EuroLega, 18ª giornata: Westermann e Williams piegano il Baskonia

EuroLega, 18ª giornata: Westermann e Williams piegano il Baskonia

Grande prova del play francese che, insieme al lungo ex Bayern, consegnano il secondo referto rosa al Fenerbhace consecutivo. Che per la squadra di Obradovic il peggio sia finalmente alle spalle?

di Marco Novello

Diciottesima giornata alla Buesa Arena, i padroni di casa del Kirolbet Baskonia affrontano i turchi del Fenerbahce in una partita che mette in palio punti davvero importanti per la rincorsa ad un posto nei P.O. Per gli ospiti c’è da annotare una pesante assenza, non è della partita infatti Kostas Sloukas.

 

QUINTETTO KIROLBET BASKONIA: Henry, Janning, Shengelia, Shields, Eric

QUINTETTO FENERBAHCE BEKO: De Colo, Westermann, Kalinic, Williams, Thomas

 

Parte forte il Fenerbahce; i turchi, dopo l’iniziale bomba di Shengelia, mettono subito in chiaro le loro intenzioni e nel giro di tre minuti mettono a segno dodici punti consecutivi frutto del 4/4 dalla lunga distanza targato Westermann-Williams (3-12 al 3’). I padroni di casa del Baskonia accusano il colpo con Ivanovic che, vista la situazione, è costretto a chiamare un immediato time-out per stoppare la furia offensiva dei gialloblu. Il minuto di sospensione inizialmente porta i frutti sperati dal coach montenegrino visto che Eric smuove il referto dei baschi; ma Williams replica prontamente con una poderosa schiacciata. Gli ospiti non sembrano risentire della pesante assenza di Sloukas; De Colo si carica sulle proprie spalle il peso della regia della squadra di Istanbul con ottimi risultati, sotto la saggia guida del francese i gialloblu veleggiano sulla doppia cifra di vantaggio prima che Stauskas, in penetrazione a fil di sirena, firmi il canestro del -9 mandando al riposo le due squadre sul parziale di 11 a 20.

 

Il secondo periodo si apre con l’ennesima tripla mandata a segno dal Fener che aggiorna il proprio massimo vantaggio a 12 punti (11-23), tuttavia l’ex Trento Shields risponde agli ospiti con la stessa moneta. I rossoblu improvvisamente sembrano essersi sbloccati e, guidati dal proprio capitano Shengelia, tornano in partita grazie ad un parziale di 11-6 (25-29 al 15’). Nel momento di massima difficoltà i gialloblu si aggrappano al giocatore con maggior talento ed esperienza; De Colo, infatti, apre e chiude il contro break ospite di 13-3 a suon di bombe che spengono il caldissimo pubblico della Buesa Arena. L’ultimo tentativo di Eric si infrange contro il ferro; Baskonia e Fenerbahce quindi guadagnano gli spogliatoi sul parziale di 28 a 42 in favore degli ospiti turchi.

 

La ripresa ricalca perfettamente l’inizio dell’incontro; i primi punti infatti portano la firma di Shengelia, ma poi è il Fenerbahce a prendere il centro del ring. De Colo e Westermann rimangono perfetti dalla lunga distanza facendo scappare la formazione di Istanbul nel punteggio, Stauskas e Shengelia però non hanno ancora intenzione di alzare bandiera bianca. Obradovic, non fidandosi dell’orgoglio basco, decide di fermare le operazioni con un time-out bloccando sul nascere il tentativo di rimonta dei padroni di casa. Mahmutoglu, in uscita dal time-out, spara quella che è l’undicesima tripla di serata (su sedici tentativi) degli ospiti, ma è Datome, con quattro punti in fila, a segnare sul tabellone luminoso il massimo vantaggio sul +20 a pochi istanti dal trentesimo minuto (40-60). Gli ultimi secondi del terzo periodo, complice una scarsa attitudine difensiva ospite, è ad appannaggio dei padroni di casa che rosicchiano tre punti agli avversari; all’alba dell’ultimo quarto di gioco il Fener guida nel punteggio per 62 a 45.

 

I rossoblu provano a dare il tutto per tutto nei primi minuti di quest’ultimo quarto di gioco nel tentativo di riaprire la partita; Fall con sei punti in fila riaccende una piccola speranza in casa basca, tuttavia Obradovic capisce il momento e chiama il secondo time-out a propria disposizione. Manco a dirlo, in uscita dal time-out i gialloblu chiudono di fatto la partita; Westermann, prova di assoluto spessore la sua non facendo rimpiangere l’assente Sloukas, incendia la retina avversaria con altre tre bombe consecutive che risultano essere la pietra tombale sul match. Sul -17 a 4’26” dalla fine i baschi alzano bandiera bianca in segno di resa, troppo forte, oltre che dannatamente chirurgico, il Fenerbahce questa sera per esser fermato; gli ultimi minuti dell’incontro perciò scorrono via tranquilli con i giocatori in campo che cercano semplicemente di migliorare le proprie statistiche individuali. La partita si concluderà quindi sul parziale di Baskonia 65–79 Fenerbahce; i gialloblu si impongono nuovamente in trasferta bissando il successo al Pireo di settimana scorsa avvicinandosi così sempre più alla zona play-off. Per il Baskonia uno stop duro da digerire soprattutto dopo l’ottima prestazione di settimana scorsa; ma con un Fenerbahce come quello di stasera c’era veramente poco da fare.

 

MVP BASKETINSIDE.COM: Derrick Williams. Finalmente una prestazione all’altezza del numero 21 gialloblu! L’ex Bayern si rende protagonista nel break iniziale che, a conti fatti, decide il match. Alla fine per il lungo made in USA il referto recita il seguente tabellino: 16 punti, 3 rimbalzi e 5 assist, quello che però stasera colpisce è la presenza in campo, autoritaria e sicura a differenza di altre volte.

 

KIROLBET BASKONIA – FENERBAHCE BEKO 65–79 (11-20, 28-42, 45-62)
[Progressivi 11-20, 17-22, 17-20, 20-17]

 

Kirolbet Baskonia: Gonzalez n.e., Henry 6, Lopez n.e., Janning 3, Diop n.e., Garcia, Fall 18, Stauskas 9, Shengelia 21, Shields 3, Polonara 1, Eric 4, all. Ivanovic.

 

Fenerbahce Beko: Nunnally, Westermann 21, Mahmutoglu 9, Kalinic 4, Biberovic n.e., De Colo 11, Williams 16, Thomas 3, Candan n.e., Ali 4, Datome 9, Lauvergne 2, all. Obradovic.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy