Geben

Partenza ad alti giri (5-5 dopo 1′) con i padroni di casa che provano ad allungare con un 6-0 nella prima metà di primo quarto. +6 Bayern, che però improvvisamente spegne la luce lasciando campo libero alle seconde linee lituane, che calano un mortifero parziale 16-2 a chiudere il quarto. Molto ispirato Milaknis, che manda a bersaglio i suoi primi tre tentativi dall’arco (13-21 al 10′), peraltro di fila. Locali scossi, subiscono ancora a inizio secondo periodo un 6-0 firmato RiversHayes, venendo doppiati nel punteggio e toccando il massimo svantaggio a -13 (13-26). Ottimo Zalgiris fin qui, soprattutto in difesa dove nega spesso e volentieri il gioco nel pitturato. Nonostante ciò il Bayern, che va anche a -15 (15-30 al 15′), inizia una lenta e difficile risalita. Mattatori Lucic, Lo e Lessort in questa fase, a riportare i tedeschi sul -9 al 18′ (30-39). Zalgiris regge il colpo, andando al riposo sopra di 8 punti (35-43).

Barthel con la bomba risponde al canestro di Leday e il Bayern è a -7. Poco male per lo Zalgiris, che trova in Walkup (in doppia doppia per punti e assist al termine) un abile realizzatore e passatore: parziale 7-0 da lui ispirato e bavaresi ricacciati a -14 (38-52 al 23′). Timeout coach Radonjic, ma ottiene poco. Milaknis è infatti scatenato, ma tutto lo Zalgiris è solidissimo sui due lati del campo. I tedeschi non trovano soluzioni di qualità nella metà campo offensiva e trovano, per svariati minuti, solamente una tripla dalle mani di Nelson, incassando al contempo 8 punti dalla premiata ditta MilaknisLeday. Il nuovo massimo vantaggio è naturale conseguenza per i viaggianti (41-60 al 28′). In casa Bayern fioccano le palle perse (ben 14 fin qui contro le 6 avversarie), mentre Rivers e Lekavicius allargano la forbice fino a costruire un gap di 24 punti sul finire di terzo periodo (41-65), che si chiude sul parziale di 50-68. Milaknis è inarrestabile (termina con 19 punti, vicino al suo career high di 23), e aiuta i suoi segnando l’ennesima tripla in apertura di ultimo quarto. E’ l’inizio di un nuovo parziale 10-3 che manda i titoli di coda sul match (53-75 al 33′). Qualche minuto di garbage time prima che si chiuda il sipario sulla gara, che vede la squadra di Kaunas vincere per 75-98.

FC Bayern Monaco vs Zalgiris Kaunas 75-98 (13-21; 35-43; 41-65)

Bayern: Koponen 9, Monroe 2, Lucic 5, Lo 8, Dedovic 9, Zipser 13, Nelson 5, Flaccadori 0, Barthel 20, Lessort 2, Huestis 0, King n.e.. All: Radonjic

Zalgiris: Walkup 13, Rivers 18, Lekavicius 8, Hayes 12, Jankunas 2, Milaknis 19, Geben 4, Leday 19, Ulanovas 3, Venskus 0, Lukosiunas 0. All: Jasikievicius

MVP Basketinside: Arturas Milaknis

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy